Skip to content

Sviluppo rurale e agricoltura sostenibile nelle aree protette. Il caso del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Roselli
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in VALORIZZAZIONE E GESTIONE DELLE RISORSE AGRO-FORETALI-INDIRIZZO ECONOMIA E POLITICA AGRARIA
Anno: 2005
Docente/Relatore: Luigi Cembalo
Istituito da: Università degli Studi di Napoli - Federico II
Dipartimento: DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E POLITICA AGRARIA
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

In Italia, a distanza di dodici anni dall’approvazione della “Legge quadro sulle aree protette” (Legge nazionale 349/91), la superficie sottoposta a tutela è pari a circa il 10% del territorio nazionale: 772 aree protette inserite nell’elenco ufficiale del Ministero dell’Ambiente, di cui 22 parchi nazionali e 105 parchi naturali regionali . Questi dati mostrano la rilevanza territoriale che i territori protetti hanno raggiunto nel nostro Paese, stimolando l’interesse ad occuparsi delle modalità secondo cui questi territori sono gestiti per il raggiungimento delle finalità istitutive (Chiodo E., Solustri A., 2003). Tanto più che nella gestione delle aree protette nel corso degli anni si è assistito ad un’evoluzione del ruolo e delle funzioni loro assegnate: si è passati da una visione di rigida “conservazione e protezione dei valori ambientali”, che limitava qualsiasi attività antropica, ad una concezione di “tutela attiva” basata sulla conciliazione delle istanze di conservazione e di sviluppo. Le attività economiche, e tra queste le attività agro-forestali e l’allevamento, sono considerate compatibili con le finalità di tutela e protezione delle risorse ambientali nella misura in cui queste attività si realizzano secondo criteri di sostenibilità ambientale ma anche sociale ed economica.
In particolare, laddove l’agricoltura occupa una porzione rilevante del territorio, anche se ha un ruolo marginale sotto il profilo strettamente economico, essa può essere decisiva per la gestione del territorio e la conservazione del paesaggio, purché non si prescinda dal contesto rurale ovvero dall’insieme delle attività connesse direttamente e indirettamente al settore primario (Arzeni A., Chiodo E., 1999). Queste aree caratterizzate da un elevato grado di antropizzazione (presenza diffusa sul territorio dei segni delle attività antropiche, passate e presenti, e in particolare dell’attività agricola) e che presentano i tratti tipici della ruralità, sono sempre più spesso l'oggetto di studi economico-agrari. Si tratta, infatti, di aree in cui le attività antropiche, spesso quelle agricole, nel corso degli anni hanno modellato il territorio e le comunità locali che vi abitano rappresentano una componente inalienabile del territorio stesso. Qui oggetto di protezione non è solo il patrimonio naturale ma anche quello prodotto dall’uomo, e coniugare le azioni di protezione dell’ambiente con quelle di promozione di uno sviluppo sostenibile rappresentano un percorso obbligato. Le problematiche di protezione dell’ambiente e del paesaggio si intersecano, infatti, in modo molto stretto con i temi dello sviluppo rurale, della qualità della vita e dello sviluppo socio-economico delle collettività locali (Chiodo E., Solustri A., 2003).
Con questo lavoro di ricerca si intende definire un approccio teorico e metodologico utile a caratterizzare la ruralità di questa particolare tipologia di territori e valutare la performance dell’agricoltura presente al suo interno, in termini di sostenibilità. Si tratta in definitiva di interrogarsi sul come l’agricoltura di un’area protetta può e deve necessariamente contribuire alla tutela attiva del territorio, all’interno di uno specifico contesto rurale. Questa analisi intende fornire indicazioni utili per la definizione di idonei strumenti di politica per promuoverne la sostenibilità e la multifunzionalità delle attività agricole e di allevamento, in linea con le finalità specifiche di un’area protetta e le peculiarità del suo contesto rurale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione ed obiettivi della ricerca In Italia, a distanza di dodici anni dall’approvazione della “Legge quadro sulle aree protette” (Legge nazionale 349/91), la superficie sottoposta a tutela è pari a circa il 10% del territorio nazionale: 772 aree protette inserite nell’elenco ufficiale del Ministero dell’Ambiente, di cui 22 parchi nazionali e 105 parchi naturali regionali 1 . Questi dati mostrano la rilevanza territoriale che i territori protetti hanno raggiunto nel nostro Paese, stimolando l’interesse ad occuparsi delle modalità secondo cui questi territori sono gestiti per il raggiungimento delle finalità istitutive (Chiodo E., Solustri A., 2003). Tanto più che nella gestione delle aree protette nel corso degli anni si è assistito ad un’evoluzione del ruolo e delle funzioni loro assegnate: si è passati da una visione di rigida “conservazione e protezione dei valori ambientali”, che limitava qualsiasi attività antropica, ad una concezione di “tutela attiva” basata sulla conciliazione delle istanze di conservazione e di sviluppo. Le attività economiche, e tra queste le attività agro- forestali e l’allevamento, sono considerate compatibili con le finalità di tutela e protezione delle risorse ambientali nella misura in cui queste attività si realizzano secondo criteri di sostenibilità ambientale ma anche sociale ed economica. In particolare, laddove l’agricoltura occupa una porzione rilevante del territorio, anche se ha un ruolo marginale sotto il profilo strettamente economico, essa può essere decisiva per la gestione del territorio e la conservazione del paesaggio, purché non si prescinda dal contesto rurale ovvero dall’insieme delle attività connesse direttamente e indirettamente al settore primario (Arzeni A., Chiodo E., 1999). Queste aree caratterizzate da un elevato grado di antropizzazione (presenza diffusa sul territorio dei segni delle attività antropiche, passate e presenti, e in particolare dell’attività agricola) e che presentano i tratti tipici della ruralità, sono sempre più spesso l'oggetto di studi economico-agrari. Si tratta, infatti, di aree in cui le attività antropiche, spesso quelle agricole, nel corso degli anni hanno modellato il territorio e le comunità locali che vi abitano rappresentano una componente inalienabile del territorio stesso. Qui oggetto di protezione non è solo il patrimonio naturale ma anche quello prodotto dall’uomo, 1 Il riferimento è al “5° Aggiornamento 2003” dell’Elenco Ufficiale delle Aree Naturali Protette a cura del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltura sostenibile
alta murgia
aree protette
indicatori ruralità
indicatori sostenibilità
parchi
ruralità
sistemi agricoli
sistemi rurali
sviluppo rurale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi