Skip to content

Studio dell'esistenza di un possibile rapporto di consequenzialità tra mobbing ed eventi di mass murder

Informazioni tesi

master universitario di II livello in Scienze Forensi
  Autore: Tiziana Ciprini
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: Francesco Bruno
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

Con il presente lavoro si è inteso fornire un contributo allo studio dell’esistenza di un possibile rapporto di consequenzialità tra mobbing ed eventi di mass murder.
Attraverso l’analisi del fenomeno del mass murder - e in particolare degli eventi di omicidi di massa avvenuti nei luoghi di lavoro a danni di colleghi, capi-ufficio e semplici utenti, per opera di disgruntled workers, ovvero di “lavoratori scontenti” a seguito di licenziamento o insoddisfatti a causa di frustrazioni legate, del tutto o in parte, all’ambito del lavoro - e del fenomeno del mobbing è stato possibile rilevare rapporti di consequenzialità tra i due fenomeni: il mass murder si configurerebbe come l’estrema conseguenza del mobbing. Il “terrorismo psicologico” sarebbe, cioè, dietro al “terrorista sociale”. Dopo aver subito gli effetti devastanti di una “guerra sul posto di lavoro”, che si è conclusa con la sua estromissione dal contesto lavorativo, il soggetto mobbizzato può arrivare a provare sentimenti di fallimento, di rifiuto e un senso di esclusione dalla società da cui si sente tagliato fuori, fino a portarlo a provare un irrefrenabile desiderio di vendetta contro gli oppressori e a manifestare reazioni aggressive distruttive, trasformandolo in un mass murderer.
Gli atti di vendetta compiuti da parte di questi mass murderer possono essere l’espressione della loro incapacità di reinserirsi in un nuovo contesto lavorativo e nella società in cui vivono.
È stata inoltre riscontrata una relazione di consequenzialità tra il fenomeno del doppio mobbing e del family mass murder.
Il mobbing e il mass murder sono patologie sociali, figlie della nostra epoca, delle società del Primo Mondo e del “capitalismo del caos” e rientrano nelle cosiddette “patologie della normalità”, causate da reazioni individuali (spesso abnormi) al disagio, allo stress e alla frustrazione, in una dimensione sociale caratterizzata dall’indebolimento e dalla perdita di ruolo di alcuni tradizionali attori della mediazione sociale, quali la famiglia, le istituzioni, i sindacati.
Lo studio ha riguardato anche l’ambito della scuola con l’analisi dei massacri scolastici, avvenuti soprattutto in America ad opera di mass killers adolescenti che hanno perpetrato le stragi nelle loro scuole, e del fenomeno (prettamente italiano) dell’allagamento degli edifici scolastici ad opera di studenti, allo scopo di indagare se dietro a tali azioni distruttive fosse possibile riscontrare qualche forma di mobbing. La scuola, infatti, configurandosi come “luogo di lavoro” degli studenti, può mostrare dinamiche simili a quelle che all’interno di un’azienda portano all’insorgenza del mobbing. In particolare gli adolescenti autori di stragi scolastiche sono stati per lo più vittime di bullismo da parte degli altri compagni di scuola, mentre gli studenti italiani “allagatori di edifici scolastici” sembrano agire perché spinti da rabbia e desiderio di vendetta contro la scuola vissuta come ingiusta, persecutrice e fonte di frustrazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Abstract Con il presente lavoro si è inteso fornire un contributo allo studio dell’esistenza di un possibile rapporto di consequenzialità tra mobbing ed eventi di mass murder. Attraverso l’analisi del fenomeno del mass murder - e in particolare degli eventi di omicidi di massa avvenuti nei luoghi di lavoro a danni di colleghi, capi-ufficio e semplici utenti, per opera di disgruntled workers, ovvero di “lavoratori scontenti” a seguito di licenziamento o insoddisfatti a causa di frustrazioni legate, del tutto o in parte, all’ambito del lavoro - e del fenomeno del mobbing è stato possibile rilevare rapporti di consequenzialità tra i due fenomeni: il mass murder si configurerebbe come l’estrema conseguenza del mobbing. Il “terrorismo psicologico” sarebbe, cioè, dietro al “terrorista sociale”. Dopo aver subito gli effetti devastanti di una “guerra sul posto di lavoro”, che si è conclusa con la sua estromissione dal contesto lavorativo, il soggetto mobbizzato può arrivare a provare sentimenti di fallimento, di rifiuto e un senso di esclusione dalla società da cui si sente tagliato fuori, fino a portarlo a provare un irrefrenabile desiderio di vendetta contro gli oppressori e a manifestare reazioni aggressive distruttive, trasformandolo in un mass murderer. Gli atti di vendetta compiuti da parte di questi mass murderer possono essere l’espressione della loro incapacità di reinserirsi in un nuovo contesto lavorativo e nella società in cui vivono. È stata inoltre riscontrata una relazione di consequenzialità tra il fenomeno del doppio mobbing e del family mass murder. Il mobbing e il mass murder sono patologie sociali, figlie della nostra epoca, delle società del Primo Mondo e del “capitalismo del caos” e rientrano nelle cosiddette “patologie della normalità”, causate da reazioni individuali (spesso abnormi) al disagio, allo stress e alla frustrazione, in una dimensione sociale caratterizzata dall’indebolimento e dalla perdita di ruolo di alcuni tradizionali attori della mediazione sociale, quali la famiglia, le istituzioni, i sindacati. Lo studio ha riguardato anche l’ambito della scuola con l’analisi dei massacri scolastici, avvenuti soprattutto in America ad opera di mass killers adolescenti che hanno perpetrato le stragi nelle loro scuole, e del fenomeno (prettamente italiano) dell’allagamento degli edifici scolastici ad opera di studenti, allo scopo di indagare se dietro a tali azioni distruttive fosse possibile riscontrare qualche forma di mobbing. La scuola, infatti, configurandosi come “luogo di lavoro” degli studenti, può mostrare dinamiche simili a quelle che all’interno di un’azienda portano all’insorgenza del mobbing. In particolare gli adolescenti autori di stragi scolastiche sono stati per lo più vittime di bullismo da parte degli altri compagni di scuola, mentre gli studenti italiani “allagatori di edifici scolastici” sembrano agire perché spinti da rabbia e desiderio di vendetta contro la scuola vissuta come ingiusta, persecutrice e fonte di frustrazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bullying
columbine high school
criminologia
frustrazione
lavoro
malattia mentale
mass murder
mobbing
omicidio di massa
patologia sociale
scuola e massacri scolastici
terrorismo psicologico
violenza organizzativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi