Skip to content

Iniezioni Intracavernose di PGE1: un buon metodo per recuperare alla terapia orale i pazienti diabetici Non-Responsivi agli inibitori delle Fosfodiesterasi 5

Informazioni tesi

II livello in Andrologia
  Autore: Fabio Baccetti
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2006
Docente/Relatore: Fabrizio Menchini Fabris
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

L’incapacità di ottenere e mantenere un’erezione sufficiente a portare a termine un soddisfacente rapporto sessuale, detta Disfunzione Erettiva (DE), interessa circa 140 milioni di uomini nel mondo. In Italia si ha una prevalenza del 13%; nei pazienti diabetici mostrano un’aumentata prevalenza di tale condizione.
Dal 1999 è disponibile, un nuovo tipo di farmaco per la terapia della DE, il Sildenafil, capostite di una nuova famiglia, gli Inibitore della PDE5 (iPDE5) che comprende anche il Tadalafil ed il Vardenafil.
Fin da subito le percentuali di restaurazione di un’erezione sufficiente a portare a termine un rapporto sessuale soddisfacente, sono state elevate nei pazienti con DE psicogena e più basse nei pazienti con DE di tipo organica. Fra questi i pazienti diabetici.
Sono state escogitate una serie di strategie per recuperare questi pazienti alla terapia orale: adeguata istruzione del paziente all’uso del farmaco, l’aumento del dosaggio e la sua assunzione giornaliera invece che on demand, brevi periodi di terapia intracavernosa seguita dall’assunzione del farmaco, contemporanea assunzione di iniezioni intracavernose ed iPDE5 oppure uso del vacum device insieme agli iPDE5. Infine recentemente brevi cicli di terapia sostitutiva con Testosterone per via transdermica, recuperano questi pazienti alla terapia orale.
Abbiamo sottoposto i nostri pazienti diabetici ambulatoriali non responders alla terapia orale con iPDE5 ad un ciclo di 10 iniezioni intracavernose di prostaglandine E1 (PGE1) Alprostadil (10 o 20 ug). Al termine del ciclo venivano somministrato iPDE5 e si indagava la percentuale di nuovamente responsivi al farmaco.
30 pazienti diabetici tipo 2 (NIDDM) non responsivi sono stati sottoposti al ciclo suddetto e al termine 22 (73,3%) sono risultati di nuovo responsivi alla terapia orale. Tra i due gruppi vi sono differenze significative circa l’età, Pressione Arteriosa, Colesterolo HDL. Inoltre vi è differenza significativa nel valore soglia di Sensibilità Vibratoria (VPT) misurata al glande ed alla base del pene (più alta nei non) e probabilità più alta di avere malattia cardiaca (non). Infine vi è differenza significativa circa il dosaggio di PGE1 utilizzato per avere una risposta adeguata durante il ciclo. Non si è avuto nessun episodio di priapismo mentre 28 pazienti (93,3%) avevano avuto dolore all’iniezione e/o formazione di un piccolo ematoma nel sito di iniezione.
Pur se in un campione limitato di pazienti lo studio ha dimostrato che nei NIDDM non responsivi agli iPDE5 la terapia iniettiva intracavernosa con PGE1 con dosaggio scalare comporta il recupero di circa il 73% alla terapia orale. I pazienti nuovamente responsivi sono significativamente più giovani, hanno valori pressori inferiori, elevati livelli di Colesterolo HDL e valori di VPT Peniena misurata al Glande ed alla Base del Pene minori e minore prevalenza di malattia cardiaca.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 RIASSUNTO L’incapacità da parte del maschio di ottenere e mantenere un’erezione sufficiente a portare a termine un soddisfacente rapporto sessuale, definita Disfunzione Erettiva (DE), interessa circa 140 milioni di persone nel mondo. In Italia uno studio recente, effettuato mediante questionari somministrati dai medici di base in collaborazione con gli urologi ha mostrato una prevalenza di DE del 13% nella popolazione generale; nei pazienti diabetici i dati internazionali e italiani mostrano un’aumentata prevalenza di tale condizione. In particolare nel 1996 è stato condotto uno studio multicentrico che ha interessato 10157 pazienti. I risultati hanno mostrato la presenza di DE nel 36% dei pazienti; la prevalenza variava dal 63% nei pazienti diabetici tipo 2 al 74% nei pazienti diabetici tipo 1 e naturalmente aumentava con l’età e con la presenza di cattivo controllo metabolico, Fumo, Neuropatia Diabetica, Vasculopatia Periferica, Retinopatia Diabetica, Nefropatia Diabetica. Dal 1999 è disponibile sul mercato, dominato fino a quel momento dalle Prostaglandine usate per via intracavernosa o da altri farmaci di scarsa efficacia ed usati empiricamente, un nuovo tipo di farmaco per la terapia della DE il Sildenafil, capostite di una nuova famiglia di farmaci

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alprostadil
diabete mellito
disfunzione erettiva
pde5 inhibitors no-responders
proglandine e1
terapia intracavernosa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi