Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dellamorte Dellamore. Il romanzo, il fumetto e il film

Con questa tesi semplice, ma completa mi è stato assegnato il massimo dei voti.
L’analisi dell’attività di Tiziano Sclavi consente, allo studente di scienze della comunicazione, un esercizio completo: rari sono, infatti, gli autori che hanno visto la propria opera assumere così variegate vesti espressive.
Le modalità della comunicazione passano dal romanzo al fumetto, al film. E anche all’interno di ogni singolo ambito comunicativo è possibile apprezzare linee guida condivise.
Il presente lavoro – tracciata, nel primo capitolo, una breve biografia di Tiziano Sclavi e della sua opera - si apre per l’appunto, nel secondo capitolo, con l’analisi dell’opera Dellamore Dellamorte: da un esame del romanzo (ed in particolare dello stile narrativo, del tutto peculiare, che rende il romanzo stesso più simile ad una sceneggiatura) si passa all’analisi del fumetto e della versione cinematografica. Si tratta, nel complesso, di un tentativo di rilettura dell’intera opera, teso ad evidenziarne i messaggi e ad indagare la psiche dei personaggi, sia protagonisti che comprimari o comparse.
Una tesi incentrata su Dellamorte Dellamore non può esimersi da una comparazione tra l’opera stessa ed il fumetto Dylan Dog, il personaggio che ha contribuito in misura maggiore alla notorietà dell’Autore e che, creato in epoca successiva alla stesura del romanzo, ne ha condizionato positivamente le sorti editoriali. Molti sono, infatti, gli aspetti comuni ai due protagonisti, Francesco Dellamorte e Dylan Dog; non mancano tuttavia connotazioni individuali proprie di ognuno dei due personaggi: a tale analisi è dedicato il terzo capitolo, nel quale si è cercato di fornire al lettore alcuni interessanti spunti di riflessione che, partendo da considerazioni palesi, giunge a mettere in luce le profonde differenze nel modo di concepire la vita, l’amore e l’orrore da parte dei protagonisti delle opere.

Mostra/Nascondi contenuto.
P REMESSA L’analisi dell’attività di Tiziano Sclavi consente, allo studente di scienze della comunicazione, un esercizio completo: rari sono, infatti, gli autori che hanno visto la propria opera assumere così variegate vesti espressive. Le modalità della comunicazione passano dal romanzo al fumetto, al film. E anche all’interno di ogni singolo ambito comunicativo è possibile apprezzare linee guida condivise. Il presente lavoro – tracciata, nel primo capitolo, una breve biografia di Tiziano Sclavi e della sua opera - si apre per l’appunto, nel secondo capitolo, con l’analisi dell’opera Dellamore Dellamorte: da un esame del romanzo (ed in particolare dello stile narrativo, del tutto peculiare, che rende il romanzo stesso più simile ad una sceneggiatura) si passa all’analisi del fumetto e della versione cinematografica. Si tratta, nel complesso, di un tentativo di rilettura dell’intera opera, teso ad evidenziarne i messaggi e ad indagare la psiche dei personaggi, sia protagonisti che comprimari o comparse. Una tesi incentrata su Dellamorte Dellamore non può esimersi da una comparazione tra l’opera stessa ed il fumetto Dylan Dog, il personaggio che ha contribuito in misura maggiore alla notorietà dell’Autore e che, creato in epoca successiva alla stesura del romanzo, ne ha condizionato positivamente le sorti editoriali. Molti sono, infatti, gli aspetti comuni ai due protagonisti, Francesco Dellamorte e Dylan Dog; non mancano tuttavia connotazioni individuali proprie di ognuno dei due personaggi: a tale analisi è dedicato il terzo capitolo, nel quale si è cercato di fornire al lettore alcuni interessanti spunti di riflessione che, partendo da considerazioni palesi, giunge a mettere in luce le profonde differenze nel modo di concepire la vita, l’amore e l’orrore da parte dei protagonisti delle opere. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Cinzia Begni Contatta »

Composta da 34 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3002 click dal 07/04/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.