Skip to content

Non siamo tutti figli di Tony Manero. Il mondo della discoteca e i disabili.

Informazioni tesi

  Autore: Lisa Cantoni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Educatore Professionale
  Relatore: Andrea Canevaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

L'elaborato rappresenta un tentativo di comprendere alcuni aspetti fondamentali della vita notturna in discoteca e in particolar modo di capire i motivi che influiscono sulla non presenza dei disabili in questo luogo del loisir.

Nella prima parte del lavoro è stato esaminato il fenomeno “discoteche” nelle sue diverse sfaccettature:
_Sono descritti i principali cambiamenti avvenuti all'interno della discoteca dagli anni cinquanta fino ad oggi.
_La discoteca vista come impresa e le professioni che si trovano al suo interno. Coloro che svolgono tali attività sono i cosiddetti “cerimonieri del rito”, sono loro che rendono possibile il divertimento in discoteca; per evidenziare l'importanza e le caratteristiche del loro ruolo, sono riportate le testimonianze di alcuni ragazzi che vivono il lavoro notturno.
_I motivi che spingono i giovani a vivere la notte in discoteca. Un luogo dove è possibile socializzare, liberare le proprie emozioni, sperimentare la propria personalità, ma è anche il luogo degli eccessi.
_Inoltre viene analizzato il fenomeno dei rave illegali, soffermandosi sul fatto che durante queste feste è possibile raggiungere uno stato di “trance metropolitana”. Questo stato di modificazione della coscienza non è indotto in primo luogo da sostanze psicoattive, ma bensì è favorito dal clima che si crea, dalla musica, dalle luci e dall'empatia che si sviluppa tra le persone.

Nella seconda parte l'attenzione è posta sul tema principale della tesi: ossia cercare di capire i motivi che ostacolano la partecipazione dei disabili in discoteca e favorirne il loro inserimento.
Per capire questo, mi sono recata in alcuni Centri di Cesena e ho ascoltato direttamente le voci dei ragazzi disabili. Chiacchierando con questi ragazzi è emerso che molti di loro sono interessati e affascinati dalla discoteca. La maggior parte di loro non vive questo divertimento perché non ha nessuno che li accompagni e non a causa del proprio stato di salute.
Tenendo conto delle loro parole ho presentato due proposte per facilitare la loro fruibilità presso questo luogo.
Una proposta è rivolta all'amministrazione comunale; è il comune che si mobilita e mette a disposizione un mezzo di trasporto e un educatore sociale per accompagnare i disabili in discoteca.
La seconda proposta è rivolta direttamente all'imprenditore della discoteca e al suo staff. È stato idealizzato un progetto di una discoteca senza barriere architettoniche, ma l'elemento più interessante è l'introduzione di una nuova figura professionale: l'educatore sociale. L'educatore sociale diventa un nuovo “cerimoniere” del rito discoteca, sempre pronto ad accogliere, accompagnare e ad offrire la sua compagnia a chi ne ha bisogno.
Cercare di introdurre i disabili in un luogo visto da sempre come il luogo della perversione e trasgressione fa sicuramente discutere e insorgere numerosi dubbi, ma anche la persona “diversabile”, come tutti gli altri, ha il diritto di vivere questo divertimento e occorre che siano presenti tutte le condizioni per favorire la sua partecipazione.
La loro presenza in questi locali può essere l'inizio di una nuova trasgressione, un segnale di migliore qualità della vita in discoteca, ma soprattutto può essere un primo passo per abbattere il muro dell'indifferenza, un'opportunità per eliminare i pregiudizi e aprirci alla diversità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La scelta di realizzare la mia tesi di laurea sul tema relativo al mondo della discoteca, e in particolar modo di inserire i disabili in questo contesto, è scaturita da una mia esperienza personale. Da quattro anni lavoro, come barista, in discoteche e pub, questo mi ha permesso di conoscere i lati più nascosti di questi luoghi del divertimento, di entrare a contatto con la cultura del mondo della notte. Una sera, mentre svolgevo un servizio in una discoteca di Rimini, ho conosciuto un ragazzo su una sedia a rotelle, nonostante la sua condizione riusciva a divertirsi tranquillamente. In più situazioni l'ho visto sfruttare il suo deficit e trasformarlo in una risorsa. Non poteva ballare, ma aveva trovato altre attività divertenti da fare. Un suo passatempo ero io. Io da dietro al bancone del bar, non riuscivo a vederlo, perchè lui seduto sulla sua carrozzina era più basso, approfittando di questo, mi sottoponeva in continuazione a giochi scherzosi. Favoriti da questa circostanza di disabilità, abbiamo potuto conoscerci e instaurare un ottimo dialogo. La sua conoscenza, mi ha portato a riflettere sui motivi che influiscono sulla non presenza in discoteca dei disabili. Spesso si parla di integrazione dei disabili nel contesto scolastico, lavorativo, ma poco della sua partecipazione ai luoghi del tempo libero, del divertimento. La mia tesi di laurea è strutturata in questo modo: Nel primo capitolo ho percorso la storia e descritto i vari cambiamenti della discoteca, dagli anni cinquanta fino ad oggi. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disabili
disabili in discoteca
disco music
discoteca
discoteche
notturna

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi