Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La testimonianza indiretta nel processo penale

La tesi fornisce il concetto di testimonianza e distinzione dalla testimonianza indiretta, un'analisi accurata dell'interpretazione della categoria della testimonianza indiretta da parte della giurisprudenza e della dottrina, una definizione della testimonianza de relato come prova indiretta, un'approfondita analisi dei caratteri della testimonianza indiretta, e una completa descrizione della disciplina dell'istituto nell'ordinamento vigente.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 I – NOZIONE E CONCETTO DI TESTIMONIANZA INDIRETTA SOMMARIO - 1 - Concetto di testimonianza e distinzione dalla testimonianza indiretta; 2 – Interpretazione della categoria della testimonianza indiretta da parte della giurisprudenza; 3 – La testimonianza de relato come prova indiretta; 4 – Caratteri della testimonianza indiretta; 5 - Dal silenzio normativo nel codice abrogato all’attuale art. 195 c.p.p.; 6 – Importanza della testimonianza nel modello accusatorio e ruolo della testimonianza indiretta nell’attuale sistema processuale. 1 - Concetto di testimonianza e distinzione dalla testimonianza indiretta La prova testimoniale ha sempre costituito la struttura fondamentale di ogni sistema probatorio, fin dal diritto romano: d’altra parte la formula processuale di volta in volta prescelta dal singolo sistema giuridico ha inciso sulla prova testimoniale solo per aspetti estrinseci rispetto a questa (disciplina, struttura esterna e valutazione), senza tuttavia alterarne l’essenza e il ruolo centrale svolto nella vicenda giudiziaria. È però evidente che l’odierna caratterizzazione del processo penale come processo di parti finisce per esaltare tale ruolo, soprattutto nello svolgimento dell’istruzione dibattimentale, facendo della testimonianza la prova per eccellenza: a questa figura il codice, all’interno della trattazione dei “mezzi di prova”, riserva un notevole spazio, normativo e applicativo. Tale centralità della prova testimoniale è confermata, in modo indiretto ma inequivocabile, dalla collocazione della relativa disciplina nel libro III (subito dopo le disposizioni generali in materia di prove), e anche dalla collocazione della relativa disciplina nel libro VII (dedicato al Giudizio), nel quale le regole sull’esperimento dell’esame testimoniale e sulla utilizzabilità delle sue risultanze costituiscono insieme la premessa e l’essenziale punto di riferimento della disciplina dell’istruzione dibattimentale. Del resto va sottolineato come la prova testimoniale risulti profondamente modificata nella sua strutturazione dal sistema delineato nel nuovo codice di

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Matta Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9730 click dal 29/03/2006.

 

Consultata integralmente 54 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.