Skip to content

L'elezione diretta del Presidente della Regione siciliana

Informazioni tesi

  Autore: Marco Cinnirella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Ignazio Prof. Marino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 262

La Legge Costituzionale del 1999 N°1,relativamente alle Regioni ordinarie e la Legge costituzionale N°2/01 di revisione degli Statuti delle Regioni speciali,considerate come la prima vera e sostanziale opera di svecchiamento per ciò che concerne l’organizzazione politica regionale, hanno allargato notevolmente l’autonomia delle Regioni in tema di forma di governo e in materia elettorale, incentrandosi principalmente sull’introduzione di un sistema, derogabile dagli statuti, di elezione a suffragio universale e diretto del Presidente della Regione e contestualmente prevedendo congegni di stabilizzazione e rafforzamento della compagine esecutiva; un quadro di disposizioni che ha trovato la sua ratio sull’esigenza primaria avvertita dal legislatore di realizzare una centralità regionale attraverso una nuova politica basata su istituti di democrazia ”immediata” e di personalizzazione del potere,sulla scia delle già sperimentate innovazioni introdotte a suo tempo dall’ordinamento degli enti locali.Un favor quello del legislatore verso un assetto “presidenzialista” con riferimento alla “tendenza a un notevole rafforzamento della figura del Presidente della regione”che assurge ad assumere sempre piu’ un nuovo ruolo di “Governatore”: presidenzialista ma non “presidenziale” (vale a dire presidenziale in senso politologico, non giuridico)
Sulla scia di tale finalità il legislatore costituzionale ha previsto sostanzialmente 3 diversi regimi di governo per le Regioni: una disciplina costituzionale, standard o preferenziale che si ricalca sullo schema improntato sulla legittimazione democratica diretta e alla personalizzazione del potere come adottato già negli enti locali, una disciplina statutaria definitiva ma futuribile,che si muove e si muoverà entro i vincoli costituzionali espressi o impliciti stabiliti dal riformatore e evidenziati dal giudice costituzionale in un contesto che vede disposizioni costituzionali a derogabilità tout court e quelle a derogabilità condizionata, e una disciplina transitoria vigente,ma provvisoria fino alle nuove determinazioni delle Regioni stesse di cui all’art 5 della legge in oggetto.
Per quanto riguarda in particolare la regione Sicilia con la promulgazione e pubblicazione finale della legge regionale 3 giugno 2005, n. 7 “Norme per l’elezione del Presidente della Regione siciliana a suffragio universale e diretto. Nuove norme per l’elezione dell’Assemblea regionale siciliana. Disposizioni concernenti l’elezione dei consigli comunali e provinciali”, si è completato il mutamento del sistema elettorale siciliano, iniziato con la l.r. 20 marzo 1951, n. 29 (e successive modificazioni) e proseguito con la l.r. n. 43 del 2 febbraio 1995. La nuova normativa abbraccia un ambito materiale più ampio di quello costituito dalla disciplina della sola formula elettorale, concorrendo a tracciare, con lo Statuto, le linee-guida della forma di governo regionale costituendo un tassello fondamentale della stagione di riforme avviata dalla legge costituzionale 31 gennaio 2001, n. 2, di modifica degli Statuti speciali.Si è quindi stabilizzata la scelta verso, come già visto, l’elezione diretta del Presidente della Regione mantenendo però per l’Assemblea regionale il potere di approvare a maggioranza assoluta dei suoi componenti una mozione di sfiducia nei confronti del Presidente della Regione presentata da almeno un quinto dei suoi componenti e messa in discussione dopo almeno tre giorni dalla sua presentazione
Vale a dire che è stato preservato uno dei principi cardine della c.d. forma di governo «parlamentare», che, attraverso l’istituto principe del c.d. «indirizzo politico» del potere legislativo nei confronti di quello esecutivo, può determinare la crisi di governo nonostante il meccanismo di elezione diretta del Capo dell’Esecutivo, di chiara derivazione presidenziale . Una forma di governo “ibrida”che come analizzeremo,ricalca nei suoi meccanismi complessivi,quella prevista per gli enti locali,con una legittimazione popolare del Presidente al pari di quella contestuale ricevuta dall’assemblea,in un sistema di governo definito “bicefalo”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La riforma del Titolo V parte seconda della costituzione rappresenta, per il sistema delle autonomie regionali e locali un importante attuazione dei principi fondamentali dell’art. 5 e sancisce definitivamente l’avvio per un concreto assetto policentrico della repubblica e un nuovo modo di coniugare unita del sistema e ruolo delle autonomie. 1 Il dibattito sulla forma di stato dell’ordinamento costituzionale italiano ha registrato nel corso della fine del XX secolo una evidente accelerazione in quanto esso rappresentava uno dei cardini principali del confronto politico. In tutta la prima metà degli anni novanta i profondi cambiamenti politici e lo spostamento di notevoli consensi elettorali in particolare nel settentrione d’Italia verso movimenti federalisti, rese pressante per l’intera classe politica la richiesta di maggiori autonomie regionali e locali e quindi la consequenziale ricezione di idee autonomiste e federaliste. Tutto ciò ha favorito il varo, nell’ultimo decennio, di riforme legislative e costituzionali di grande rilievo 1 PIERGIGLI V. (a cura di ), Federalismo e devolution. Atti del Convegno di Studi. Universita' di Siena e Grosseto, 6 novembre, Milano, 2005, pag. 3 e ss

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autonomia regionale
elezione diretta
forma governo
legge elettorale
leggi statutarie
legittimazione diretta
mandato
presidente regione
rappresentanza
revisione
statutaria
statuto
titolo v

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi