Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'innovazione del punto vendita nell'abbigliamento secondo un approccio esperienziale

Il panorama distributivo nel settore dell'abbigliamento ha seguito un percorso di evoluzione che ha visto la trasformazione del punto vendita da mezzo esclusivamente commerciale a strumento di comunicazione dell'identità di marca e luogo privilegiato di interazione con il cliente. Il formato distributivo che, meglio di altri, rappresenta il nuovo ruolo assunto dal punto vendita è il flagship store, negozio mono o multimarca, la cui funzione principale è quella di mettere in scena (in linea con un approccio esperienziale) la filosofia dell’azienda, garantendo, nello stesso tempo, il raggiungimento di un rapporto saldo, duraturo, ma soprattutto interattivo con il cliente.
Questo lavoro, in linea con quello che risulta essere il trend nel panorama distributivo degli ultimi anni, concentra l’attenzione sulla costruzione di un punto vendita innovativo che, sulla base dei principi di un approccio esperienziale, è in grado di esprimere forti connotati distintivi, che permettono al punto vendita stesso di differenziarsi da un numero sempre più elevato di concorrenti che contraddistinguono l’arena competitiva. In particolare, il contributo di due fattori interdipendenti – il ruolo assunto dalla marca e le dinamiche evolutive del comportamento dei consumatori – ha indotto le imprese a ripensare le proprie strategie distributive. Più precisamente, il punto vendita – inteso dal consumatore non più come mero luogo d’acquisto ma piuttosto come luogo di incontro, capace di veicolare emozioni ed interazioni sociali – si è rivelato un prestigioso strumento con cui, da una parte, mettere in scena i valori e le caratteristiche esclusive di un fashion brand, e, dall’altra, assecondare il desiderio dei consumatori di vivere sensazioni memorabili durante il tempo da loro dedicato allo shopping.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Il panorama distributivo nel settore dell’abbigliamento ha seguito un percorso di evoluzione molto più recente di quanto avvenuto in altri settori (ad esempio in quello alimentare) che ha portato allo sviluppo della grande distribuzione che, nel corso del tempo, ha acquistato progressivamente sempre più valore nella dinamica delle relazioni con l’industria. Il ruolo di strategica importanza che, oggi, assume il punto vendita, ha spinto le imprese dell’abbigliamento ad assegnare un maggiore interesse, all’interno delle politiche aziendali, alla funzione distributiva. Ciò, a differenza del settore alimentare (dove la grande distribuzione gode di uno strapotere inattaccabile), è palesemente evidenziato dal verificarsi di un numero crescente di processi di integrazione verticale che, indipendentemente dalla provenienze dell’attore guida, interessano la distribuzione al dettaglio di abbigliamento. Obiettivo di questo lavoro è quello di delineare il ruolo e le peculiarità della funzione distributiva, mettendo in risalto l’importanza della costruzione di un punto vendita innovativo, concepito come piattaforma relazionale in grado di coinvolgere il cliente in tutta la sua totalità. Di fatto, il punto vendita ha subito un processo di evoluzione che lo ha visto progredire da mezzo esclusivamente commerciale a strumento di comunicazione dell’identità di marca e luogo privilegiato di interazione con il cliente. Il formato distributivo che, meglio di altri, rappresenta il nuovo ruolo assunto dal punto vendita è il flagship store, negozio mono o multimarca, la cui funzione principale è quella di mettere in scena (in linea con un approccio esperienziale) la filosofia dell’azienda, garantendo, nello stesso tempo, il raggiungimento di un rapporto saldo, duraturo, ma soprattutto interattivo con il cliente.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Gheri Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5932 click dal 02/05/2006.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.