Skip to content

La rintracciabilità come strumento di marketing: il caso del settore vitivinicolo

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Casiraghi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2004-05
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Franco Giacomazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

Il tema della rintracciabilità domina oggi nei dibattiti relativi all’agroalimentare ma l’attenzione di cui gode da parte degli operatori è molto recente: fino ad una decina di anni fa il comparto sostanzialmente trascurava l’argomento. Poi, qualcosa è cambiato; una serie di eventi ravvicinati di forte impatto emotivo (es. BSE, pollo alla diossina), tutti relativi a pericoli sanitari, hanno provocato una piccola rivoluzione “copernicana” nell’intendere il governo dei processi di produzione e di commercializzazione del cibo.
A fronte di questi episodi, il Parlamento e il Consiglio Europeo hanno definito il Regolamento n. 178/2002, entrato in vigore il 1° gennaio 2005, con lo scopo di stabilire i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare.
L’obiettivo primario di questo Regolamento è l’innalzamento dei livelli attuali della sicurezza alimentare al fine di tutelare la salute dei consumatori e minimizzare i rischi connessi all’alimentazione.
Il Regolamento, per ciò che attiene alla rintracciabilità, prevede che ogni industria operante nella trasformazione e commercializzazione dei prodotti alimentari e delle bevande sia in grado di individuare i propri fornitori di materie prime (chi ha fornito che cosa), gli operatori economici a cui si consegnano i propri prodotti (chi ha ricevuto quali prodotti) e di avviare procedure per ritirare dal mercato la merce non conforme ai requisiti di sicurezza alimentare.
Il modo con cui rispettare queste regole può essere liberamente scelto da un’impresa perché il Regolamento non definisce un sistema univoco per garantirle. Questo significa che un’impresa può scegliere la soluzione più consona, in relazione ai suoi processi, per garantire la rintracciabilità.
I software per la rintracciabilità sono ormai alla portata di tutte le aziende: anche quelle più piccole, che non possono permettersi ingenti investimenti, possono utilizzare gli applicativi attraverso la modalità ASP.
Non solamente i software possono garantire la rintracciabilità; anzi, dal punto di vista tecnologico l’RFID e il bar-code si stanno diffondendo in maniera rapida viste le numerose informazioni che possono essere memorizzate in un tag o in un codice EAN 128.
In realtà, per diverse imprese e per taluni settori il Regolamento CE n. 178/2002 è stato ininfluente.
Ad esempio, le imprese dotate di certificazione alla Norma UNI 10939 relativa ai “Sistemi di rintracciabilità nelle filiere Agroalimentari” o munite di certificazione alla Norma UNI 11020 relativa ai “Sistemi di rintracciabilità nelle aziende agroalimentari” garantivano già quanto imposto dal 178; ricordiamoci, però, che queste norme sono volontarie cioè sta alla volontà o meno dell’impresa di adottarle.
Invece, i settori per cui il testo normativo è irrilevante sono quello vitivinicolo e quello delle carni perché già normati da disposizioni settoriali relative alla rintracciabilità.
Nonostante ciò, in questo lavoro, abbiamo valutato, attraverso una ricerca di mercato, se, effettivamente, le attività delle imprese vinicole non hanno subito modifiche a fronte dell’entrata in vigore del Regolamento n. 178/2002. Inoltre, la ricerca di mercato ci ha permesso di capire come viene percepita la rintracciabilità dai consumatori e come viene vista dai produttori. In particolare, da un lato è emerso che il 60% dei consumatori (di vino) riconoscono un “premio di prezzo” per avere la garanzia della rintracciabilità (maggiori informazioni/garanzie sulla provenienza e tipologie di uve); dall’altro i produttori ritengono che sia utile, nel futuro, investire per comunicare ai consumatori la rintracciabilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1: Scopo del presente lavoro 1 CAPITOLO 1 SCOPO DEL PRESENTE LAVORO Dal 1° gennaio 2005, ogni industria, operante nella trasformazione e commercializzazione dei prodotti alimentari e delle bevande, deve adempiere alle prescrizioni comunitarie del Regolamento CE n. 178/2002 del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’UE. Il testo normativo è finalizzato a garantire all’interno della Comunità Europea: • la libera circolazione di alimenti sicuri e sani; • un elevato livello di tutela della vita e della salute umana; • meccanismi per individuare i problemi di sicurezza legati agli alimenti. Il Regolamento è stato realizzato per evitare ulteriori casi drammatici, come il mascarpone al botulino, il pollo alla diossina e la BSE, che si sono verificati recentemente nel comparto alimentare. Tra i pilastri di questo Regolamento figura, all’art. 18, la disposizione che prescrive la rintracciabilità di ogni alimento, che consiste nella possibilità per un cliente (consumatore finale o industriale) di risalire (a monte della filiera) agli attori che hanno realizzato il prodotto da lui acquistato. Per questo motivo, le imprese devono essere in grado di mostrare, qualora richiesto, alle Autorità per la sicurezza alimentare i propri fornitori di materie prime (chi ha fornito che cosa), gli operatori economici a cui si consegnano i propri prodotti (chi ha ricevuto quali prodotti) e le procedure utilizzate per ritirare dal mercato la merce non conforme ai requisiti di sicurezza alimentare. Non è invece obbligatorio esprimere al consumatore queste informazioni. L’obiettivo del presente lavoro è capire se la rintracciabilità, da obbligo, può diventare uno strumento di marketing, ovvero se è in grado di trasformare l’onere dell’allestimento e gestione dei sistemi di rintracciabilità in un investimento per un ulteriore sviluppo del mercato. In particolare, è stato scelto come oggetto di studio il settore vitivinicolo perché, a differenza degli altri, aveva già delle norme che, se opportunamente rispettate dai produttori, dovevano garantire quanto imposto dal 178. Per questo motivo, almeno teoricamente, questo settore rispetto ad altri (eccezion fatta per quello delle carni) potrebbe essere già maturo per comunicare la garanzia della rintracciabilità al consumatore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agroalimentare
alimentazione
bse
consumatore
distributore
filiera
fornitore
iso
marketing
norma uni
premio di prezzo
produttore
qualità
rfid
ricerca di mercato
rintracciabilità
sicurezza alimentare
sistemi per la rintracciabilità
tracciabilità
vino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi