Skip to content

Studio dell’impatto ambientale dei propellenti impiegati nei sistemi di lancio

Informazioni tesi

  Autore: Antonello Larocca
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria aereospaziale
  Relatore: Francesco Nasuti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

La tesi si colloca nell’ambito spaziale.Il trasporto spaziale, una volta monopolio dei governi, è divenuto un'importante fetta dell’economia mondiale, e l’ammontare degli affari derivanti dal lancio di payloads va sempre più aumentando. Anche se il trand attuale indica una diminuzione del numero dei lanci effettuati e del carico trasportato, le ultime analisi economiche ne prevedono un forte aumento, sulla base di nuove necessità di mercato e sull’impulso dato alla ricerca e allo sviluppo di nuovi veicoli di lancio.
Ogni volta che un vettore è utilizzato, svariati prodotti di combustione sono immessi direttamente nella stratosfera. La comprensione degli effetti di queste emissioni e la loro evoluzione sono i temi principali affrontati dal lavoro da me svolto; la necessità di preservare il nostro pianeta dall’eccessivo sfruttamento delle sue risorse e dall’inquinamento incontrollato, divennero uno dei punti chiave per l’analisi di ogni missione, prima che la colonizzazione di altri pianeti divenisse una urgenza inevitabile e non più un sogno da realizzare. Si consideri ad esempio che il CFC ed altri prodotti chimici industriali, oramai vietati da accordi internazionali, abbiano ridotto l'ammontare totale di ozono stratosferico di circa il 40 % in meno di 50 anni. Le recenti prospettive dell'effetto sullo strato di ozono da parte dei lanciatori a propellente solido (SRM), suggeriscono una esigua ma misurabile riduzione dello 0.03%.Al contrario le emissioni dei lanciatori con propellente liquido non sono inclusi in questi studi poiché non costituiscono una minaccia seria alla quantità di ozono attualmente presente. Il lavoro di tesi è stato svolto basandosi sui risultati a cui sono giunti gli studi e le ricerche consultate in letteratura (non si è limitata ad una semplice comprensione del problema, ma ci siamo spinti alla ricerca di nuove soluzioni e possibili alternative che per lo meno lo contrastino.Anche se rappresenta solo una piccola parte dell’inquinamento prodotto dall’uomo, sono fermamente convinto nel dare a questo aspetto della propulsione spaziale una certa rilevanza.La tesi è organizzata in quattro parti.
Nella prima si parla delle caratteristiche principali dei propellenti studiati, mettendo in evidenza le qualità che più ci interessano, quali quelle legate alle capacità propulsive, all’utilizzo e al grado di inquinamento da essi causato.
Nella seconda parte si discute degli effetti delle emissioni dei veicoli di lancio sulla stratosfera e sull’ozono in particolare, esaminando più da vicino i casi degli inquinanti più presenti o dannosi, quali il vapor d’acqua, gli idrocarburi incombusti, il cloro, l’azoto e l’allumina. Con particolare riguardo è stato studiato l’effetto dei propellenti solidi sull’ozono stratosferico, risultato dalle nostre analisi la causa principale della dissipazione del prezioso gas.
Nella terza parte analizziamo le ricerche effettuate ed i risultati a cui siamo giunti, ponendo in evidenza le caratteristiche dei lanciatori, la loro stadiazione, il numero dei lanci annuo e totale, nell’arco di tempo esaminato, con il consumo di propellente e l’inquinamento da essi causato. Tutti i dai relativi a questa sezione sono il frutto della nostra rielaborazione, utilizzando strumenti informatici e mini programmi da me realizzati appositamente per ognuno dei temi affrontati.
Nella quarta ed ultima parte si espongono le nuove direzioni verso cui è orientata oggi la ricerca per risolvere questo problema. Vengono esaminati i primi risultati su nuovi tipi di propellenti a basso impatto ambientale, in cui si cerca di compensare la perdita di prestazioni con l’economia di produzione e la semplicità costruttiva. I casi riportati sono quelli di nuovi propellenti a base di idrocarburi leggeri, di cui si analizzano i possibili settori di impiego.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli studi di Roma “La Sapienza” Studio dell’impatto ambientale dei propellenti impiegati nei sistemi di lancio Antonello Larocca Docente guida Prof. Francesco Nasuti Facoltà di Ingegneria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allumina
azoto
booster
cloro
combustibili solidi
green propellants
idrocarburi
inquinamento
lanciatore
ozono
propulsione spaziale
razzo
spazio
stratosfera
vapore acqueo
vettore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi