Skip to content

Quando l'altro è uno straniero. Stereotipi e pregiudizi nella cultura giovanile

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Nuvola
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Paola Nicolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

La ricerca nasce dall’esigenza di comprendere il variegato mondo delle rappresentazioni sociali e degli stereotipi, che il più delle volte portano al fenomeno del pregiudizio e dell’esclusione sociale.
Infatti, «gli stereotipi sono la componente cognitiva dell’antagonismo di gruppo, sono credenze circa gli attributi personali condivisi dagli individui che appartengono ad un particolare gruppo o categoria sociale» , soprattutto si cercherà di comprendere se il mezzo cinematografico riesca a far riflettere i soggetti partecipanti alla ricerca sulla tematica interetnica.

Il nostro lavoro nasce da una ricerca condotta con tre classi di tre diverse scuole medie superiori di Perugia. Il campione che ha partecipato a tale ricerca, è di 62 soggetti tutti provenienti da Perugia centro e dalla periferia. L’età dei ragazzi che hanno partecipato e contribuito alla ricerca, sarà di 16 e 17 anni. Dunque, si cercherà di sondare il pregiudizio e gli stereotipi dello straniero, più propriamente dell’immigrato nella cultura giovanile odierna. Il nostro intento è quello di esplorare l’atteggiamento dei 62 ragazzi nei confronti dell’alterità e di misurare, attraverso la somministrazione di due questionari e la visione del film, come reagiscono gli intervistati dinanzi a tali stimoli.
Strumento per sondare l’atteggiamento e le reazioni del campione sarà il questionario, suddiviso in due parti, la prima parte somministrata ai ragazzi prima della visione del film, la seconda parte dopo la visione.
Il punto cardine della nostra ricerca è il film «Indovina chi viene a cena?», di Stanley Kramer del 1967, famoso soprattutto per la vicenda che racconta e la tematica interetnica ed interrazziale che viene affrontata.
L’ipotesi di lavoro che ci siamo proposti, è quella di sondare l’atteggiamento di ragazzi adolescenti nei confronti dell’alterità, della diversità, attraverso lo strumento del questionario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Per la psicologia sociale, le rappresentazioni e gli stereotipi rappresentano delle euristiche cognitive che sono utilizzate, spesso involontariamente, dagli individui per orientarsi e conoscere il mondo circostante. Esse fanno sì che la conoscenza della realtà complessa possa avvenire in maniera semplice ed immediata. Di fatto, l’utilizzo delle rappresentazioni e degli stereotipi, ha una natura ordinaria e usuale. Infatti, «la quantità e la complessità delle situazioni in cui siamo immersi nella vita di relazione, determina nella nostra conoscenza la necessità di selezionare, classificare per categorie, le informazioni che incessantemente fluiscono nella nostra mente. La categorizzazione e la classificazione rappresentano sia risposte individuali che sociali di fronte a una realtà nella quale bisogna mettere ordine per orientarsi. Si tratta di formare grandi classi o raggruppamenti d’oggetti sociali, allo scopo di orientare l’attività per mezzo d’assunti e previsioni basati sull’esperienza individuale o socialmente trasmessa» 1 . Se lo stereotipo fornirà le caratteristiche di una categoria sociale, il pregiudizio, invece, per quanto riguarda le scienze sociali, si esprimerà in un particolare tipo di atteggiamento verso tutto un gruppo o classe di persone. Questo tipo d’atteggiamento si sostanzia in un giudizio, in un preconcetto formulato prima dell’esame della realtà che giudica e senza la considerazione dei fatti. Per quanto il 1 Delle Donne M., Relazioni interetniche. Stereotipi e pregiudizi, fenomeno immigratorio ed esclusione sociale, EdUp 1998, p. 9.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenza
cinema e pregiudizio
cultura giovanile
pregiudizio
psicologia sociale
rappresentazione sociale
razzismo
ricerca sociale
stereotipo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi