Skip to content

Analisi dei Fabbisogni Gestionali delle PMI della Provincia di Napoli

Informazioni tesi

  Autore: Marco Marinelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Emilio Esposito
Coautore: Carlo D'antonio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 220

Il lavoro di tesi nasce dalla necessità congiunta di Università di Napoli Federico II, ed in particolare del DIEG (Dipartimento di Ingegneria Economico Gestionale), Ordine degli Ingegneri di Napoli, ed in particolare della ComIG (Commissione di Ingegneria Gestionale), ed API-Napoli (Associazione Piccole e Medie Industrie della provincia di Napoli) di indagare lo stato di salute delle imprese della Provincia di Napoli, e la diffusione del ruolo dell’Ingegnere Gestionale all’interno delle stesse.
Dall’ esigenza di queste tre componenti prende vita il progetto “Analisi dei Fabbisogni gestionali delle PMI della Provincia di Napoli”.
L’obiettivo del progetto è indagare sulle aree aziendali la cui gestione presenti problematiche che risultino critiche per la competitività delle imprese. I risultati ottenuti sono stati incrociati con le competenze proprie dell’ingegnere gestionale al fine di avere un quadro preciso sul ruolo che tale figura professionale potrebbe, o meglio, dovrebbe, ricoprire all’interno delle imprese.
Si descriveranno le criticità gestionali delle PMI analizzando nello specifico la Pianificazione Strategica, Marketing e Vendite, Controllo di Gestione, Logistica e Produzione e Finanza Aziendale. Si passerà poi a confrontare il posizionamento, nelle varie aree aziendali, delle imprese analizzate rispetto ad un’impresa tipo, che non presenti particolari criticità.
Nell'ultima parte si descrive il rapporto tra l’ingegnere gestionale e le PMI. Dopo una iniziale introduzione sul mercato del lavoro degli ingegneri gestionali, si riportano i risultati dell’indagine relativi alla conoscenza da parte di imprenditori e dirigenti di tale figura professionale; in particolare si indaga sulla consapevolezza della necessità di ingegneri gestionali nelle piccole e medie imprese e sul loro posizionamento all’interno delle stesse.
Uno degli elementi “denominatore comune” per le imprese coinvolte nel progetto è la diffusa carenza di pianificazione a qualsiasi livello; in particolar modo la pianificazione strategica ed il controllo di gestione si sono rivelati i principali fattori di debolezza strutturale delle imprese.
Un altro risultato importante riguarda la gestione finanziaria delle imprese che spesso è soggetta a problemi di liquidità dovuti, oltre che alla solita mancanza di pianificazione, ad una notevole differenza tra i tempi di pagamento dei debiti, spesso molto brevi, ed i tempi di riscossione dei crediti molto spesso lunghi, soprattutto quando i crediti sono verso la pubblica amministrazione.
Suddivisi poi le aziende facenti parte del campione in 5 settori: Servizi, Edilizia, Impiantistica, Produzione, Meccanica/carpenteria; è stata poi fatta un’analisi settore per settore, svolta sulle aree operative di gestione delle aziende, comparando i risultati ottenuti dalle aziende dei singoli settori con un risultato sufficiente di un’azienda ideale che pur non presentando eccellenze risultasse pienamente sufficiente in tutte le aree aziendali. Tale analisi evidenzia come i settori Servizi, Impiantistica e Meccanica/Carpenteria, siano in linea con una situazione ideale pur essendo carenti nelle fasi di pianificazione e controllo di gestione, mentre altri settori come Edilizia e Produzione evidenziano maggiori problemi.
La parte conclusiva dell’indagine è imperniata sulla conoscenza dell’ingegnere gestionale da parte degli imprenditori, sul ruolo che egli potrebbe ricoprire nelle piccole e medie imprese sul suo posizionamento al loro interno e sulle sue competenze maggiormente utili per le stesse.
I risultati di tale inchiesta hanno evidenziato inizialmente una diffusa scarsa conoscenza dell’ingegnere gestionale e delle sue competenze, ragion per cui è lecito annoverare tra le cause della mancata penetrazione degli ingegneri gestionali nel mercato del lavoro rappresentato dalle piccole e medie imprese, la parziale o completa ignoranza degli imprenditori su tale figura. Tale disinformazione è dovuta, per lo più ad una scarsa comunicazione sia da parte delle università verso le aziende, attraverso la promozione e l’informazione delle competenze degli ingeneri gestionali che potrebbero essere utili alle PMI, sia da parte delle aziende verso le università, attraverso le associazioni di categoria come l’API, esplicitando le carenze aziendali e le competenze che dovrebbe avere un ingegnere per operare proficuamente all’interno della loro realtà.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
_________________________ Analisi dei fabbisogni gestionali delle PMI della Provincia di Napoli 1 ABSTRACT Il lavoro di tesi nasce dalla necessità congiunta di Università di Napoli Federico II, ed in particolare del DIEG (Dipartimento di Ingegneria Economico Gestionale), Ordine degli Ingegneri di Napoli, ed in particolare della ComIG (Commissione di Ingegneria Gestionale), ed API-Napoli (Associazione Piccole e Medie Industrie della provincia di Napoli) di indagare lo stato di salute delle imprese della Provincia di Napoli, e la diffusione del ruolo dell’Ingegnere Gestionale all’interno delle stesse. Dall’ esigenza di queste tre componenti prende vita il progetto “Analisi dei Fabbisogni gestionali delle PMI della Provincia di Napoli”. L’obiettivo del progetto è indagare sulle aree aziendali la cui gestione presenti problematiche che risultino critiche per la competitività delle imprese. I risultati ottenuti sono stati incrociati con le competenze proprie dell’ingegnere gestionale al fine di avere un quadro preciso sul ruolo che tale figura professionale potrebbe, o meglio, dovrebbe, ricoprire all’interno delle imprese. La fase operativa del progetto, ai fini del raggiungimento dei suddetti obbiettivi, ha avuto come attività principale la conduzione di un’indagine rivolta al top management delle imprese associate all’API-Napoli. É stato, a tale scopo, elaborato un opportuno strumento di indagine, concepito in modo da poter essere un’utile linea guida per lo svolgimento dei colloqui conoscitivi, e soprattutto un adeguato modulo di raccolta dati per la strutturazione ed il successivo riempimento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

api
comig
dieg
gestionale
ingegneria gestionale
napoli
ordine degli ingegneri
organizzazione
piccole e medie industrie
pmi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi