Skip to content

La riabilitazione in comunità terapeutica psichiatrica: l'educatore come mediatore

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Di Michele
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: educatore professionale di comunità
  Relatore: Bruna Grasselli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Con la Nuova Psichiatria post L. 180 viene finalmente riconosciuta l’origine multifattoriale del disagio mentale.
Nascono così le comunità terapeutiche in un’ottica di recupero della dignità personale, in cui imparare ad assumersi la responsabilità delle proprie scelte ed a proiettare nel futuro le proprie speranze e progetti. “Riabilitarsi” assume il valore di ricostruire, attraverso la protezione di una struttura che funge da Io Ausiliario, la propria rete sociale fatta di rapporti interpersonali significativi: una progressiva sedimentazione delle memorie, un processo di affettivizzazione.
Innovativa è la figura dell’educatore professionale che, mediatore tra il paziente ed i suoi processi di organizzazione cognitiva ed emotiva, trova la sua funzione nel guidare l’altro verso l’autonomia nei compiti che fanno quotidianità contribuendo così alla ristrutturazione della sua immagine interiore: fare ordine e chiarezza fuori, per raggiungere un parallelo equilibrio interiore.
La montagnaterapia è un progetto che punta al recupero di una personale adeguatezza nelle diverse situazioni, spesso imprevedibili, che la vita ci pone davanti imparando a pianificare e regolare i propri sforzi e le proprie energie partendo da un rinnovato contatto corpo – natura in cui sentirsi liberi dalle angosce e dai timori della psicosi, riempiti di nuove memorie ed affetti: per recuperare la curiosità ed il desiderio di vivere. Un’intima esperienza rieducativa condivisa all’interno di un gruppo per riscoprire insieme gli aspetti di meraviglia ed autenticità della vita e per confrontarsi in modo nuovo e più trasparente con le proprie ed altrui emozioni, facendone le fondamenta della propria stabilità interiore e lo slancio della progettazione del proprio domani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Tre sono gli elementi cardine di questa tesi: riabilitare, educare, mediare sono tre aspetti dello stesso discorso. Questa riflessione è nata da una personale esperienza: il tirocinio presso una comunità terapeutica psichiatrica di Roma, la comunità Montesanto, in cui ho potuto vedere l’azione diretta di un educatore professionale. Cosa vuol dire essere un educatore professionale? Tra tutte le figure operanti in campo sociale – educativo è la più confusa, indefinita, probabilmente perché si è ancora all’inizio del processo di riconoscimento della sua presenza. Dico questo perché in realtà non si tratta di una figura nuova, ma piuttosto di una riscoperta della valenza educativa del cosiddetto “fare quotidiano”. Il campo di azione di un educatore è il più ampio di qualunque altra figura e direi forse troppo dispersivi sono i confini di questa professione, perché esiste una formazione accademica unica da adattare poi, solo successivamente, ai diversi tipi di utenza con cui si lavorerà. Arriviamo così al discorso sulla comunità terapeutica: all’interno della Nuova Psichiatria l’educatore professionale si è visto riconosciuto uno spazio, e quindi è sulle esigenze di pazienti psichiatrici che questi deve costruire e rendere operativa la sua professionalità. Una prima puntualizzazione da fare è che non ci si confronta con una malattia fisica, né con una condizione di emarginazione sociale o handicap legato a qualche disabilità specifica: ciò che si incontra è una condizione di vita, uno stile comportamentale dominato dall’angoscia e dalla disperazione costante. Non ha molta importanza, questo è quanto posso affermare a posteriori, sciogliere i nodi che tanto invece martellano i “non addetti ai lavori”: si tratta di malattia organica?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunità terapeutiche
educatori psichiatrici
psichiatrico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi