Skip to content

Alimentazione ed odontopatie nel gatto domestico: risultati di un'indagine epidemiologica

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Dominio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Medicina Veterinaria
  Corso: Medicina Veterinaria
  Relatore: Pier Paolo Mussa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 220

“Odontopatia” è un termine vasto, che raccoglie tutte le patologie che affliggono i denti.
La malattia dentale che colpisce primariamente il gatto è la parodontopatia, ossia l’infiammazione e l’alterazione del dente e delle strutture lo circondano.
Questa patologia ha un’eziologia multifattoriale, ma il ruolo principale è attribuito ai depositi di placca e tartaro sulle superfici dei denti ed al conseguente squilibrio della flora batterica del cavo orale.
Gli ultimi dati in letteratura descrivono le patologie dentali come un fenomeno in aumento: attualmente, circa il 25-50% dei gatti n’è affetto.
L’assunzione di una dieta prevalentemente umida sembra essere uno dei principali fattori di rischio, in quanto i residui alimentari si depositano sulle superfici dei denti, costituendo il substrato ideale dei batteri patogeni del cavo orale.
Gli sforzi dell’industria mangimistica sono rivolti a promuovere l’alimento come un potenziale mezzo per ridurre l’accumulo di placca e tartaro.
Negli ultimi anni, sono stati studiati alimenti secchi che promuovono la masticazione e favoriscono l’abrasione meccanica delle superfici dentali, agendo sulla modificazione della forma, della consistenza e della composizione della crocchetta.
Il fine di questo lavoro è quello di verificare qual è l’attuale prevalenza delle patologie dentali nel gatto domestico, evidenziarne i fattori di rischio e, soprattutto, concentrare l’attenzione sul ruolo che ha l’alimentazione nell’eziopatogenesi e nella profilassi di queste malattie.
A tale scopo, è stato analizzato il cavo orale di 150 gatti, condotti a visita presso due ambulatori veterinari; mediante un questionario proposto al proprietario, si è cercato di delineare le abitudini alimentari dei soggetti.
I risultati di questo studio, nonostante rappresentino una realtà molto ristretta, concordano abbastanza con i dati disponibili in letteratura.
Da questo studio emerge che il 70% dei gatti sterilizzati è affetto da lesioni dentali. E’, tuttavia, difficile pensare allo stato riproduttivo come ad una fattore di rischio dell’odontopatia; probabilmente questo dato è influenzato dall’età, che è doppia nei soggetti sterilizzati, rispetto a quelli interi, oppure da abitudini e qualità di vita differenti.
In letteratura è stato dimostrato che l’uso costante di paste enzimatiche o di crocchette specifiche per l’igiene orale previene le parodontopatia.
In questo studio, tuttavia, si riscontra una percentuale maggiore di alterazioni del cavo orale nei soggetti che utilizzano le paste enzimatiche. La spiegazione potrebbe risiedere nel fatto che spesso i proprietari ricorrono a questi prodotti solamente quando il gatto presenta una sintomatologia conclamata.
Le crocchette specifiche per l’igiene orale, per contro, si sono dimostrate efficaci nella riduzione dell’alitosi dei gatti esaminati.
Il tipo di alimentazione riveste un ruolo importante nei confronti dell’eziogenesi e della prevenzione della parodontopatia.
In primo luogo, essa agisce come fattore di rischio: è infatti risaputo che, più la percentuale d’umidità di un alimento è alta, maggiore è la deposizione di placca e tartaro sulle superfici dentali.
Inoltre, la dieta secca può diventare uno strumento di profilassi e terapia collaterale della patologia dentale, grazie all’effetto meccanico che esercita sulle superfici masticatorie.
Il 69% dei gatti analizzati assume prevalentemente alimenti industriali, anche se solo nel 32% dei casi si può parlare di dieta commerciale pura.
Generalmente, questi animali ricevono crocchette ed alimenti umidi in proporzioni simili; solo il 31% assume una porzione più elevata di alimento secco.
Dall’analisi dei dati emerge che l’assunzione giornaliera di almeno il 50% di alimento secco sull’intera razione sembra essere sufficiente a prevenire o, almeno, rallentare le gengiviti e l’accumulo di placca e tartaro.
E’ questo un dato confortante, se si pensa che i pochi dati disponibili in letteratura sostengono che, per avere un effetto benefico sui denti, la percentuale di crocchette della razione deve essere di almeno il 75% e deve provenire da un prodotto commerciale specifico per l’igiene orale.
Concludendo, se associata ad un adeguato trattamento domiciliare e professionale, l’alimentazione secca può aiutare molto nel contrastare le patologie dentali. Attualmente, i mezzi a disposizione consistono nel modificare la composizione, la forma e la consistenza del prodotto.




CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE “Odontopatia” è un termine vasto, che raccoglie tutte le patologie che affliggono i denti. La malattia dentale che colpisce primariamente il gatto è la parodontopatia, ossia l’infiammazione e l’alterazione del dente e delle strutture lo circondano (5). Questa patologia ha un’eziologia multifattoriale, ma il ruolo principale è attribuito ai depositi di placca e tartaro sulle superfici dei denti ed al conseguente squilibrio della flora batterica del cavo orale (11) (30) et al. Gli ultimi dati in letteratura descrivono le patologie dentali come un fenomeno in aumento: attualmente, circa il 25-50% dei gatti n’è affetto (15). L’assunzione di una dieta prevalentemente umida sembra essere uno dei principali fattori di rischio, in quanto i residui alimentari si depositano sulle superfici dei denti, costituendo il substrato ideale dei batteri patogeni del cavo orale (8) (45) (48). Gli sforzi dell’industria mangimistica sono rivolti a promuovere l’alimento come un potenziale mezzo per ridurre l’accumulo di placca e tartaro. Negli ultimi anni, sono stati studiati alimenti secchi che promuovono la masticazione e favoriscono l’abrasione meccanica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abrasione
alimentazione
batteri
carie
cavo orale
consistenza
crocchette
denti
dieta
gatto
gengive
igiene orale
masticazione
nutrizione
odontopatia
parodontopatia
patologia
placca
scatolette
tartaro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi