Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi delle figure femminili nel cinema di Rainer Werner Fassbinder

Accostarsi all’opera di Rainer Weiner Fassbinder significa innanzitutto affrontare il corpus cinematografico di uno dei registi più prolifici mai esistiti. I numeri parlano da soli: lavorando ad una velocità impressionante, Fassbinder ha prodotto ben quarantuno films in soli quattordici anni .
In questa sede ci proponiamo di analizzare il lavoro del più celebre esponente del Nuovo Cinema Tedesco restringendo il campo d’analisi alle numerose figure femminili che popolano il suo cinema. Appare evidente che adottando questa particolare ottica di osservazione, sarà innanzitutto necessario effettuare un’operazione di selezione all’interno della vasta produzione cinematografica fassbinderiana, prendendo in considerazione soprattutto le opere ove contraddizioni, pulsioni e passioni femminili emergono in tutta la loro forza, divenendo spesso tecnica di dominio in una realtà socialmente caratterizzata.
Pur ritenendo qualsiasi categorizzazione limitante a priori, soprattutto quando si parla di un genio talmente poliedrico e camaleontico da sfuggire a qualsiasi processo di classificazione quale Fassbinder, ci è sembrato opportuno svolgere la nostra ricerca secondo un criterio temporale e uno psicologico, tale da individuare tre grandi tappe cronologiche (il periodo dell’Antiteater, quello dei melodrammi e il grande affresco della Germania del Dopoguerra) e tre tipi di personificazioni femminili (la donna prostituta dei gangster film, la donna borghese dei film-melò, la donna madre di Il viaggio in cielo di mamma Kusters e di Paura della paura).
Particolare attenzione dedicheremo poi alla celebre quadrilogia del Dopoguerra, ove la donna nella sua essenza, «cavia di se stessa e delle proprie passioni, proiezione biografica di un malessere e di un desiderio impronunciabili» , diviene emblema della Germania orgogliosa ma distrutta dagli eventi bellici. Non è un caso, infatti, che questi film portino nel titolo il nome di una donna.
Dunque, un curioso e intricato gioco di riflessi tra cinema, storia e passioni, che è innanzitutto filo conduttore ed essenza sovrastrutturale della nostra analisi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Accostarsi all’opera di Rainer Weiner Fassbinder, significa innanzitutto affrontare il corpus cinematografico di uno dei registi più prolifici mai esistiti. I numeri parlano da soli: lavorando ad una velocità impressionante, Fassbinder ha prodotto ben quarantuno films in soli quattordici anni 1 . In questa sede ci proponiamo di analizzare il lavoro del più celebre esponente del Nuovo Cinema Tedesco restringendo il campo d’analisi alle numerose figure femminili che popolano il suo cinema. Appare evidente che adottando questa particolare ottica di osservazione, sarà innanzitutto necessario effettuare un’operazione di selezione all’interno della vasta produzione cinematografica fassbinderiana, prendendo in considerazione soprattutto le opere ove contraddizioni, pulsioni e passioni femminili emergono in tutta la loro forza, divenendo spesso tecnica di dominio in una realtà socialmente caratterizzata. Pur ritenendo qualsiasi categorizzazione limitante a priori, soprattutto quando si parla di un genio talmente poliedrico e camaleontico da sfuggire a qualsiasi processo di classificazione quale Fassbinder, ci è sembrato opportuno svolgere la nostra ricerca secondo un criterio temporale e uno psicologico, tale da individuare tre grandi tappe cronologiche (il periodo dell’Antiteater, quello dei melodrammi e il grande affresco della Germania del Dopoguerra) e tre tipi di personificazioni femminili (la donna prostituta dei gangster film, la donna borghese dei film-melò, la donna madre di Il viaggio in cielo di mamma Kusters e di Paura della paura). Particolare attenzione dedicheremo poi alla celebre quadrilogia del Dopoguerra, ove la donna nella sua essenza, «cavia di se stessa e delle proprie passioni, proiezione biografica di un malessere e di un desiderio 1 «trenta lungometraggi, tre cortometraggi, due film televisivi superiori alle tre ore e due serial superiori alle dieci, cinque riprese di spettacoli teatrali, senza contare i lavori drammaturgici e radiofonici» D. Ferrario, Rainer Werner Fassbinder, Il Castoro, Milano 1993, p. 11.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisabetta Maria Elena Buttiglione Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2648 click dal 12/05/2006.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.