Skip to content

Utilizzazione commerciale delle alghe marine

Informazioni tesi

  Autore: Vitamaria Daniela Lopelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Giovanni Felicini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

Nella sistematica dei vegetali le macroalghe marine sono definite genericamente ''alghe'', chiamate in lingua inglese seaweeds, esse sono distribuite fra i tre phyla principali:
Rhodophyta, Phaeophyta e Chlorophyta. Le Rhodophyta o alghe rosse sono quasi tutte macroscopiche, cioè pluricellulari, ed in gran parte marine; le Phaeophyta o alghe brune sono tutte macroscopiche e, salvo qualche rara eccezione, tutte marine; le Chlorophyta o alghe verdi contano invece moltissime specie microscopiche e sono presenti in tutti gli ambienti sia marini sia d'acqua dolce.
Tale premessa ha importanza rilevante per l'argomento di questa tesi in quanto la dimensione rappresenta storicamente il motivo principale che ha dato avvio all'utilizzazione delle alghe da parte dell'uomo. E' infatti abbastanza ovvio che l'interesse dei popoli abitatori delle coste fosse attratto da alghe di grandezza paragonabile a quella delle piante terrestri, le quali, peraltro, sono quasi esclusivamente marine.
La raccolta e la coltivazione di alghe microscopiche, che pure si sono rivelate molto adatte alla produzione di biomasse sfruttabili, è invece, con qualche rara eccezione, abbastanza recente, successiva agli sviluppi tecnologici che hanno consentito il loro studio.
L'utilizzazione delle macroalghe ha dunque un'origine empirica: gli uomini hanno visto che esse erano mangiate da molti animali ed hanno provato a fare altrettanto. Il primo impiego in ordine di tempo dev'essere stato perciò alimentare, con una scelta che si basava non solo sul gusto ma, probabilmente, anche sulla necessità di sfamarsi. Il secondo impiego sarà stato quello officinale, dopo aver costatato che il consumo di certe specie dava come risultato effetti benefici sulla salute. Gli altri impieghi sono andati accrescendosi di numero ed ampliandosi man mano che progredivano le conoscenze scientifiche. Queste conoscenze riguardano la composizione chimica, la biologia, l'ecologia, l'agronomia.
La composizione chimica è fondamentale per stimare il valore nutritivo, conoscere i prodotti che si possono estrarre, mettere a punto le metodologie ottimali per l'estrazione, ottenere prodotti derivati adatti a particolari impieghi.
La biologia delle macroalghe comprende vari settori, sia di base sia applicativi, che spaziano dalla tassonomia, per classificare e riconoscere le specie, allo studio dei cicli di riproduzione, alle ricerche fisiologiche sulla nutrizione minerale e sulla fotosintesi, al miglioramento genetico, alla coltura dei tessuti per la micropropagazione. Naturalmente, alcuni aspetti di questi studi hanno già fornito risultati che trovano corrente applicazione, altri sono ancora in fase sperimentale.
L'ecologia studia l'influenza dei fattori ambientali sulla crescita delle alghe, avendo come uno dei principali obiettivi la stima della produttività. Recentemente essa deve anche considerare l'impatto degli eventuali inquinanti ed infine dovrebbe valutare l'effetto del raccolto - e quindi del depauperamento - delle popolazioni naturali sugli equilibri dell'ecosistema.
L'agricoltura marina è l'applicazione di criteri e metodi agronomici terrestri alla coltura su larga scala di specie economicamente importanti sia con lo scopo di ripopolare aree naturali impoverite dall'intensivo sfruttamento sia per impiantare veri ''campi marini'' che consentano una produzione mirata e più abbondante.
In questa tesi ho cercato di fare una rassegna aggiornata degli usi più significativi delle alghe marine e dei loro principali prodotti (cf. Newton 1951; Volesky et al. 1970; Waaland 1981).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2INTRODUZIONE Nella sistematica dei vegetali le macroalghe marine sono definite genericamente “alghe”, chiamate in lingua inglese seaweeds, esse sono distribuite fra i tre phyla principali: Rhodophyta, Phaeophyta e Chlorophyta. Le Rhodophyta o alghe rosse sono quasi tutte macroscopiche, cioè pluricellulari, ed in gran parte marine; le Phaeophyta o alghe brune sono tutte macroscopiche e, salvo qualche rara eccezione, tutte marine; le Chlorophyta o alghe verdi contano invece moltissime specie microscopiche e sono presenti in tutti gli ambienti sia marini sia d’acqua dolce. Tale premessa ha importanza rilevante per l’argomento di questa tesi in quanto la dimensione rappresenta storicamente il motivo principale che ha dato avvio all'utilizzazione delle alghe da parte dell’uomo. E’ infatti abbastanza ovvio che l’interesse dei popoli abitatori delle coste fosse attratto da alghe di grandezza paragonabile a quella delle piante terrestri, le quali, peraltro, sono quasi esclusivamente marine. La raccolta e la coltivazione di alghe microscopiche, che pure si sono rivelate molto adatte alla produzione di biomasse sfruttabili, è invece, con qualche rara eccezione, abbastanza recente, successiva agli sviluppi tecnologici che hanno consentito il loro studio. L’utilizzazione delle macroalghe ha dunque un’origine empirica: gli uomini hanno visto che esse erano mangiate da molti animali ed hanno provato a fare altrettanto. Il primo impiego in ordine di tempo dev’essere stato perciò alimentare, con una scelta che si basava non solo sul gusto ma, probabilmente, anche sulla necessità di sfamarsi. Il secondo impiego sarà stato quello officinale, dopo aver costatato che il consumo di certe specie dava come risultato effetti benefici sulla salute. Gli altri impieghi sono andati accrescendosi di numero ed ampliandosi man mano che progredivano le conoscenze scientifiche. Queste conoscenze riguardano la composizione chimica, la biologia, l’ecologia, l’agronomia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltura marina
alghe
alghe brune
alghe rosse
alghe verdi
algologia
chlorophyta
macroalghe
phaeophyta
rhodophyta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi