Skip to content

Orari di lavoro e diritto alla salute

Informazioni tesi

  Autore: Brigida Clemente
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Uomo e ambiente
Anno: 2006
Docente/Relatore: Maurizio Ricci
Istituito da: Università degli Studi di Foggia
Dipartimento: diritto del lavoro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 272

Tempo di lavoro e tempo di non lavoro: sono questi i punti focali su cui si è soffermato, con crescente dinamicità, il dibattito sulla disciplina del tempo, dal momento in cui sono andati “alterando(si) in radice i termini tradizionali (di equilibrio) dell’intera materia” , ponendo l’esigenza di una radicale riorganizzazione e redistribuzione dei tempi di vita.
Il tema dicotomico della dimensione temporale , che in una prima fase è stato a lungo trascurato dalla riflessione giuridica e legislativa, nel corso degli anni ha, infatti, ripreso quota dando vita a un vivace revival di questo settore di studi , specie sugli aspetti distributivi tra tempo dedicato alla prestazione e tempo di non lavoro - inteso sia come tempo libero o “liberato dal lavoro” sia come tempi “interstiziali” (infra) -, in origine strettamente correlati alle vicende organizzative dell’attività produttiva .
Dopo la scossa iniziale degli interventi degli anni Venti e l’assestamento in età corporativa con l’emanazione del Codice civile, il periodo di stallo che è seguito ha costituito, in generale, il riflesso dello “scarso impegno profuso” sulla questione della durata del lavoro, in sede legislativa e contrattuale, prima che interpretativa , generato dal paradigma di una forte standardizzazione del mondo del lavoro. La disciplina legale dell’orario di lavoro, infatti, è rimasta immutata negli anni; però, a cavallo tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta, a partire dal cd. autunno caldo, un’azione contrattuale piuttosto vivace ha condotto alla riduzione generalizzata dell’orario di lavoro contrattuale a 40 ore settimanali (laddove la legge fissava il limite massimo in 48 ore) e alla previsione di ulteriori riduzioni per categorie particolari di lavoratori a partire dalla metà degli anni Ottanta.
Nella sostanza, la riorganizzazione degli orari è stata gestita in quegli anni dalla contrattazione collettiva sia nazionale sia aziendale. Quest’ultima, in particolare, ha rivestito un importante ruolo nel definire le linee applicative delle previsioni contenute a livello di CCNL per adattarle alle diversificate esigenze aziendali o settoriali. Nel trattare dei limiti previsti dal legislatore in tema di orario di lavoro, non si può, dunque, prescindere da un dato fondamentale, al quale, peraltro, la legislazione italiana ha sempre fatto esplicito rinvio, costituito dalle diverse regolamentazioni introdotte, sempre nel rispetto dei limiti legali, dalla contrattazione collettiva, con riferimento a ciascun settore produttivo .
A partire dagli anni Ottanta, dopo decenni di quasi assoluta inerzia legislativa e di disinteresse verso i profili di costituzionalità dell’assetto regolativo inaugurato nel 1923 sorti dopo l’emanazione della Carta Costituzionale, le sollecitazioni a occuparsi di orario di lavoro sono scaturite proprio dalla necessità di rivedere una normativa oramai sempre più inadeguata a far fronte alle nuove problematiche legate alle spinte di riorganizzazione del lavoro e di destandardizzazione di tutto l’impianto precedente .
La tendenza al rimodellamento dei tempi di lavoro viene concepita e gestita non solo come propensione a esprimere sollecitazioni (concorrenti) di natura bidirezionale, sia nel senso di tutelare la produttività aziendale (adeguamento all’andamento del mercato), sia nel senso di costituire una misura di promozione dell’occupazione; ma, per quello che in questo studio interessa, consente di cogliere il ruolo che, nel corso degli anni, hanno rivestito gli interventi del legislatore nazionale e comunitario, della giurisprudenza e della contrattazione collettiva funzionalmente alla garanzia di spazi temporali di non lavoro, in una logica di tutela della salute psico-fisica e di un’adeguata integrazione sociale dei lavoratori, che rappresenta la ratio sottesa all’art. 36 Cost.
Risale, del resto, a quest’ultimo periodo l’intervento di significative novità in materia di orario di lavoro nel rapporto di lavoro subordinato , sia sul versante della contrattazione collettiva (si pensi alle cd. clausole di flessibilità presenti in numerosi contratti di categoria) , sia sul versante legislativo, anche qui dietro impulso delle parti sociali , che vanno arricchendosi nella prassi applicativa “di nuovi stimoli provenienti dalla sfera individuale e dalle trasformazioni del tessuto sociale” ; atteso che l’orario di lavoro “è

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Tempo di lavoro e tempo di non lavoro: sono questi i punti focali su cui si è soffermato, con crescente dinamicità, il dibattito sulla disciplina del tempo, dal momento in cui sono andati “alterando(si) in radice i termini tradizionali (di equilibrio) dell’intera materia” 1 , ponendo l’esigenza di una radicale riorganizzazione e redistribuzione dei tempi di vita. Il tema dicotomico della dimensione temporale 2 , che in una prima fase è stato a lungo trascurato dalla riflessione giuridica e legislativa, nel corso degli anni ha, infatti, ripreso quota dando vita a un vivace revival di questo settore di studi 3 , specie sugli aspetti distributivi tra tempo dedicato alla prestazione e tempo di non lavoro - inteso sia come tempo libero o “liberato dal lavoro” 4 sia come tempi 1 In questi termini Treu T., Commento all’art. 36, Branca G. (a cura di), Commentario della Costituzione, Rapporti economici, tomo I, Zanichelli-Il Foro Italiano, Bologna-Roma, 1979, 121. 2 Supiot A., Alla ricerca della concordanza dei tempi (le disavventure europee del “tempo di lavoro”), Lav. dir., 1997, 20. L’A. parla di una “opposizione binaria” del tempo di lavoro e del tempo libero che va a configurare un “tempo eterogeneo”, evidenziando il superamento della nozione omogenea del tempo di lavoro, inteso come tempo della subordinazione. 3 Cfr., negli stessi termini, ma con riferimento al dibattito sul tempo di lavoro in sociologia: Gasparini G., Il dibattito sul tempo di lavoro in sociologia, in Valli V. (a cura di), Tempo di lavoro e occupazione, La Nuova Italia Scientifica, Bologna, 1988, 39. 4 Sul concetto di tempo liberato dall’obbligo della prestazione, durante il quale l’individuo può dedicarsi alla sua vita familiare e sociale, o semplicemente al riposo, cfr.: Gaeta L., Tempo di non lavoro e corporativismo in Italia e in Germania, LD, 3, 1987, 560; Cester C., Lavoro e tempo libero nell’esperienza giuridica, Quad. dir. lav. rel. ind., 1995, 17, 10. Sui “nuovi fenomeni della implicazione della persona nel lavoro o della liberazione della persona dal lavoro” cfr. le osservazioni formulate da Pera (Il tempo di lavoro, in AA.VV, Il tempo di lavoro, Atti delle giornate di studio di diritto del lavoro, Genova, 4-5 aprile 1986, Giuffré, Milano, 1987, 131-134), secondo il quale “la prestazione di lavoro sembra non essere più quella di una volta: di quei bei tempi in cui la classe operaia era classe operaia, e tutte le cose stavano al loro posto”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art. 32 cost.
art. 36 cost.
corte di giustizia
direttive comunitarie
diritto alla salute
durata della prestazione
ferie annuali
orario di lavoro
orario giornaliero
orario settimanale
riposo giornaliero
riposo settimanale
salute del lavoratore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi