Skip to content

I movimenti globali come nuova forma di partecipazione politica. Il caso dell'Abruzzo Social Forum.

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Consorte
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Anna Caffarena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

Oggetto di studio di questa tesi è il movimento che si è riunito nel novembre del 1999 a Seattle in occasione della Terza Conferenza Mondiale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, convocata per avviare il Millennium Round. Da Seattle in poi i vari attori impegnati nella protesta si sono messi in rete dando vita a mobilitazioni comuni. Si tratta ogni volta di mobilitazioni consistenti che si sforzano di segnalare all’opinione pubblica mondiale gli effetti più discutibili prodotti dalla globalizzazione neoliberista. Accanto all’opposizione al neoliberismo l’altro tema, su cui convergono le diverse componenti critiche della globalizzazione è quello della democrazia, minacciata dalla crescita del potere delegato a livello sopranazionale ad organizzazioni non elettive e, dunque, non responsabili verso i cittadini. Il deficit democratico sta diventando rapidamente un “abisso” e la protesta sta emergendo perché è l’unico modo per far sentire che “un altro mondo è possibile”. La protesta “globale”, oltre ad essere una forma di espressione, sta diventando, quindi, una nuova forma di partecipazione. Il movimento per una globalizzazione dal basso, infatti, ha riportato l’attenzione, oltre che sulle tematiche legate all’ambiente, alla povertà e ai diritti, sulla questione della democrazia, teorizzando la necessità di una nuova partecipazione “dal basso” dei cittadini alla definizione delle agende politiche locali e globali.
Le mobilitazioni sulla globalizzazione sembrano assumere molti caratteri propri dei movimenti sociali che la scienza politica ha analizzato dettagliatamente negli ultimi quarant’anni, presentando inoltre un’accentuata dimensione sopranazionale. Nel primo capitolo, si descriveranno le principali caratteristiche dei movimenti sociali e le diverse interpretazioni in relazioni ad esse formulate.
Nel capitolo seguente si prenderanno in considerazione le origini e la composizione del “movimento dei movimenti” che ha suscitato l’attenzione dei sociologi, oltre che dei politologi. Verificatesi dopo anni si “silenzio” durante i quali si era parlato di fine dei movimenti, alludendo alla progressiva istituzionalizzazione e professionalizzazione delle esperienze legate alle lotte degli anni Sessanta e Settanta, le nuove mobilitazioni di Seattle sono parse per molti un evento inaspettato. Di seguito, partendo dai documenti prodotti dai movimenti di protesta globali, verranno descritte le proposte delle diverse “anime” no global.
La particolarità dei movimenti sociali è il suo non essere un’organizzazione precisa e facilmente individuabile, ma una pluralità flessibile, dinamica, di attori collettivi in rapporto fra loro: una rete di reti appunto. Queste caratteristiche generali dei movimenti sociali si presentano in forma ancora più accentuata nelle mobilitazioni sulla globalizzazione. Nel quarto capitolo si descriverà come questi soggetti si mettono in rete sia attraverso canali virtuali, Internet, che attraverso momenti di incontro reale, i Forum sociali organizzati a livello mondiale, continentale, nazionale.
Il movimento dei movimenti non si limita ad indirizzare le proprie rivendicazioni a livello sopranazionale, al contrario tematizza una stretta dialettica tra l’ambito globale e il contesto locale, cogliendo proprio nella dimensione locale lo specchio delle contraddizioni della globalizzazione dall’alto. Anche nel caso italiano e abruzzese, il movimento può essere analizzato alla luce di questo duplice percorso che lo vede, da un lato, parte delle crescenti mobilitazioni di natura globale, e dall’altro, ne interpreta le caratteristiche a partire dalle specifiche condizioni politiche, sociali e culturali che ne hanno favorito lo sviluppo in Italia e nella regione. Nell’ultimo capitolo si descriveranno le diverse aree che compongono il movimento italiano, ma soprattutto il percorso di sviluppo dell’Abruzzo Social Forum.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Oggetto di studio di questa tesi è il movimento che si è riunito nel novembre del 1999 a Seattle in occasione della Terza Conferenza Mondiale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, convocata per avviare il Millennium Round. Da Seattle in poi i vari attori impegnati nella protesta si sono messi in rete dando vita a mobilitazioni comuni. Si tratta ogni volta di mobilitazioni consistenti che si sforzano di segnalare all’opinione pubblica mondiale gli effetti più discutibili prodotti dalla globalizzazione neoliberista. Accanto all’opposizione al neoliberismo l’altro tema, su cui convergono le diverse componenti critiche della globalizzazione è quello della democrazia, minacciata dalla crescita del potere delegato a livello sopranazionale ad organizzazioni non elettive e, dunque, non responsabili verso i cittadini. Il deficit democratico sta diventando rapidamente un “abisso” e la protesta sta emergendo perché è l’unico modo per far sentire che “un altro mondo è possibile”. La protesta “globale”, oltre ad essere una forma di espressione, sta diventando, quindi, una nuova forma di partecipazione. Il movimento per una globalizzazione dal basso, infatti, ha riportato l’attenzione, oltre che sulle tematiche legate all’ambiente, alla povertà e ai diritti, sulla questione della democrazia, teorizzando la necessità di una nuova partecipazione “dal basso” dei cittadini alla definizione delle agende politiche locali e globali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abruzzo
abruzzo social forum
azione collettiva
boicottaggi
campagne
genova
global
globalizzazione
locale
movimenti
movimenti globali
movimenti sociali
no global
partecipazione
partecipazione politica
protesta
seattle
social forum
società civile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi