Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

American Buffalo di David Mamet: la donna assente

Questo studio si propone di esaminare un testo teatrale appartenente alla prima fase creativa di David Mamet: American Buffalo

Mostra/Nascondi contenuto.
2 PREMESSA Questo studio si propone di esaminare un testo teatrale appartenente alla prima fase creativa di David Mamet: American Buffalo. Nato a Chicago nel 1947 da famiglia ebraica, Mamet, autore prolifico di commedie, saggi e sceneggiature cinematografiche, è uno dei pochi tra le “promesse” del teatro americano degli anni Settanta, insieme a Sam Shepard, che abbia saputo evolvere e consolidare una reputazione internazionale. Mamet è fine e sensibile analista del linguaggio, saggista acuto e personale, sceneggiatore e regista di numerosi film accolti con interesse da pubblico e critica. Come commediografo, in ognuna delle sue numerose opere riesce a conservare e a trasmettere una sua inconfondibile cifra. Caratteristicamente impegnato a denunciare i grandi miti americani – il mondo degli affari, il denaro, l’etica del profitto – Mamet provoca sempre la discussione, sia per l’uso spregiudicato di un linguaggio franco e brutale, sia per la sfida all’opinione pubblica che ogni suo nuovo testo propone, affrontando – quasi sempre in modo provocatorio - temi scottanti come la correttezza politica e il femminismo. American Buffalo è andato in scena per la prima volta nell’autunno del 1975, ed è tuttora nel repertorio dei teatri americani e inglesi grandi e piccoli. Una ripresa teatrale con un protagonista della statura di Al Pacino negli anni Ottanta e il film con

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Sabrina Ambra Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 743 click dal 28/03/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.