Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Jung e l’Alchimia: una interpretazione simbolica della vita e dell’opera di Zosimo di Panopoli

Attraverso il presente elaborato, ho cercato di ricostruire le motivazioni che hanno spinto Carl Gustav Jung, fondatore della psicologia del profondo- ma soprattutto grande protagonista della cultura del novecento- ad interessarsi ad una disciplina, l’alchimia, apparentemente estranea al paradigma culturale psicoanalitico dell’epoca, ed in particolare all’opera di un autore da lungo tempo caduto nell’oblio, Zosimo di Panopoli.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa. Il presente elaborato è incentrato sull’interpretazione junghiana degli scritti di Zosimo di Panopoli, in particolare il Peri aretes. Ho riportato nella nota bibliografica i diversi testi di Jung dedicati all’alchimia. In particolare, Zosimo ed il Peri aretes diventano oggetto di studio specifico con Le visioni di Zosimo, contenute in Studi sull’alchimia. Ho ritenuto utile, inoltre, approntare un’introduzione sommaria alla tradizione alchemica nei suoi diversi contesti storico-culturali, evidenziando i tratti peculiari di quella occidentale e confrontandoli, in particolare, con quella indiana e cinese. Ho poi ricostruito il contenuto del Peri aretes, basandomi sulle traduzioni e sui commenti del testo di Tonelli e su quello della Mertens. I paragrafi 3-6, al contrario, sono dedicati all’esegesi junghiana di Zosimo e alle fondamentali interazioni tra alchimia e psicologia del profondo. Alchimia e psicologia sono, infatti, connesse da interazioni ermeneutiche vicendevolmente fertili: se la seconda, infatti, è indispensabile per comprendere le reali finalità sottese all’inesausta ricerca di una tradizione millenaria, la prima, per contro, getta una luce chiarificatrice sul significato recondito di tanti archetipi inerenti la dimensione onirica individuale e collettiva.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio D'alonzo Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5170 click dal 27/04/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.