Skip to content

Aspetti organizzativi della portualità. Il porto di Oristano.

Informazioni tesi

  Autore: Gilda Tatti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Dante Zaru
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

In questo lavoro si sottolinea come l'assetto organizzativo gestionale adottato da un porto assuma un ruolo determinante per il suo sviluppo.
A tal fine si analizza la struttura organizzativa/gestionale del porto industriale di Oristano, la cui genesi e il cui sviluppo, hanno seguito canali alternativi rispetto ai canoni classici della portualità nazionale, consentendogli di ottenere risultati in controtendenza rispetto alla stessa. Il porto di Oristano, infatti, inizia la sua attività proprio quando l'Italia, pur occupando una posizione strategica nel Mediterraneo, si presentava con strutture portuali inadeguate e inefficienti i cui gravosi costi, imposti per legge dallo Stato, le hanno fatto perdere a partire dal 1975/76, quasi tutto il traffico marittimo mondiale a vantaggio degli scali più concorrenziali ed efficienti del Nord Europa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il mercato delle attività portuali, si estrinseca in un insieme integrato di operazioni, alla cui organizzazione e al cui funzionamento concorrono una pluralità di soggetti. Tali operazioni si distinguono in: operazioni connesse al recinto portuale in senso stretto, che riguardano il carico e lo scarico delle navi, e sono costituite da pilotaggio, rimorchio e ormeggio; operazioni che consentono la movimentazione delle merci in afflusso e in deflusso dalla struttura portuale attraverso strutture tecniche (gru, macchine de movimento a terra, ecc.); servizi logistici. I soggetti coinvolti nelle operazioni portuali, ciascuno dei quali presidia una o più operazioni specifiche, sono: ormeggiatori, piloti, società terminaliste, compagnie portuali. Altri soggetti presenti in ambito portuale sono: gli armatori, gli spedizionieri, i vettori di trasporto, le società assicuratrici e finanziarie e gli operatori nel settore dei servizi logistici. In uno scenario sempre più concorrenziale il posizionamento competitivo di un porto dipende non solo dalla efficacia delle operazioni nella banchina portuale, ma dall’efficienza complessiva del sistema, e quindi anche dalla capacità di collegare il porto con il bacino logistico delle regioni che garantiscono, l’afflusso ed il deflusso delle merci ( 1 ). Collegamento che, si rivela decisivo per lo sviluppo economico delle aree nelle quali sono insediate le strutture portuali. Il funzionamento operativo delle attività portuali, è strettamente legato al modo in cui si svolgono le operazioni di terminalizzazione (attività di movimentazione delle merci) ed i servizi logistici (distribuzione, magazzinaggio, e logistica specialistica). In particolare, il funzionamento delle attività di terminalizzazione, dipende da infrastrutture (banchine per la gestione di più navi contemporaneamente e di piazzale per lo stoccaggio dei contenitori), impianti (in particolare, numero e portata delle gru di banchina), mezzi meccanici, sistemi di gestione del terminal e dal rapporto con la clientela. In seguito alle profonde trasformazioni tendenziali del ruolo dei porti, da punto di transito delle merci a centro logistico, posizionandosi all’interno della catena del valore dei clienti, i servizi logistici stanno crescendo d’importanza. Nell’analisi del confronto competitivo tra sistemi portuali, un fondamentale livello di analisi, è quello che ha per oggetto i range portuali, vale a dire, i porti collocati in una stessa area, che, servono lo stesso hinterland e che competono tra loro per attrarre gli stessi flussi di traffico marittimo. Un range può coincidere con i confini di una nazione (es. Gran Bretagna) oppure (come nel caso del Northern Range, vale a dire, della fascia che va da Le Havre in Francia ad Amburgo in Germania che comprende dieci grandi porti) può comprendere porti collocati in nazioni diverse. ( 1 ) P. Spirito, Il sistema italiano dei porti mediterranei e l’integrazione con il traffico terrestre. Atti, in corso di pubblicazione, del VII Convegno Nazionale S.I.D.T. (Società Italiana Docenti di Trasporto). Ruolo del Mediterraneo nell’ambito del trasporto marittimo internazionale e nazionale. Cagliari 22-23 ottobre 1998.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azienda portuale
porti
porto di oristano
reti transeuropee dei trasporti
servizi marittimi
sistema portuale sardo
traffico merci

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi