Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Business Marketing e impatto ambientale zero. Il caso A.G.E. srl

In questo lavoro prendo in considerazione il settore della produzione di energia da fonti alternative, analizzandolo secondo la prospettiva del marketing business to business, detto anche marketing industriale.
Non mi occupo quindi di prodotti o servizi rivolti ad un pubblico “finale”, ma di un settore che molto raramente crea una campagna di comunicazione a suo vantaggio e che quindi ha più probabilità di rimanere in penombra.
Ho deciso di considerare questo settore perché legato ad un tema che mi sta molto a cuore: la protezione ambientale, e tutto quello che può portare ad un utilizzo più corretto e consapevole delle nostre risorse.
Per mia grande fortuna sono venuta a conoscenza dell’A.G.E. srl e dei numerosi e suoi diversi campi di applicazione grazie al Prof. Ing. Francesco Motta (settore impianti termici, impianti cogenerazione, smaltimento rifiuti fonti rinnovabili), il quale, grazie alla sua competenza nel settore e infinita disponibilità, mi ha messo a conoscenza di molte delle dinamiche che fanno parte del settore, nonché delle possibilità ancora inespresse che questo potrebbe avere. Esse stentano ad affermarsi un po’ per ignoranza, un po’ per le normali forze concorrenziali, tipiche di coloro che si trovano ad operare in un contesto di monopolio o di oligopolio nel settore dei servizi di pubblica utilità, che tendono a schiacciare le piccole realtà locali.

Il mondo delle public utilities locali ha a mio avviso bisogno di nuove competenze manageriali perché possa mantenere la capacità di competere senza distruggere risorse (e quindi valore), anzi confermando il ruolo di agente fondamentale nel miglioramento della qualità della vita.
Crediamo tanto che il patrimonio del nostro Paese vada difeso dalla concorrenza straniera, ma a mio parere dovrebbe essere prima messo nelle condizioni di competere a parità di opportunità e di sostegno del contesto nazionale con gli altri operatori europei, nella convinzione che una vera liberalizzazione del settore potrebbe sortire probabili benefici per il sistema Europa.
Per questi e molti altri motivi ho scelto come oggetto della mia tesi il business marketing e il caso specifico della A.G.E. srl, di cui espongo la strategia aziendale e l’organizzazione, in sostanza il percorso di crescita intrapreso in questi ultimi anni, che nonostante la giovane età l’ha portata ad uscire dai propri confini regionali per proiettarsi a livello nazionale e oltre.
Una caratteristica fondamentale la distingue da molti altri competitors: il fatto di avere progettato e costruito più di sette impianti diversi e quindi di operare su altrettanti settori di mercato. Trattare in questa sede di tutti gli ambiti di applicazione dell’A.G.E. sarebbe divenuto un lavoro troppo denso e rivolto ai cosiddetti “addetti ai lavori”, oppure d’altro canto sarebbe stato semplicistico agli occhi dei professionisti che vi lavorano.
Da qui la mia scelta di approfondire e studiare una delle grandissime possibilità che la A.G.E. srl mette a disposizione delle aziende di pubblica utilità, ovvero la produzione energia da fonti alternative in particolare dalla “biomassa” e dei processi di utilizzo della biomasse, nonché dei trattamenti da loro utilizzati per migliorare il potere calorifero ed il rendimento della produzione energetica attraverso un per trattamento di pellettizzazione o bricchettatura che ne permette un’attuazione più veloce ed economica, analizzandone il relativo mercato. Questo tema viene da me affrontato non solo dal punto di vista delle decisioni di marketing, ma anche dal punto di vista tecnico e di impatto economico.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE In questo lavoro prendo in considerazione il settore della produzione di energia da fonti alternative, analizzandolo secondo la prospettiva del marketing business to business, detto anche marketing industriale. Non mi occupo quindi di prodotti o servizi rivolti ad un pubblico “finale”, ma di un settore che molto raramente crea una campagna di comunicazione a suo vantaggio e che quindi ha più probabilità di rimanere in penombra. Ho deciso di considerare questo settore perché legato ad un tema che mi sta molto a cuore: la protezione ambientale, e tutto quello che può portare ad un utilizzo più corretto e consapevole delle nostre risorse. Per mia grande fortuna sono venuta a conoscenza dell’A.G.E. srl e dei numerosi e suoi diversi campi di applicazione grazie al Prof. Ing. Francesco Motta (settore impianti termici, impianti cogenerazione, smaltimento rifiuti fonti rinnovabili), il quale, grazie alla sua competenza nel settore e infinita disponibilità, mi ha messo a conoscenza di molte delle dinamiche che fanno parte del settore, nonché delle possibilità ancora inespresse che questo potrebbe avere. Esse stentano ad affermarsi un po’ per ignoranza, un po’ per le normali forze concorrenziali, tipiche di coloro che si trovano ad operare in un contesto di monopolio o di oligopolio nel settore dei servizi di pubblica utilità, che tendono a schiacciare le piccole realtà locali.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Claudia Maltese Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1470 click dal 06/04/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.