Skip to content

Alta Velocità Milano Bologna. Analisi degli aspetti contrattuali in fase di Costruzione e Risk Management di Progetto in fase di Esecuzione.

Informazioni tesi

MEC Master in Engineering and Contracting
  Autore: Giuseppe Ragusa
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: Enrico Ferracci
Istituito da: Politecnico di Milano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

Lo scopo del presente lavoro è studiare l'effetto dell’analisi dei rischi nella costruzione di una infrastruttura complessa come l’Alta Capacità Ferroviaria, con un focus sui principali aspetti, le problematiche, le forze e le difficoltà che oggi caratterizzano un grande progetto di tipo infrastrutturale in Italia, per fornire un quadro sufficientemente definito delle variabili in gioco e delle chiavi gestionali.
Per progetti di infrastrutture tecnicamente complesse, di grande impatto sull’ambiente, di lunga durata e particolarmente innovative (qual è il progetto per la realizzazione dell’Alta Velocità Ferroviaria), l’esposizione al rischio è assai elevata ed è rappresentata da una variegata gamma di livelli, secondo un diverso ordine: tecnico (prestazionale), economico (redditività), commerciale (competitività sul mercato), temporale (ritardi), finanziario (esposizione, indebitamento), giuridico (leggi, regolamenti, normative/direttive UE). L'identificazione, la misura ed il controllo di questi rischi sono generalmente demandati al Project Manager.
Il rischio e l'incertezza, connessi a tutte le attività di costruzione in un territorio fortemente antropizzato, possono assumere il potenziale significato di opportunità, sia in termini temporali, sia per le risorse impiegate, sia in termini economici. Questi rischi sono generalmente suddivisi fra i partecipanti al progetto ai vari livelli, e si originano dalle prescrizioni del contratto stesso. L'identificazione e la misura dei rischi devono essere elementi inclusi, di fatto, nella progettazione dell’offerta dal General Contractor (GC). Le garanzie fornite dal GC non sono, in ogni caso elementi essenziali per l’attività di assicurazione e controllo del rischio associato al progetto. Escludere od omettere l’analisi di rischio, da parte dell’organo preposto all’alta sorveglianza del progetto (AS), è equivalente a trascurare gli articoli del lavoro diretto inclusi nel contratto, e poiché ci sono dei rischi le cui conseguenze possono prospettarsi in un numero quasi infinito di combinazioni, è essenziale l’applicazione da parte del GC e dell’Ente di Controllo, di un metodo strutturato per la loro valutazione.
La gestione dei rischi assume, quindi, un ruolo importante della gestione del progetto ed è elemento necessario per poter affrontare adeguatamente l’elevata complessità esistente nei settori operanti per commessa.
Affinché la gestione del rischio, in tutte le sue fasi, sia facilmente applicabile ed inseribile nella gestione del progetto, occorre che gli strumenti del Project Management e del Risk Management siano equiparabili ed interfacciabili tra loro: tali cioè da formare due processi gestionali, che non solo si possono integrare sin dalla concezione del progetto, ma ne seguano lo sviluppo omogeneo per tutta la durata dello stesso.
Il presente lavoro, pertanto intende mostrare come un’efficace integrazione dei due processi – di gestione del progetto e del rischio – permetta di realizzare un’analisi puntuale delle criticità ed una conduzione efficace della commessa nel suo insieme. Ciò è realizzato applicando una metodologia di Risk Management in grado di utilizzare, da un lato le tecniche classiche del Project Management, dall’altro alcuni strumenti innovativi per la gestione del rischio. La metodologia si pone l’obiettivo finale di integrare in una procedura aziendale i due processi differenziati, creando così un processo di gestione globale del progetto, che integri completamente l’aspetto del Risk Management.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Abstract Lo scopo del presente lavoro è studiare l'effetto dell’analisi dei rischi nella costruzione di una infrastruttura complessa come l’Alta Capacità Ferroviaria, con un focus sui principali aspetti, le problematiche, le forze e le difficoltà che oggi caratterizzano un grande progetto di tipo infrastrutturale in Italia, per fornire un quadro sufficientemente definito delle variabili in gioco e delle chiavi gestionali. Per progetti di infrastrutture tecnicamente complesse, di grande impatto sull’ambiente, di lunga durata e particolarmente innovative (qual è il progetto per la realizzazione dell’Alta Velocità Ferroviaria), l’esposizione al rischio è assai elevata ed è rappresentata da una variegata gamma di livelli, secondo un diverso ordine: tecnico (prestazionale), economico (redditività), commerciale (competitività sul mercato), temporale (ritardi), finanziario (esposizione, indebitamento), giuridico (leggi, regolamenti, normative/direttive UE). L'identificazione, la misura ed il controllo di questi rischi sono generalmente demandati al Project Manager. Il rischio e l'incertezza, connessi a tutte le attività di costruzione in un territorio fortemente antropizzato, possono assumere il potenziale significato di opportunità, sia in termini temporali, sia per le risorse impiegate, sia in termini economici. Questi rischi sono generalmente suddivisi fra i partecipanti al progetto ai vari livelli, e si originano dalle prescrizioni del contratto stesso. L'identificazione e la misura dei rischi devono essere elementi inclusi, di fatto, nella progettazione dell’offerta dal General Contractor (GC). Le garanzie fornite dal GC non sono, in ogni caso elementi essenziali per l’attività di assicurazione e controllo del rischio associato al progetto. Escludere od omettere l’analisi di rischio, da parte dell’organo preposto all’alta sorveglianza del progetto (AS), è equivalente a trascurare gli articoli del lavoro diretto inclusi nel contratto, e poiché ci sono dei rischi le cui conseguenze possono prospettarsi in un numero quasi infinito di combinazioni, è essenziale l’applicazione da parte del GC e dell’Ente di Controllo, di un metodo strutturato per la loro valutazione. La gestione dei rischi assume, quindi, un ruolo importante della gestione del progetto ed è elemento necessario per poter affrontare adeguatamente l’elevata complessità esistente nei settori operanti per commessa. Affinché la gestione del rischio, in tutte le sue fasi, sia facilmente applicabile ed inseribile nella gestione del progetto, occorre che gli strumenti del Project Management e del Risk Management siano equiparabili ed interfacciabili tra loro: tali cioè da formare due processi gestionali, che non solo si possono integrare sin dalla concezione del progetto, ma ne seguano lo sviluppo omogeneo per tutta la durata dello stesso. Il presente lavoro, pertanto intende mostrare come un’efficace integrazione dei due processi – di gestione del progetto e del rischio – permetta di realizzare un’analisi puntuale delle criticità ed una conduzione efficace della commessa nel suo insieme. Ciò è realizzato applicando una metodologia di Risk Management in grado di utilizzare, da un lato le tecniche classiche del Project Management, dall’altro alcuni strumenti innovativi per la gestione del rischio. La metodologia si pone l’obiettivo finale di integrare in una procedura aziendale i due processi differenziati, creando così un processo di gestione globale del progetto, che integri completamente l’aspetto del Risk Management.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi