Skip to content

Il modello costituzionale del Premierato

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Raponi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Andrea Prof. Pisaneschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

Tesi di Paolo Raponi in Diritto Costituzionale, Relatore Prof. A. Pisaneschi - A.A. 2002/2003


Titolo della TESI: "Il Modello costituzionale del Premierato".

Bozza dello schema di lavoro

1.La forma di Governo in Italia. Il Governo italiano dalla Costituente ai giorni nostri. Evoluzione e caratteristiche tenendo conto della Costituzione "formale" e di quella "materiale", nonché delle leggi ordinarie succedutesi nel tempo.

2.Comparazione tra forme di Governo. Comparazione delle diverse forme di Governo: Cancellierato tedesco; Premierato inglese; Semipresidenzialismo francese.

3.Processo di modifica della forma di Governo in Italia. Modifica della forma di Governo in Italia: tentativi e discussioni fino ad oggi svoltisi con particolare riguardo alla Commissione Bicamerale D’Alema del 1997.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Si può riformare una Costituzione partendo dai problemi del presente, ma trascurando la storia del Paese che quella Costituzione ha prodotto e applicato nel corso del tempo? L’esperienza insegna che una riforma costituzionale resta un’impresa molto difficile (se non impossibile) quando manchi una necessità storica in grado di imporre e giustificare agli occhi dell’opinione pubblica le ragioni del mutamento. Né tale necessità può essere surrogata dalla presenza di motivi di opportunità, sia pure forti e pressanti, legati alle vicende della politica contingente. Se questo accade sarà lo stesso contesto degli interessi, delle tradizioni, degli equilibri consolidatisi nel tempo a reagire ed a mettere in scacco le forze che troppo improvvidamente abbiano cercato di utilizzare la leva della riforma come strumento per aumentare, nel contingente, la sfera della propria influenza. Questo sembra essere anche l’insegnamento che oggi è possibile trarre dalla lunga e inconcludente vicenda della riforma tentata, nel nostro Paese, con riferimento all’impianto complessivo della Costituzione del 1948: una vicenda caratterizzata da una catena continua di insuccessi, che ha ormai superato, abbondantemente, la soglia dei vent’anni e di cui non si vede ancora la fine. L’ultimo atto di questa vicenda risale al 9 giugno 1998, quando il Presidente della Camera dispone di cancellare dall’ordine del giorno la discussione del progetto di revisione della seconda parte della Costituzione elaborata dalla Commissione Bicamerale istituita ai sensi della legge costituzionale n. 1 del 1997. Si concludeva così con un nulla di fatto il processo avviato, sotto il segno di molte speranze, nel febbraio del 1997, con l’inizio dell’attività di tale Commissione, investita del compito di definire un progetto di revisione costituzionale in materia di forma di Stato, forma di governo e sistema delle garanzie, da sottoporre, con procedura speciale, all’approvazione delle Camere. Questo processo si era sviluppato nell’arco di quindici mesi ed aveva condotto all’elaborazione di un progetto organico approvato dalla Commissione, in prima lettura, il 30 giugno 1997, e nel testo definitivo all’esame del Parlamento, il 4 novembre 1997. Questo percorso si arrestava, dunque, nel giugno del 1998 a seguito della rottura intervenuta alla Camera tra i rappresentanti dell’Ulivo e del Polo intorno ad alcuni punti qualificanti del progetto, quali quelli relativi ai poteri del Capo dello Stato ed alla organizzazione del potere giudiziario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bicameralismo imperfetto
bicameralismo perfetto
bipolarismo incompiuto
cancellierato tedesco
commissione bicamerale d’alema del 1997
commissione bicamerale presieduta da d'alema
commissione bozzi
commissione de mita-iotti
comparazione tra forme di governo
governo italiano dalla costituente ai giorni nostr
legge elettorale maggioritaria
legge elettorale proporzionale
leggi ordinarie
premierato inglese
processo di modifica della forma di governo in ita
rafforzamento poteri premier
riduzione del numero dei parlamentari
riforma del governo nel senso del premierato forte
semipresidenzialismo alla francese
transizione nell'assetto politico-governativo
costituzione
transizione
riforma legge elettorale
costituzioni europee

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi