Skip to content

La relazione tra cultura organizzativa e comunicazione interna ed esterna: un'analisi secondo l'approccio psico-sociale

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Nicole Rancati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Vincenzo Russo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Le imprese vengono quasi sempre viste semplicemente come delle aziende produttrici di beni o servizi, considerando la loro gestione come un mero compito economico.
Ciò che seguirà riguarderà il mondo dell’azienda, ma sotto un profilo diverso, di stampo psico-sociale. Questo per sottolineare il fatto che se la definizione di azienda che ho dato prima può benissimo essere applicata a qualsiasi impresa operante nei mercati, bisogna comunque tener presente che le organizzazioni, in realtà, differiscono tra loro, e questa differenza ha origine dal proprio interno, caratterizzato da una precisa identità.
Ogni impresa ha infatti un proprio sistema di valori, di norme, di orientamenti all’azione e di regole di comportamento che la caratterizzano rispetto a qualunque altra. Tutto questo fa parte della cultura organizzativa dell’impresa.
In questo scritto analizzo il modo con cui la cultura e i suoi valori possono essere sfruttati sia come strumento per rafforzare il livello di integrazione interna, e sia come caratteristica peculiare al fine di stabilire un tipo di comunicazione verso l’esterno che possa essere percepita come unica e differente rispetto a quella delle altre aziende del mercato.
Per poter raggiungere questo obiettivo è necessario comprendere il concetto di cultura organizzativa, il suo ruolo all’interno dell’impresa, in che modo si presenta e le modalità che utilizza per potersi propagare tra i membri dell’organizzazione, al fine, inoltre, di poterla utilizzare, da parte del management, come mezzo per dirigere ed influenzare la vita all’interno dell’impresa.
Una volta raggiunto un buon grado di consapevolezza rispetto alle caratteristiche culturali aziendali, che prendono origine dai valori e dalle credenze che stanno alla base della cultura organizzativa, sarà quindi possibile inquadrare quella che è la personalità dell’azienda e la sua conseguente identità; attraverso quest’ultima si potranno infine pianificare sia gli obiettivi comunicazionali che si vorranno raggiungere al momento di rivolgersi verso l’esterno, e sia il modo più opportuno e coerente attraverso il quale comunicarli.
Il risultato di questo lungo processo porterà alla creazione, da parte dei pubblici che verranno in contatto con l’organizzazione, dell’immagine aziendale, e la possibile creazione di una ben definita corporate brand che rispecchi in pieno i valori che l’azienda vuole comunicare.
Durante questo lungo percorso di pianificazione è però indispensabile tener presente la possibilità che possano presentarsi degli ostacoli: incoerenze riguardo le percezioni che emergono nei confronti dell’impresa, sia dall’interno che dall’esterno, le quali renderebbero le comunicazioni (interne ed esterne) incoerenti e frammentate, oppure il mancato allineamento dei fattori strategici quali visione del management, cultura e immagine dell’azienda, che vanificherebbero ogni tentativo di costruzione di una buona marca aziendale.
Per poter ovviare a questi problemi, intervenendo su di essi in modo efficace e risolutivo, potranno essere utilizzati dei metodi attraverso i quali prima si prenderà coscienza di quali sono le cause che hanno scatenato queste difficoltà, per poter stabilire dei piani di risanamento.
Infine porrò l’accento sul fatto che, come la cultura è uno strumento per diffondere i valori all’interno dell’organizzazione, un ruolo analogo viene svolto dalla pubblicità per quanto riguarda verso il fronte esterno, attraverso l’utilizzo di un chiaro esempio riguardante l’azienda Barilla.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Le imprese vengono quasi sempre viste semplicemente come delle aziende produttrici di beni o servizi, considerando la loro gestione come un mero compito economico. Ciò che seguirà riguarderà il mondo dell’azienda, ma sotto un profilo diverso, di stampo psico-sociale. Questo per sottolineare il fatto che se la definizione di azienda che ho dato prima può benissimo essere applicata a qualsiasi impresa operante nei mercati, bisogna comunque tener presente che le organizzazioni, in realtà, differiscono tra loro, e questa differenza ha origine dal proprio interno, caratterizzato da una precisa identità. Ogni impresa ha infatti un proprio sistema di valori, di norme, di orientamenti all’azione e di regole di comportamento che la caratterizzano rispetto a qualunque altra. Tutto questo fa parte della cultura organizzativa dell’impresa. In questo scritto analizzo il modo con cui la cultura e i suoi valori possono essere sfruttati sia come strumento per rafforzare il livello di integrazione interna, e sia come caratteristica peculiare al fine di stabilire un tipo di comunicazione verso l’esterno che possa essere percepita come unica e differente rispetto a quella delle altre aziende del mercato. Per poter raggiungere questo obiettivo è necessario comprendere il concetto di cultura organizzativa, il suo ruolo all’interno dell’impresa, in che modo si presenta e le modalità che utilizza per potersi propagare tra i membri dell’organizzazione, al fine, inoltre, di poterla utilizzare, da parte del management, come mezzo per dirigere ed influenzare la vita all’interno dell’impresa. Una volta raggiunto un buon grado di consapevolezza rispetto alle caratteristiche culturali aziendali, che prendono origine dai valori e dalle credenze che stanno alla base della cultura organizzativa, sarà quindi possibile 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi