Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli di Business legati all'Impiego di Software Open Source: il caso Compiere

La diffusione dei sistemi operativi basati sul kernel Linux, o di piattaforme che si
appoggiano al server web Apache (per citare gli esempi più famosi), testimoniano la
maturità tecnica raggiunta dal Software Libero e confermano la sua incontestabile
competitività. La facoltà dell’utente di modificare il programma in base alle proprie
necessità e la possibilità di ridistribuirlo, rappresentano un importante valore aggiunto
delle soluzioni di Software Libero. I vantaggi di questo approccio sono da ricercare nella
libera riutilizzabilità del software, oltre che nella sua versatilità e sicurezza. Ma la carta
vincente del Software Libero è da rinvenirsi nei consistenti risparmi di costo che spesso
può rappresentare per le imprese.
Non stupisce, quindi, che importanti imprese del settore informatico (per tutti IBM)
adottino piattaforme Open Source e che molte amministrazioni pubbliche dei Paesi
dell’Unione europea considerino lo sviluppo del Software Libero una priorità. In una
recente direttiva, l’ONU ha affermato che lo sviluppo del Software Libero rappresenta un
“importante fattore di sviluppo per le economie più deboli”.
Grazie all’utilizzo di software Open Source, le imprese si troverebbero ad essere
maggiormente incentivate ad investire nella formazione e riqualificazione dei propri
dipendenti visti, da una parte, i risparmi di costo e dall’altra la realistica prospettiva di
poter adattare i software alle proprie mutevoli esigenze.
Possiamo dire, quindi, che il software Open Source pone le giuste premesse al suo
impiego nelle aziende. La sfida attuale consiste nel creare applicativi adeguati, che non
temano il confronto con il software proprietario e che sappiano soddisfare ed anticipare le
esigenze dei clienti. D’altra parte le trasformazioni in atto nei software aziendali sono
importanti e profonde. I sistemi gestionali devono poter coniugare forte flessibilità e
adattività, riduzione dei tempi di avvio, inter-operabilità tra sistemi e organizzazioni
delocalizzate sul territorio.
La esigenze di produzione, distribuzione e analisi dei dati nelle aziende hanno
imposto una direzione ben precisa alle software house: la convergenza verso soluzioni
5
Erp in grado di supportare l’integrazione e lo scambio di dati con i software aziendali
specializzati per funzioni.
I tentativi compiuti dal movimento Open sono stati significativi in questo senso ma
è stato necessario, da un lato, trovare le giuste tecnologie, dall’altro i giusti modelli di
business e sviluppo. Il progetto Compiere Erp & Crm ha visto nel linguaggio Java e i
servizi Web (Web service) il probabile futuro dei software gestionali. Trovando il
consenso degli operatori, ha saputo creare un ambiente favorevole al suo sviluppo e
distribuzione.
Il primo capitolo offre una panoramica generale sull’evoluzione dei sistemi
informativi e dei software gestionali per le aziende. Dai sistemi di tipo tradizionale
organizzati per funzioni e chiusi all’interno delle aziende, si è oggi giunti a sistemi con
architetture basate su tecnologie Web orientate ai servizi. Ciò ha reso possibile la
transizione dalla catena del valore, interna all’impresa, alla rete del valore, con più
operatori interconnessi e rivolti ad un obiettivo comune. Come vedremo in seguito,
Compiere è figlio di tale transizione.
Il secondo capitolo intende indagare i modelli di business legati alla produzione e
alla distribuzione del software Open Source (OS). Le organizzazioni che adottano
l’approccio OS si differenziano dalle aziende che sviluppano software proprietario non
solo per il modello economico, ma anche e soprattutto per il modello organizzativo e di
sviluppo. La genesi e l’evoluzione di un prodotto OS sono infatti frutto di un’attività
collaborativa in cui gli attori interagiscono a distanza e quasi esclusivamente senza
incontri formali, e dove lo scambio di e-mail è il principale mezzo di comunicazione della
comunità di sviluppo.
La distribuzione di software con licenze di tipo OS può avere anche un’utilità
commerciale, in quanto il diffondersi di questo tipo di distribuzione del software
favorisce le esternalità di rete di quei produttori che hanno liberalizzato le proprie
soluzioni. La distribuzione gratuita del software è, pertanto, una strategia attuata sia in
ambito proprietario sia in ambito OS.
6
Il progetto Compiere costituisce l’oggetto della terza parte della tesi. Si tratta di un
software particolarmente potente e flessibile, citato da molti analisti per le sue
caratteristiche innovative e le sue potenzialità di sviluppo, non solo in termini
propriamente tecnici, ma anche in relazione alla comunità di sviluppatori e partner.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La diffusione dei sistemi operativi basati sul kernel Linux, o di piattaforme che si appoggiano al server web Apache (per citare gli esempi piø famosi), testimoniano la maturit tecnica raggiunta dal Software Libero e co nfermano la sua incontestabile competitivit . La facolt dell utente di modificare il programma in base alle proprie necessit e la possibilit di ridistribuirlo, rappr esentano un importante valore aggiunto delle soluzioni di Software Libero. I vantaggi di questo approccio sono da ricercare nella libera riutilizzabilit del software, oltre che nel la sua versatilit e sicurezza. Ma la carta vincente del Software Libero Ł da rinvenirsi nei consistenti risparmi di costo che spesso pu rappresentare per le imprese. Non stupisce, quindi, che importanti imprese del settore informatico (per tutti IBM) adottino piattaforme Open Source e che molte amministrazioni pubbliche dei Paesi dell Unione europea considerino lo sviluppo del Software Libero una priorit . In una recente direttiva, l ONU ha affermato che lo sviluppo del Software Libero rappresenta un importante fattore di sviluppo per le economie piø deboli . Grazie all utilizzo di software Open Source, le imprese si troverebbero ad essere maggiormente incentivate ad investire nella formazione e riqualificazione dei propri dipendenti visti, da una parte, i risparmi di costo e dall altra la realistica prospettiva di poter adattare i software alle proprie mutevoli esigenze. Possiamo dire, quindi, che il software Open Source pone le giuste premesse al suo impiego nelle aziende. La sfida attuale consiste nel creare applicativi adeguati, che non temano il confronto con il software proprietario e che sappiano soddisfare ed anticipare le esigenze dei clienti. D altra parte le trasformazioni in atto nei software aziendali sono importanti e profonde. I sistemi gestionali devono poter coniugare forte flessibilit e adattivit , riduzione dei tempi di avvio, inter-op erabilit tra sistemi e organizzazioni delocalizzate sul territorio. La esigenze di produzione, distribuzione e analisi dei dati nelle aziende hanno imposto una direzione ben precisa alle software house: la convergenza verso soluzioni

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Massimo Barbiero Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1629 click dal 05/05/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.