Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Esecuzione penale, trattamento sanzionatorio, rieducazione del condannato

Si affronta il tema dell'esecuzione penale,che parte dal giudicato ossia un titolo esecutivo costituito da un provvedimento di condanna irrevocabile.Successivamente si analizza l'evoluzione dell'esecuzione penale nel corso degli anni,confrontando i codici Zanardelli e Rocco.Si parla delle misure alternative,partendo dalla legge 354 del 75 passando per la Gozzini ed arrivando alla Simeone Saraceni.Infine si affronta il tema della rieducazione del condannato all'interno dell'istituto penitenziario,e l'opera risocializzativa che avviene nella societa' avvalendosi delle misure alternative.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Punto di partenza dell’esecuzione penale è il giudicato vale a dire un titolo esecutivo costituito da un provvedimento di condanna irrevocabile. E’ l’art. 27 della Costituzione che fa da guida in questa fase; una fase che si divide tra l’applicazione delle misure alternative e la permanenza del condannato in carcere. L’articolo 27 Cost. impone che la pena debba avere una funzione rieducativa nei confronti del reo. E’ da questa imposizione che nel corso degli anni partendo dalla legge 354 del 1975 che introduce l’osservazione scientifica del condannato e appoggiando i principi dell’art. 27 Cost. dando attuazione alla riforma dell’ordinamento penitenziario. In seguito abbiamo la legge Gozzini dove la necessità di ricercare con ogni mezzo la rieducazione del detenuto, si affianca l’esigenza di far sì che almeno la pena non sia desocializzante. Con questa legge si amplia la possibilità di accedere alle misure alternative alla detenzione. L’innovazione più importante della Gozzini è stata la nuova concezione dell’osservazione dovuta alla “decarcerizzazione“ delle misure alternative che potevano essere ottenute direttamente dalla liberta’ allo scopo di evitare per soggetti autori di reati di lieve entità o in ogni modo meno gravi, il “contagio criminale“ derivante dal contatto con l’ambiente carcerario. Nel 1998 abbiamo la legge Simeone-Saraceni che migliora il quadro complessivo d’accesso alle misure

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Rosalba Angelillo Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7657 click dal 12/05/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.