Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia dei complessi musicali lametini

la mia è una ricerca sulla diffusione dela musica nel lametino, in particolare è una ricostruzione della formazione bandistica e della presenza di numerosi maestri che hanno divulgato questo settore non soltanto nella Città stessa ma anche in altri centri culturali

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il cuore di questa ricerca è la diffusione della musica nel lametino, ovvero nell’area degli ex comuni di Nicastro, Sambiase e S.Eufemia. Tale argomento è stato negli ultimi anni sottovalutato nonostante abbia stimolato continui confronti ‘ideologici’ di musicologi, maestri, strumentisti e appassionati. Purtroppo a causa di vari eventi storici e iniziative private, gravi fenomeni, come alluvioni, terremoti, rivolte e guerre mondiali, i frequenti restauri degli antichi conventi, e cosa ben più grave, il trasferimento degli archivi comunali in nuove sedi, si è verificata un’ingente perdita di fonti. Per di più tanti dei documenti sono spariti a causa degli ignoti personaggi fantasma che con la loro astuzia o ignoranza, che dir si voglia, hanno privato la società di importanti testimonianze culturali; naturalmente anche alcuni dei componenti stessi dei complessi hanno fatto la loro parte, provvedendo a fine ‘stagione’ a sequestrare le partiture fondamentali o addirittura a rubare gli strumenti mettendo in serie difficoltà i maestri che sono stati costretti a ricomprarne di nuovi. Da queste notizie tramandate oralmente nei secoli in tutta la piana, e da ciò che ho potuto sapere da alcuni ex «musicanti» e appassionati che hanno conservato nel loro cuore vecchi ricordi, cercherò di ricavare le profonde radici dei complessi bandistici e di scoprirne i vari retroscena, di come da loro si sia originata la situazione socio- culturale attuale di Lamezia Terme e di quanto la vasta cultura musicale abbia attecchito sul territorio, tanto da consentire la formazione di varie associazioni musicali e di una serie di organizzazioni volte alla diffusione di tale patrimonio. Ovviamente questa storia è collegata al passato, ma ancor di più alla situazione economica della città stessa. L’analisi evolverà nella direzione di tutti i complessi musicali formatisi nel lametino a partire dalla grande banda di Nicastro, l’unica a mantenere un’attività duratura nel tempo, dalle numerose esibizioni nelle piazze più importanti e dalle vicende di vita dei maestri che l’hanno diretta. È solo merito loro se la cultura bandistica oggi è ancora in vita, visto la tenacia che hanno dimostrato nel promulgare la musica a tanti appassionati che li hanno seguiti in tutte le loro peripezie. Perciò tanti giovani, seguendo le loro orme, si sono dedicati allo studio e all’insegnamento della musica. Alcuni hanno avuto il piacere e la possibilità di continuare gli studi musicali presso i conservatori, al contrario di altri che essendo impossibilitati hanno acquisito ugualmente le nozioni dal maestro e anche da alcuni dei componenti più colti e istruiti della banda. Molti musicanti hanno avuto la possibilità e la capacità di suonare più strumenti oltre quelli a fiato, la chitarra, il violino, il violoncello, il pianoforte, la fisarmonica. La maggiore parte degli strumentisti nicastresi, come anche delle altre bande calabresi, erano artigiani, operai, contadini, professionisti e studenti,

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Pietro Bonaddio Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 495 click dal 23/03/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.