Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Charles Bukowski al di là del ''BeRe'' e del Male

Charles Bukowski: il maledetto, il porco, il depravato, l'ubriacone.
Siete proprio sicuri che sia solo questo?
Avete mai pensato che quella faccia torbida e butterata che avrebbe voluto tanto poter "pettinare" non nasconda qualcos'altro?
Provate a scostare il vomito, il sangue e le piattole dalle pagine che ha scritto: ci ritroverete un bisogno recondito di affetto.
Provate a leggere, per la prima volta in Italia, questa biografia: vi sentirete un po' Bukowski anche voi... come me.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE n Italia, mentre sono apparsi in commercio quasi tutti i libri di Charles Bukowski, manca a tutt’oggi una sua biografia forse perché fa ancora comodo agli editori far conoscere l’autore esclusivamente sotto la veste di scrittore nonsense che si ripete nella descrizione delle sue prestazioni sessuali, delle sue mitiche ubriacature, evacuazioni “liberatorie” e puntate all’ippodromo. In America, a colmare questa lacuna, ci ha pensato un suo amico: Neeli Cherkowski 1 , pubblicando Hank; the Life of Charles Bukowski, New York, Random House, 1991; libro mai arrivato in Italia e oramai introvabile anche in America. Una biografia di Bukowski quindi, per noi italiani, non può che desumersi dai suoi racconti e romanzi, quasi tutti rigorosamente autobiografici, come lo stesso autore ammette: «... è il novantacinque per cento vero e il cinque per cento narrazione ...». 2 I testi più illuminanti al nostro scopo sono: Ham on Rye (che tratta della sua infanzia), Factotum (sui suoi lavori precari e saltuari), Women (sulle sue disavventure amorose), Post Office (sul suo lavoro alle Poste americane), Shakespeare Never Did This (sul suo viaggio in Europa), Hollywood (sulla 1 A Neeli Cherkowski, nel 1990, Bukowski ha dedicato -in occhietto- Septuagenarian Stew: Stories & Poems. 2 Charles Bukowski, Quello che mi Importa è Grattarmi Sotto le Ascelle, Fernanda Pivano intervista Bukowski, Milano, Sugarco, 1991, p. 62. I

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Luigi Trani Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8130 click dal 28/03/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.