Skip to content

Sicurezza e degrado: reazione sociale e comitati di cittadini nella Bologna metropolitana

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Ligato
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Dario Melossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

A partire dalla prima metà degli anni Novanta in molte città italiane si è avviato un processo di trasformazione del tessuto sociale. Questo cambiamento è dovuto a vari fattori, tra i quali la crescente immigrazione. Alcune realtà urbane hanno notevolmente modificato la loro fisionomia, passando, in alcuni casi, da una dimensione tipicamente "provinciale" a una più metropolitana. E' il caso di Bologna, che da anni ha avviato un processo di metropolizzazione che ha caratterizzato in prevalenza il centro storico della città. Tra i problemi che le Amministrazioni comunali sono chiamate ad affrontare spiccano i disagi dovuti al degrado, alla sicurezza e all'inquinamento. Sono queste le tematiche principalmente affrontate dai comitati di cittadini, organizzazioni nate, secondo alcuni autori, dalla crisi di rappresentanza delle sezioni locali dei partiti politici e dalla volontà di farsi carico -to care- dei problemi della città. La loro origine è stata ricondotta a quei movimenti sociali sorti intorno agli anni '60-'70. I comitati bolognesi si sono fatti promotori di numerose proteste, tra le quali maggiore importanza ha avuto -anche per il successo ottenuto- la protesta dei comitati antismog. Lo scontento dei residenti è legato anche alla presenza di migliaia di studenti e al crescente numero di immigrati, molti dei quali irregolari. I cittadini bolognesi sono gli spettatori privilegiati di un cambiamento per alcuni aspetti non condiviso che sta avviando Bologna verso una dimensione sempre più metropolitana, con l'abbandono di quella visione di città a misura d'uomo che appartiene a un recente passato al quale, probabilmente, non si potrà fare ritorno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Durante gli anni Novanta in Italia si verifica un interesse crescente nei confronti della sicurezza urbana. Le ragioni del ritardo rispetto ad altri paesi europei e non, come ad esempio Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti, sono dovute a vari fattori. Per molti anni in Italia l’attenzione maggiore dell’opinione pubblica e dello Stato è stata rivolta verso la macro-criminalità: in primis criminalità mafiosa e criminalità legata al terrorismo politico, ciò comportando una minore attenzione verso la micro-criminalità, specie di natura predatoria. I sentimenti di insicurezza e la richiesta alle istituzioni di una maggiore lotta al crimine si manifesteranno, come detto, a partire dagli anni Novanta, quando un aumento della criminalità (soprattutto di strada), il deteriorarsi della partecipazione politica e l’indignazione per le vicende di Tangentopoli, sposteranno l’attenzione della collettività verso la necessità di una maggiore attenzione ai problemi relativi alla sicurezza interna. In quegli anni anche i sociologi cominciano a mostrare interesse verso quella che è stata definita la “questione criminalità”. Vengono così effettuate le prime ricerche statistiche relative alla percezione di insicurezza da parte della popolazione e incrementate quelle relative ai tassi di criminalità. I dati cui si è pervenuti testimoniano una sempre maggiore preoccupazione da parte dell’opinione pubblica verso la micro- criminalità e al tempo stesso, sono indicatori di quei fenomeni migratori che hanno caratterizzato gli ultimi anni Ottanta fino agli inizi del nuovo Millennio e che sono visti da vasti strati della società come problematici in quanto portatori di devianza e disordini. La conseguenza è una sempre maggiore percezione di insicurezza da parte della comunità, la quale chiede con sempre maggiore insistenza alle Istituzioni di farsi carico del problema. Ma lo Stato si trova di fronte a delle difficoltà: il problema è nuovo e di conseguenza non si è ancora preparati ad affrontarlo. Neanche le vecchie agenzie, costituite principalmente sul diritto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bologna
cittadini bolognesi
comitati
degrado
protesta
sicurezza
sicurezza sociale
tessuto sociale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi