Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto tra ente locale e società partecipata nella gestione dei servizi pubblici locali

Problematiche inerenti il rapporto tra ente locale socio (controllore) e società per azioni a partecipazione pubblica (controllato)

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1 LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI 1.1. I servizi pubblici locali: evoluzione storico-giuridica del fenomeno Cosa sono i servizi pubblici locali? Per cercare una definizione di servizio pubblico locale oggi, occorre considerare come punto di partenza la Legge 8 Giugno del 1990 n. 142 “Ordinamento delle autonomie locali” quale legge che per la prima volta, nell’ordinamento giuridico italiano, ha racchiuso in modo organico, in un unico corpus normativo, l’intera disciplina degli Enti Locali. La norma contenuta nel 1 ° comma dell’art. 22 della Legge n. 142/90 afferma che “I comuni e le province, nell’ambito delle rispettive competenze, provvedono alla gestione dei servizi pubblici che abbiano per oggetto produzione di beni ed attività rivolte a realizzare fini sociali e a promuovere lo sviluppo economico e civile delle comunità locali”. Tale disposizione non identifica i servizi locali con specifiche attività ma ne dà una definizione generica, lasciando ai singoli enti locali un ampio margine di discrezionalità per decidere essi stessi quali attività ricondurre, secondo le circostanze ed i bisogni locali, nell’area dei pubblici servizi. 1 L’art. 22 detta quindi le linee guida in tema di organizzazione dei servizi pubblici, cui gli enti territoriali dovranno attenersi nella gestione dei servizi stessi. Al 2° comma dello stesso articolo viene, inoltre, stabilita una riserva di legge, assoluta, per i servizi destinati in via esclusiva alla gestione di Comuni e Province. Nel 3° comma sono invece elencate le cinque forme tipiche di gestione dei servizi pubblici locali che gli enti locali possono adottare: a) gestione in economia, quando per le modeste dimensioni o per le caratteristiche del servizio non sia opportuno costituire una istituzione o una azienda; 1 G. CAIA, I servizi pubblici locali, evoluzioni e prospettive, RIMINI, 1995, 24 e ss.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Cristina Ghirardello Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3913 click dal 29/08/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.