Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mina. Trattazione di un mito nel linguaggio dei giornali e nel costume di un paese

Mina è una leggenda lunga 40 anni, la cui identità tenteremo di raccontare qui attraverso il profilo che ne hanno tracciato i giornali, che documentano della gloria, dell’amore, del dolore, anche dell’unicità, di questo particolare personaggio.
Mina, di Busto Arsizio, nata il 25 marzo del 1940… Gran parte di quello che riguarda Mina comincia così, ma in questo lavoro, preferiamo raccontare dei venti anni di carriera artistica di questa singolare donna, non solo cantante, ma anche parte rappresentativa di un movimento di rifondazione dei gusti, dei rapporti sociali e culturali, e del costume nel nostro paese, durante gli anni Sessanta. Illustreremo come il personaggio "pubblicato" è stato rappresentato, attraverso la rilettura e l’analisi di alcuni articoli apparsi sui rotocalchi più in voga tra la fine degli anni Cinquanta e Sessanta, che hanno seguito le sorti della cantante sin dall’inizio della carriera. Siamo alla fine degli anni Cinquanta, comincia la voglia di fare, creare, e osare: bisogna fare soldi e investire su un'Italia da mosaico che ha bisogno di incollare i propri pezzi per ricominciare. Mentre stampa, radio, cinema e tv vivranno lunghi anni di censura maldestra, la canzone italiana comincia a svecchiarsi da melodie lente, che mugulano. Il paese è ormai in fermento. Esplode la popolarità di Mina e la sua immagine riempie pagine e pagine di settimanali, perché la sua presenza "tira" più delle grandi dive locali come Sophia Loren. Mina viene presentata come il vitalissimo prototipo delle ragazze yé yé, una bellezza imperfetta ma un fascino travolgente e una sensualità tutta italiana. Piacerà ad uomini e donne. Racconteremo quindi di questa donna controcorrente che ha fatto dell’artista un’icona senza tempo, e della donna un fenomeno culturale.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Mina è una leggenda lunga 40 anni, la cui identità tenteremo di raccontare qui attraverso il profilo che ne hanno tracciato i giornali, che documentano della gloria, dell’amore, del dolore, anche dell’unicità, di questo particolare personaggio. Mina, di Busto Arsizio, nata il 25 marzo del 1940… Gran parte di quello che riguarda Mina comincia così. Ma in questo lavoro, preferiamo raccontare dei venti anni di carriera artistica di questa singolare donna, non solo cantante, ma anche parte rappresentativa di un movimento di rifondazione dei gusti, dei rapporti sociali e culturali, e del costume nel nostro paese, durante gli anni Sessanta. Illustreremo come il personaggio "pubblicato" è stato rappresentato, attraverso la rilettura e l’analisi di alcuni

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Gisella Capuano Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3704 click dal 15/03/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.