Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Supply chain, rintracciabilità e sicurezza alimentare

L’ambiente in cui operano le imprese è profondamente cambiato nel corso degli ultimi anni e ciò ha dato avvio a profonde modifiche nell’organizzazione delle stesse. La tendenza di qualche decennio fare era “vendere ciò che è stato prodotto”, oggi ciò non è più realistico ed occorre “produrre ciò che si riesce a vendere”.
Le imprese si sono mostrate sempre più attente al mercato privilegiando un approccio marketing oriented, che permettesse di individuare esattamente i bisogni di mercato e andare a soddisfarli. In tutto questo scenario la logistica ha assunto sempre maggior rilievo. Inizialmente però, e soprattutto per lungo tempo, essa è stata considerata di secondaria importanza all’interno delle aziende e solo oggi si stanno scoprendo le sue potenzialità.
La logistica è un concetto di integrazione, di gestione unitaria del flusso di materiali dall’azienda verso i clienti e del flusso informativo dai clienti verso l’azienda. Idealmente si dovrebbe seguire una mentalità di business “a unico piano” che vada a sostituire i diversi piani isolati e separati di approvvigionamenti, marketing, produzione e distribuzione.
è importante riuscire a capire come la logistica integrata (supply chain management) abbia consentito lo sviluppo e l'affermazione della filiera agroalimentare e dei concetti di tracciabilità e rintracciabilità in un contesto quantomai attuale di sicurezza alimentare. l'elaborato conclude con l'analisi della supply chain e della rintracciabilità della filiera del gruppo Arena Holding, leader europeo del mercato avicolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’ambiente in cui operano le imprese è profondamente cambiato nel corso degli ultimi anni e ciò ha dato avvio a profonde modifiche nell’organizzazione delle stesse. La tendenza di qualche decennio fa era “vendere ciò che è stato prodotto”, oggi ciò non è più realistico ed occorre “produrre ciò che si riesce a vendere”. Le imprese si sono mostrate sempre più attente al mercato privilegiando un approccio marketing oriented, che permettesse di individuare esattamente i bisogni di mercato e andare a soddisfarli. In tutto questo scenario la logistica ha assunto sempre maggior rilievo. Inizialmente però, e soprattutto per lungo tempo, essa è stata considerata di secondaria importanza all’interno delle aziende e solo oggi si stanno scoprendo le sue potenzialità. Più di recente l’avvento di internet (con le nuove modalità di scambio di beni e servizi) ha contribuito all’affermazione della logistica che oggi risulta essere uno dei fattori critici di successo (o di insuccesso) di un’impresa poiché consegnare il prodotto al cliente nel momento giusto, nel luogo giusto ed esattamente nella quantità desiderata, dipende dal sistema logistico che opera “dietro le quinte” dell’impresa. La logistica è un concetto di integrazione, di gestione unitaria del flusso di materiali dall’azienda verso i clienti e del flusso informativo dai clienti verso l’azienda. Idealmente si dovrebbe seguire una mentalità di business “a unico piano” che vada a sostituire i diversi piani isolati e separati di approvvigionamenti, marketing, produzione e distribuzione.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Mariano Vacca Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8014 click dal 20/04/2006.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.