Skip to content

L’impatto della tecnologia in radiofrequenza RFID nella gestione di magazzino. Studio ed analisi di un caso pratico.

Informazioni tesi

  Autore: Marco Biagio Giugliano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Malgorzata Biniecka
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

Con questo lavoro si vuole analizzare gli aspetti della tecnologia RFID nella gestione del magazzino.
Prima di focalizzare la nostra attenzione sugli aspetti della tecnologia in radiofrequenza, facciamo un breve accenno al concetto di magazzino, dicendo che questo è considerato uno dei punti vitali dell’impresa a cui il management dedica particolare attenzione vista la funzione essenziale che espleta all’interno dell’azienda ed in tutta la Supply Chain, cioè in tutto il processo produttivo.
Nell’era di internet è quasi del tutto impensabile una gestione priva di supporto informatico. La gestione del magazzino deve essere considerata prioritaria. Questo è il caso del “magazzino virtuale” nell’era dell’e-commerce.
Questo consiste nella condivisione delle disponibilità di magazzino di più aziende. Il funzionamento è assicurato da un soggetto esterno, il Provider di servizio.
Vediamo ora, invece, quale impatto ha avuto la tecnologia in radiofrequenza RFID nell’ambito delle nuove tecnologie.
Verso la fine degli anni ’60 ha inizio la commercializzazione dei primi sistemi EAS (Electronic Article Surveillance).
Negli anni ’70 si potè assistere all’investimento da parte di grandi industrie americane del settore militare in applicazioni RFID civili.
Gli anni ’80 furono il periodo che vide l’affermarsi della tecnologia RFID come tecnologia ormai completa, con la diffusione su scala mondiale.
Solo negli anni ’90 si delinearono le condizioni per lo sviluppo dell’RFID moderno: maggiore miniaturizzazione dei circuiti – consentendo così un notevole risparmio d’energia – e sviluppo di standard internazionali condivisi.
Con l’acronimo RF-id – Radio Frequency Identification -, si intende un insieme di tecnologie basate sulla identificazione tramite utilizzo di radio frequenza.
I sistemi RFID fanno parte della tecnologia cosiddetta Auto-ID, o identificazione automatica.
Per quanto riguarda la tecnologia un sistema RFID è composto da almeno 3 elementi:
1. Transponder (o Tag):
2. Reader: letteralmente ”lettore.
3. Software: è l’elemento indispensabile per la ricezione ed elaborazione di dati fornite dal sistema RFID.
Le applicazioni RFID utilizzano tre grandi bande di frequenza:
• fino a 40,68 MHz (Bassa frequenza)
• da 433 a 915 MHz (Media frequenza)
• da 2,45 GHz (Alta frequenza)
Concetto fondamentale della tecnologia RF-id è quello di smart label (etichetta intelligente) è un’etichetta identificativa, sottile come un foglio di carta, realizzata in carta o in plastica, in cui è inserito un circuito integrato programmabile e un antenna ad esso collegata.
Il mercato delle etichette leggibile è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, allineandosi alle esigenze di mercato.
Per quanto riguarda la normativa in materia di identificazione automatica, l'International Organization for Standardization (ISO), organo ufficiale mondiale di standardizzazione.
La normativa italiana, allineandosi alle direttive europee, viene recepita con il (decreto n. 447 del 05/10/2001)
Per quanto riguarda la privacy, la posizione dei garanti mondiali emerge dalla risoluzione approvata alla Conferenza internazionale tenutasi a Sydney nel mese di settembre del 2003.
In tale risoluzione si manifesta il principio in cui le etichette cosiddette “intelligenti” non devono servire per la raccolta di dati personali. Inoltre, deve essere possibile disattivare o distruggere le etichette RFID.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo 1 LA GESTIONE DEL MAGAZZINO E DELLE SCORTE 1.1 IL CONCETTO DI MAGAZZINO Da sempre il magazzino è giustamente considerato uno dei punti vitali dell’impresa a cui il management dedica particolare attenzione vista la funzione essenziale che espleta all’interno dell’azienda ed in tutto il processo produttivo. Nel linguaggio corrente il termine “magazzino” si riferisce ad un locale adibito al deposito ed alla conservazione delle merci. Da un punto di vista economico-aziendale questa definizione risulta decisamente riduttiva poiché con lo stesso termine si fa riferimento ad una “struttura logistica in grado di ricevere merci, custodirle, conservarle, e renderle disponibili per lo smaltimento e la consegna”. Il ruolo assolto dal magazzino va quindi ben oltre a quello di mero deposito delle merci. Esso funge da raccordo tra gli acquisti dell’impresa e i processi di trasformazione, e tra i processi di trasformazione e quelli di vendita, garantendo così la continuità del processo produttivo e la tempestività nel soddisfacimento dei bisogni della clientela. Inoltre consente di separare due segmenti del processo distributivo (acquisto materie e vendita prodotti) dotati di differenti dinamiche al fine di ottenere una riduzione dei costi, garantire le capacità di stoccaggio ed assicurare il flusso delle merci. Il magazzino garantisce quindi sia la continuità del processo produttivo, svincolandolo dalla tempistica degli approvvigionamenti e da eventuali impedimenti nel ricevimento della fornitura, sia la separazione dei processi su cui si struttura l’attività aziendale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cluster industriali
etichetta intelligente
gestione magazzino
il magazzino nell’era dell’e-commerce
lotto economico di acquisto
magazzino
magazzino virtuale
outsourcing
politiche di approvvigionamento
radio frequency identification
radiofrequenza
rfid
rfid project
smart labels
tag
tecnologia dei cicli produttivi
tecnologia in radiofrequenza
tecnologia rf-id
tecnologia rfid
transponder

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi