Skip to content

Messa a punto di un metodo molecolare per l' identificazione di OGM in alimenti , sementi e mangimi

Informazioni tesi

  Autore: Giulio Paradisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Biotecnologie mediche
  Relatore: Mauro Cresti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Negli ultimi anni, grazie ai progressi realizzati dalle tecniche del DNA ricombinante e del trasferimento genico, le biotecnologie hanno subito una forte crescita soprattutto rivolta al settore dell’agricoltura. Ricercatori impegnati in vari paesi del mondo sono riusciti mediante le tecniche e dell’ingegneria genetica, ad ottenere un numero considerevole di piante geneticamente modificate soprattutto per specie ad elevato interesse industriale quali mais, soia, pomodoro, patata, cotone, colza, barbabietola da zucchero e tabacco
In generale si intende per organismo geneticamente modificato (OGM), un organismo il cui materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto si verifica in natura con l'accoppiamento e/o la ricombinazione genetica naturale. (GU n. L 213 del 21. 7. 1982). Nell'ambito di questa definizione la modificazione genetica deve avvenire mediante l'impiego di tecniche il cui prodotto finale non possa derivare dall’uso di metodi di riproduzione tradizionali.
Le principali modificazioni riguardano il miglioramento delle caratteristiche che incidono sul livello di produzione delle piante (piante transgeniche di prima generazione) ad esempio la tolleranza agli erbicidi, la resistenza a parassiti, la sterilità per la produzione di ibridi, la durevolezza dei frutti.
Un esempio di pianta geneticamente modificata per la resistenza al principio attivo di un erbicida è la soia “Roundup Ready Monsanto”. L’erbicida agisce inibendo l'attività dell' ESPS sintetasi, necessaria per la sintesi degli aminoacidi aromatici nella pianta provocandone la morte. Nel genoma della soia, sono stati inseriti geni per la ESPS sintetasi che producono proteine con sensibilità ridotta all'erbicida in modo da poter utilizzare dosi massicce di erbicida senza danneggiare la pianta.
L’esempio più conosciuto di resistenza agli insetti è il caso del mais “Bt- Novartis”, molto più produttivo di quello naturale grazie al gene del Bacillus Thuringensis che codifica per una tossina in grado di uccidere le larve di lepidotteri parassiti.Questa larva è uno dei principali nemici del mais, scava lunghe gallerie all’interno del fusto, il quale si indebolisce e si spezza, e della pannocchia, col risultato che non tutti i chicchi vanno a maturazione. Le proteine del B Thuringiensis si legano a recettori specifici localizzati


sulla membrana delle cellule dell'apparato digerente degli insetti bersaglio e impediscono all'insetto di alimentarsi.
Attraverso gli OGM di prima generazione si è intenti a risolvere problemi secolari dell'attività agricola mondiali, problemi che incidono, attraverso della perdita dei raccolti, sulla redditività degli stessi.
In futuro la ricerca si vede orientata a migliorare anche la qualità degli alimenti mediante la realizzazione di prodotti caratterizzati non solo da modificazioni che risolvono problemi inerenti alla coltivazione, ma anche da caratteristiche nutrizionali migliori o con valenza farmaceutica (piante transgeniche di seconda generazione).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE 3 1.1. DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI: Negli ultimi anni, grazie ai progressi realizzati dalle tecniche del DNA ricombinante e del trasferimento genico, le biotecnologie hanno subito una forte crescita soprattutto rivolta al settore dell’agricoltura. Ricercatori impegnati in vari paesi del mondo sono riusciti mediante le tecniche e dell’ingegneria genetica, ad ottenere un numero considerevole di piante geneticamente modificate soprattutto per specie ad elevato interesse industriale quali mais, soia, pomodoro, patata, cotone, colza, barbabietola da zucchero e tabacco In generale si intende per organismo geneticamente modificato (OGM), un organismo il cui materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto si verifica in natura con l'accoppiamento e/o la ricombinazione genetica naturale. (GU n. L 213 del 21. 7. 1982). Nell'ambito di questa definizione la modificazione genetica deve avvenire mediante l'impiego di tecniche il cui prodotto finale non possa derivare dall’uso di metodi di riproduzione tradizionali. Le principali modificazioni riguardano il miglioramento delle caratteristiche che incidono sul livello di produzione delle piante (piante transgeniche di prima generazione) ad esempio la tolleranza agli erbicidi, la resistenza a parassiti, la sterilità per la produzione di ibridi, la durevolezza dei frutti. Un esempio di pianta geneticamente modificata per la resistenza al principio attivo di un erbicida è la soia “Roundup Ready Monsanto”. L’erbicida agisce inibendo l'attività dell' ESPS sintetasi, necessaria per la sintesi degli aminoacidi aromatici nella pianta provocandone la morte. Nel genoma della soia, sono stati inseriti geni per la ESPS sintetasi che producono proteine con sensibilità ridotta all'erbicida in modo da poter utilizzare dosi massicce di erbicida senza danneggiare la pianta. L’esempio più conosciuto di resistenza agli insetti è il caso del mais “Bt- Novartis”, molto più produttivo di quello naturale grazie al gene del Bacillus Thuringensis che codifica per una tossina in grado di uccidere le larve di lepidotteri parassiti.Questa larva è uno dei principali nemici del mais, scava lunghe gallerie all’interno del fusto, il quale si indebolisce e si spezza, e della pannocchia, col risultato che non tutti i chicchi vanno a maturazione. Le proteine del B Thuringiensis si legano a recettori specifici localizzati

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biotecnologie
biotecnologie vegetali
botanica applicata
bt11
cibi sicuri
food genomics
mais
mon 810
ogm
organismi geneticamente modificati
piante transgeniche
sicurezza alimentare
soia
transgenico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi