Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La biblioteca multiculturale di Arese

La tesi analizza le politiche multiculturali nelle biblioteche italiane e in particolare l' esperienza della biblioteca multiculturale per bambini di Arese.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La multiculturalità è un tema che negli ultimi anni è diventato sempre più importante e di attualità per le biblioteche pubbliche di tutto il mondo. Infatti con la crescita degli scambi e la mobilità delle persone, si fa sentire sempre più anche l’esistenza delle barriere linguistiche e culturali. La biblioteca pubblica, definita nel Manifesto Unesco 1 come via di accesso locale alla conoscenza, è anche uno spazio pubblico di incontri e scambi del sapere contemporaneo, e questo porta al suo interno le più scottanti contraddizioni del presente e gli interrogativi sul futuro. La disponibilità a partecipare e a favorire il dialogo interculturale inducono il bibliotecario ad affrontare un’ avventura del tutto nuova e quasi totalmente priva di strumenti comprovati. Ne è una semplice e chiara dimostrazione il fatto che nella stesura dei cataloghi non si era ancora posto il problema di gestire tecnicamente gli alfabeti non latini. La multicultura, occorre dirlo sinceramente, coglie in buona parte impreparata la professione bibliotecaria e non potrà essere solo l’aggiunta di uno scaffale in più. Infatti la multiculturalità non ha ancora lo spazio che le competerebbe nelle biblioteche italiane, mentre sarebbe importante sviluppare una più ampia riflessione sull’ argomento e dedicarvi più risorse, ampliando così gli orizzonti culturali, dando risposte a nuove esigenze del territorio e investendo per il futuro. E sarebbe auspicabile che la presenza di testi in lingua straniera e fonti d’informazione su culture diverse diventasse sempre più consistente e fosse una componente normale e scontata all’ interno delle biblioteche. Sarà necessario attrezzarsi di nuove competenze per affrontare la contemporaneità e la globalizzazione, con tutte le sue contraddizioni, che entra prepotentemente in biblioteca, facendola diventare sempre più meticcia, volta all’ incontro, anche conflittuale, alla contaminazione, al melting pot. Questo accade non solo perché esiste una crescente domanda di accessibilità da parte delle minoranze delle comunità locali, ma anche perché a tutti possa essere concesso di meglio comprendere il mutamento in corso 1 Manifesto Unesco sulle biblioteche pubbliche, “AIB notizie”, 7 (1995), n. 2 p. 1-2, in <http://www.aib.it/aib/commiss/cnbp/unesco.htm>, (ultimo accesso 11/2005).

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulio Abbondanza Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1666 click dal 24/04/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.