Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Totem, un teatro diegetico in televisione

TOTEM e' una trasmssione televisiva andata in onda sulla Rai, ma presentata anche in diversi teatri, ideata dallo scrittore Alessandro Baricco, dal regista Gabriele Vacis e dal curatore dei suoni Roberto Tarasco. Si tratta di un originale incontro tra letture ed interpretazione di brani tratti dalla letteratura, di musica ascoltata, spiegata e di sottofondo, di recitazione. E' un'incrocio di letture, suoni ed emozioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa Andato in scena per la prima volta nel Gennaio del 1997, Totem è approdato sugli schermi televisivi di Rai Due alla fine del 1998. Originale incontro fra letture, suoni e lezioni, Totem era, in origine, il titolo pensato per una trasmissione televisiva che doveva parlare solo di musica classica. Oggi quel titolo è rimasto per indicare un certo modo di raccontare la cultura e di riunire insieme, come in un mosaico, i brani, i pezzi, le voci, i suoni e le parole di autori vicini e lontani. A Totem si incontrano Rilke e Joice, Euripide e Gadda, Eschilo e Celine, il finale di Furore di Steinbeck e la morte di Schumann, alcune poesie di Gozzano accanto a Shakespeare, Mozart e Ry Cooder, Carver e una lezione dell' Iliade, Bartleby, lo scrivano di Melville e “Cuore di Tenebra” di Conrad. La scelta dei pezzi e dei brani concede ampi margini di improvvisazione, lasciando agli autori in scena la libertà di decidere senza copione e di inventare Totem facendolo, come accade nelle pagine migliori del jazz improvvisato. A fianco di musiche, pagine, immagini, persone, storie o brani di film, Totem porta in televisione un racconto che ogni volta si rinnova per ricreare l’emozione e la suggestione, lo stupore e la meraviglia legate a quelle schegge di cultura che a tutti appartengono; un racconto libero che si muove fra letture, suoni e parole, rubati alle pagine della letteratura della musica e del teatro per una sorta di diario sentimentale dedicato ad autori amati. Frammenti di un vero percorso amoroso. “... mi viene in mente che quando andavo a scuola odiavo quelli che mi facevano per forza leggere dei libri ... Invece se me li raccontavano, anche con un po' di fantasia e con un certo senso del presente ... Be', c'era più attenzione, più entusiasmo. Fare Totem è stato un po' questo.” Stefania Rocca

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marcella Spaggiari Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1088 click dal 19/09/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.