Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Autorità Amministrative Indipendenti nel contesto europeo

Si Analizzano le Autorità in confronto con quelle della comunità Europea e nel dettaglio quelle Italiane

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Le autorità amministrative indipendenti. L’istituzione in Italia della prima di quelle figure che sarebbero poi state definite autorità indipendenti si ebbero nel 1974, ed ha posto all'interprete il problema di individuare la natura, le funzioni, il ruolo ed i poteri di tali autorità in un contesto caratterizzato da finalità di protezione di categorie di interessi, generalmente collettivi o diffusi, costituzionalmente garantiti, sottoposti alle insidie dei cosiddetti poteri forti 1 . Ma a ben vedere, prima ancora della nascita della CONSOB analoghe funzioni venivano riconosciute alla Banca d'Italia 2 anche se questo organo, sebbene abbia sempre goduto di autonomia ed indipendenza 3 , dal punto di vista delle funzioni non può considerarsi il paradigma tipico delle autorità indipendenti 4 . Diverse tesi sono state elaborate dalla dottrina sulla natura giuridica delle autorità indipendenti, giacché, considerate le funzioni che la legge attribuisce alle medesime, si pone il problema del coordinamento di questa nuova forma di “amministrazione” con quelle tradizionali, onde individuare non solo l’ambito ed i limiti della sua autonomia nei confronti del Governo, ma anche le relative problematiche di costituzionalità 5 . L'espressione “Autorità amministrativa” viene usata, infatti, nel nostro ordinamento al fine di indicare da una parte "il complesso degli enti, funzionari e collegi ai quali è commesso l'esercizio in principal modo della funzione stessa dell'amministrazione 1 Cfr. M.D'ALBERTI, “Autorità indipendenti”, (1995), pp. 1. 2 Cfr. S. AMOROSINO, “L'ordinamento amministrativo del credito”, (1995), pp. 126. 3 Cfr. V. CAIANIELLO, “Le autorità indipendenti tra potere politico e società civile”, (1997), pp. 341. 4 Op. cit. pp 4-6. 5 Cfr. M. MANETTI, “Autorità indipendenti”, (1997), pp. 2.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Davide Ascione Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4676 click dal 05/04/2006.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.