Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le notizie che non passano - Informazione e politica in Italia

Questo studio cerca di individuare i criteri, le priorità, lo stile e il linguaggio con cui i tg fanno informazione in Italia, il modo in cui raccontano le vicende politiche del Paese ed il loro grado di completezza ed imparzialità, identificando le notizie che non passano.
Il monitoraggio di sette giorni delle edizioni principali di Tg1, Tg5 e Sky Tg24 confrontate con tre quotidiani di diversa ispirazioni culturale (Corriere della Sera, La Repubblica ed Il Giornale) ha dato risposte non univoche – com’era prevedibile – ma nel complesso non incoraggianti.
I tre telegiornali da noi esaminati spesso sono apparsi disattenti, superficiali, incompleti. In molti casi si arriva al paradosso che sono i quotidiani ad anticipare i tg, senza contare alcune sottovalutazioni importanti da parte di quest’ultimi, che pur dovendo interessare un pubblico molto vasto e popolare, troppe volte danno spazio a eventi di cronaca che, nella carta stampata hanno una rilevanza minima o addirittura nulla.
L’informazione politica occupa con frequenza un posto d’onore nella scaletta dei telegiornali ma il linguaggio è spesso molto complicato, da addetti ai lavori. Spesso non si spiegano in maniera adeguata nè i provvedimenti approvati nè i contenuti delle polemiche che li accompagnano. Sembra esserci, un colpevole squilibrio, e non solo per la ripartizione dei tempi fra maggioranza e opposizione. I tg sembrano soprattutto incapaci di svolgere un ruolo di reale vigilanza sulle istituzioni, con una chiara autonomia rispetto al potere politico. L’informazione dei telegiornali, e – paradossalmente – soprattutto quella del servizio pubblico, risulta molte volte priva del requisito dell’imparzialità. Eppure i tg sono da molti anni l’unico strumento di informazione di vaste fascie della popolazione italiana. Di fronte a questo ruolo, che resta cruciale, cresce la responsabilità di chi i tg li guida e di chi ne decide le sorti a livello politico.

INTRODUZIONE

Questo studio cerca di individuare i criteri, le priorità, lo stile e il linguaggio con cui i tg fanno informazione in Italia, il modo in cui raccontano le vicende politiche del Paese ed il loro grado di completezza ed imparzialità, identificando le notizie che non passano.
Abbiamo monitorato i tg nel corso di una settimana presa casualmente nel novembre del 2005 (11 novembre-17 novembre).
Tre sono i telegiornali osservati nelle loro edizioni principali:
Tg5: edizioni delle 13 e delle 20
Tg1: edizioni delle 13.30 e delle 20
Sky Tg24: edizioni delle 12 e delle 21
Abbiamo così messo a confronto le sei edizioni dei tre telegiornali tra di loro ma anche con tre quotidiani nazionali di diversa ispirazione culturale e politica: Corriere della Sera, La Repubblica, e Il Giornale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Questo studio cerca di individuare i criteri, le priorità, lo stile e il linguaggio con cui i tg fanno informazione in Italia, il modo in cui raccontano le vicende politiche del Paese ed il loro grado di completezza ed imparzialità, identificando le notizie che non passano. Abbiamo monitorato i tg nel corso di una settimana presa casualmente nel novembre del 2005 (11 novembre-17 novembre). Tre sono i telegiornali osservati nelle loro edizioni principali: Tg5: edizioni delle 13 e delle 20 Tg1: edizioni delle 13.30 e delle 20 Sky Tg24: edizioni delle 12 e delle 21 Abbiamo così messo a confronto le sei edizioni dei tre telegiornali tra di loro ma anche con tre quotidiani nazionali di diversa ispirazione culturale e politica: Corriere della Sera, La Repubblica, e Il Giornale.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabio Frabetti Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2697 click dal 03/05/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.