Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Insetti e piccoli animali nella cultura tradizionale sarda

valutazione dei rapporti tra piccoli animali e uomo, descrizione delle tradizioni nel corso del tempo ed eventuali variazioni o scomparse.Considerazioni generali su alcuni fenomeni culturali presenti in Sardegna riguardo ad abitudini alimentari, pratiche di medicina popolare, allevamento di specifiche specie.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 Insetti e piccoli animali nella cultura tradizionale sarda 1.1 Introduzione Chi avesse mai sentito il canto notturno di una civetta o osservato il volo crepuscolare dell’upupa, probabilmente avrebbe fatto caso alla loro natura, un po’ fiabesca, un po’ sinistra, comunque particolare ed evocatrice di immagini fantastiche. Qualcuno potrebbe chiedersi il perché si è scelto di occuparci di insetti e altri animali per una tesi in Lettere moderne; in effetti l’argomento sembrerebbe, se guardato superficialmente, più adatto per un lavoro di tipo scientifico, quali quelli che possono assegnarsi nel corso di laurea in Scienze naturali; l’incipit di questa introduzione potrebbe da solo dare una risposta. Infatti il mio contributo non è teso ad approfondire il tipo di vita biologica degli animali, né le loro caratteristiche specifiche, ma vuole analizzare il rapporto che, a livello tradizionale, l’uomo ha o ha avuto in passato con essi. Di fatto il rapporto con la natura può essere vissuto secondo una visione scientifica, che si cura di spiegare come alcuni insetti si riproducono o perché alcuni volatili migrano in determinati periodi, ma l’uomo non sempre, soprattutto in passato, riusciva a spiegare in modo plausibile alcuni fatti, perciò la varietà di eventi con cui si confrontava, veniva spiegata in modi diversi. Si è cercato sempre di dare risposte ai fenomeni naturali, probabilmente per mitigare la paura generata da ciò che si conosceva poco, ed avendo spesso una conoscenza ridotta, si sono fatte congetture, magari fantasiose ed improbabili ma

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Floris Contatta »

Composta da 228 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1887 click dal 28/04/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.