Skip to content

Esistono differenze tra adulti ed anziani nell'allenamento per la forza massimale?

Informazioni tesi

  Autore: Maurizio Franco Vismara
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2004-05
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze della formazione interfacoltà medicina e chirurgia
  Relatore: Antonio Sgadari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

Sperimentazione con due gruppi di adulti (39-55 anni) e di anziani (58-65 anni). Scopo del presente studio è verificare se un programma di allenamento a carichi progressivi (Hargrove, 1990), originariamente sviluppato per individui giovani-adulti, è in grado di indurre un miglioramento della forza massimale anche in soggetti ultrasessantenni.

Materiali e metodi :
Soggetti
Il campione prescelto per lo studio è stato così strutturato:
• 15 soggetti di età >= 40 e =< 60 anni
• 15 soggetti di età > 60 anni
Criteri di inclusione
• Soggetti già praticanti esercizio fisico contro resistenza
• Soggetti non totalmente decondizionati, ma che hanno già svolto almeno 1 mese di condizionamento iniziale
Criteri di esclusione
• Ipertensione arteriosa grave (PA > 160/100)
• Cardiopatia ischemica (pregresso infarto miocardico acuto, portatori di by-pass o stent coronarici o sottoposti a angioplastica, angina instabile, angina a basso carico)
• Osteo-artropatie gravi e comunque tali da sconsigliare esercizi contro resistenza
• Diabete mellito
Reclutamento soggetti
I soggetti appartenenti ai due sottocampioni sono stati selezionati sulla base dei criteri suddetti dalla popolazione di individui che frequentavano la palestra American Contourella, Milano.
Valutazione iniziale
• Consenso informato
• Dati anagrafici
• Lista dei problemi medici attivi
• Lista dei farmaci assunti
• Scala di valutazione della funzione fisica (SF36)
• Scala di valutazione del livello di attività fisica legata al tempo libero ( “Modified Baecke Questionnaire for Older Adults”)
• Valutazione antropometrica (peso, altezza, determinazione massa magra e massa grassa mediante BIA con sistema tetrapolare)
• Determinazione diretta della forza massimale mediante protocollo RM-1 (vedi oltre) alle seguenti macchine isotoniche: chest press, leg-press, vertical traction (Technogym, Selection).
Programma di allenamento
Il programma di allenamento è stato derivato dalle tabelle in uso presso la squadra agonistica di football americano dell’Università di Miami (Halgrove, 1990). Dovendo adattare il programma di allenamento alle caratteristiche ed alle esigenze di una popolazione anziana, esso è stato ridotto dalle 13 settimane della versione originale a 10 settimane complessive. Lo schema prevede due fasi della durata di 4 settimane seguite da una settimana (la 5a e la 10a) di rivalutazione della forza massimale e di scarico. Il programma prevede 2 sedute settimanali: la prima seduta è caratterizzata da volumi (numero di ripetizioni e carichi) incrementali, mentre la seconda seduta settimanale è di “scarico”, con una riduzione media dei volumi di circa il 10% rispetto alla sessione precedente.
Prima dell’inizio dell’allenamento contro resistenza, i soggetti hanno svolto circa 15 minuti di riscaldamento: lavoro agli ergometri ed esercizi di stretching a corpo libero. Quindi aveva luogo la seduta di vero e proprio allenamento contro resistenza eseguendo 7 serie (di cui le prime 3 di riscaldamento) con un numero di ripetizioni costante nell’ambito della seduta e carichi crescenti di serie in serie come specificato nello schema successivo. Gli esercizi verranno eseguiti nel seguente ordine:
1. Leg-press orizzontale
2. Chest-press
3. Vertical traction
Valutazione finale
• Lista nuovi problemi medici
• Lista nuovi farmaci assunti
• Scala di valutazione della funzione fisica (SF36)
• Scala di valutazione del livello di attività fisica legata al tempo libero ( “Modified Baecke Questionnaire for Older Adults”)
• Valutazione antropometrica (peso, determinazione massa magra e massa grassa mediante BIA con sistema tetrapolare)
• Determinazione diretta della forza massimale mediante protocollo RM-1 (vedi oltre) alle seguenti macchine isotoniche: chest press, leg-press, vertical traction (Technogym, Selection).
Conclusioni
In sintesi il presente studio ha dimostrato che un programma di allenamento contro resistenza, a carichi progressivi, di elevata intensità, derivato dalle metodiche di allenamento di Hargrove (1990), può essere utilizzato nell’allenamento di persone anziane.
In particolare questo programma di allenamento contro resistenza ha prodotto i seguenti risultati:
• un significativo aumento della forza massimale di tutti i gruppi muscolari esaminati, sia nei soggetti adulti che in quelli anziani, già dopo 5 settimane, ed in misura ancora più evidente dopo 10 settimane
• l’incremento di forza è particolarmente rapido ed intenso nelle prime 5 settimane di allenamento per quanto riguarda chest e leg press, nelle seconde 5 settimane per quanto attiene invece alla vertical traction
• un notevole miglioramento della composizione corporea negli anziani rispetto al baseline, così che alla 10° settimana questi hanno un significativo aumento dell’acqua corporea totale, intracellulare ed extracellulare
• una tendenza, seppure non statisticamente significativa, ad un miglior rapporto tra massa grassa e massa magra nei soggetti anziani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Negli ultimi decenni si sono verificati cambiamenti così profondi da modificare radicalmente la struttura demografica del nostro Paese così come quella degli altri paesi del mondo occidentale. Nel 2000 l’Italia è divenuto il primo paese al mondo nel quale la percentuale di individui di età superiore a 65 anni ha sopravanzato quella di coloro i quali hanno meno di 20 anni. Nel 2002, nel nostro Paese, gli ultrasessantenni rappresentavano il 24.5% dell’intera popolazione (la più alta percentuale al mondo) e le stime per il 2025 proiettano questa cifra ad uno straordinario 35.1%. Il generale invecchiamento della popolazione, che già si è verificato e che in ancor maggior misura deve aver luogo nei prossimi anni, è dovuto alla sinergia di due potenti dinamiche demografiche: l’aumento della durata media di vita e la riduzione del tasso di natalità. Insieme, queste due forze, hanno fatto sì che nel suo insieme la nostra società invecchiasse rapidamente. E’ interessante notare come in questi ultimi anni le fasce di popolazione con il maggior tasso di crescita siano state quelle di età più avanzata; conseguentemente i segmenti di popolazione maggiormente aumentati, sia in senso assoluto che relativo, sono stati quello degli ultrasettantenni e, ancor di più, degli ultraottantenni. Accanto a queste profonde modificazioni demografiche, si sono verificati anche radicali cambiamenti sociali, sanitari e culturali tali per cui i settantenni di oggi possono esse paragonati ai sessantenni di 20 anni fa. Gli anziani di oggi sono consapevoli del fatto che uno stile di vita corretto migliora la qualità della vita, protegge da un gran numero di malattie, prolunga gli anni di vita attiva e procrastina la comparsa di una ridotta autonomia funzionale. L’esercizio fisico regolare viene ormai riconosciuto anche dalle persone anziane come elemento fondamentale di un sano e corretto stile di vita. Ed è per questo motivo che un crescente numero di anziani si avvicina, talora anche per la prima volta nella propria vita, alla pratica dell’esercizio fisico strutturato e regolare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adulti
allenamento di forza
anziani
atrofia muscolare
aumento massa muscolare
bioimpedenziometria
diminuizione massa muscolare
forza massimale
forza muscolare
ginnastica per anziani
programma di forza
test di forza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi