Skip to content

Il Libro Bianco sul mercato del lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Michela Spini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Mario Napoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 260

Il mondo del lavoro italiano sta attraversando un periodo di svolta. L’ingresso in Europa, le prime innovazioni introdotte dal “pacchetto Treu” e le nuove norme che oggi passano sotto il nome di “riforma Biagi”, ridisegnano regole e strutture del mondo produttivo abbandonando meccanismi che si sono consolidati nel corso di decenni di politica sociale e di contrattazioni sindacali. È con il Libro Bianco sul mercato del lavoro in Italia, preparato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e reso pubblico nell’ottobre 2001, che il diritto del lavoro finisce in prima pagina, per restarci sempre e senza interruzioni. E proprio il documento analitico-programmatico del Governo è l’argomento trattato in quest’elaborato. Prima di presentare le proposte del Governo ho però ritenuto opportuno soffermarmi sulle difficoltà crescenti incontrate dal diritto del lavoro italiano costruito intorno alla figura del contratto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato, sui fattori di trasformazione del lavoro, sulle caratteristiche del mercato del lavoro italiano, sul concetto di diritto al lavoro e sull’evoluzione del diritto del lavoro. Non soltanto l’Italia ha a che fare con tale cambiamento, ma il mercato del lavoro italiano presenta da sempre alcune anomalie che lo differenziano dai principali Paesi industrializzati e rendono la situazione più complessa. I dati che ci forniscono gli esperti sono chiari e creano allarme, sono dati che ci collocano in una posizione di svantaggio nella competizione internazionale e che ci invitano a riformare affinché il processo di convergenza europea non venga ostacolato ulteriormente. In un contesto tale che tipo di risposta dà il diritto del lavoro? Un diritto del lavoro che storicamente si è sempre occupato di chi un lavoro l’aveva già e che oggi ha parzialmente accolto la richiesta del diritto al lavoro di interessarsi alle prospettive di chi non ha occupazione, perché “un diritto del lavoro che escluda dal suo orizzonte il diritto al lavoro perde gran parte della sua legittimazione” (v. M. NAPOLI). Provenendo dalla Facoltà di Economia mi è sembrato opportuno introdurre nell’elaborato un capitolo riguardante alcuni studi economici sul mercato del lavoro che aiutano a delineare il contesto in cui si inserisce il documento governativo. La prima questione affrontata è quella delle politiche del lavoro che possono svolgere un ruolo importante all’interno di strategie più generali in materia di promozione dell’occupazione e di sollecitazione dello sviluppo. Impostata l’analisi delle politiche passive e attive in Italia, ho presentato i pilastri della Strategia di Lussemburgo di lotta alla disoccupazione. Più complessa l’analisi dei regimi di protezione dell’impiego che rappresentano l’insieme eterogeneo delle norme che limitano la possibilità di interruzione unilaterale del rapporto di lavoro da parte dell’impresa. Ho allora descritto la possibile soluzione delle “riforme di flessibilità al margine”. Il capitolo si conclude con un argomento che ha acceso il dibattito fra gli studiosi: le proposte rivolte ad aumentare il grado di flessibilità del mercato del lavoro italiano. Il dibattito che si è avuto in questi decenni sul tema è stato acceso e sicuramente di grande utilità, ma non si può negare che non è arrivato a nessuna conclusione decisiva e definitiva. Un capitolo è relativo al Libro Bianco sul mercato del lavoro. Prima di entrare nel merito dei vari argomenti ho speso qualche parola sulla natura e sull’utilità di un Libro Bianco, novità in Italia. Ho voluto poi seguire l’impostazione del documento governativo inserendo l’Executive Summary, seguito dall’analisi del mercato del lavoro in Italia e dalle proposte per promuovere una società attiva ed un lavoro di qualità. Nella prima parte la situazione del nostro mercato del lavoro di questi ultimi anni è sintetizzata con due termini: inefficienze ed iniquità; nella seconda si avanzano invece considerazioni e proposte in tema di rapporti di lavoro e di politiche del lavoro perché si è consapevoli che lo studio e l’analisi non bastano. Si individuano regole e strumenti per l’attuazione di obiettivi e politiche volte a raggiungere l’occupabilità, la qualità, la flessibilità, la sicurezza, le pari opportunità e l’inclusione sociale. Insomma, una serie di misure difficili da riassumere, che puntano a promuovere non solo una società attiva, cioè, con più posti e più occasioni di lavoro, ma anche a favorire un lavoro “di qualità”. Un incremento occupazionale, in sostanza, non inteso solo in termini quantitativi, ma anche, e soprattutto, in termini qualitativi.
Ho quindi accennato all’acceso dibattito che si è aperto dopo l’uscita del Libro Bianco innanzi tutto fra le parti sociali. Infine ho riepilogato i passaggi fondamentali che hanno portato dal Libro Bianco in questione al D.Lgs. 10 settembre 2003, n.276 e, quindi, alle nuove regole.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 4 Introduzione Il mondo del lavoro italiano sta attraversando un periodo di svolta. L’ingresso in Europa, le prime innovazioni introdotte dal “pacchetto Treu” e le nuove norme che oggi passano sotto il nome di “riforma Biagi”, ridisegnano regole e strutture del mondo produttivo abbandonando meccanismi che si sono consolidati nel corso di decenni di politica sociale e di contrattazioni sindacali. Un processo di riforma profondo, a detta di molti indispensabile per ridare competitività al Paese e per combattere un tasso di disoccupazione ancora eccessivo. È con il Libro Bianco sul mercato del lavoro in Italia, preparato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e reso pubblico nell’ottobre 2001, che il diritto del lavoro finisce in prima pagina, per restarci sempre e senza interruzioni. E proprio il documento analitico- programmatico del Governo è l’argomento trattato in quest’elaborato. Prima di presentare le proposte del Governo ho però ritenuto opportuno soffermarmi, nel primo capitolo, sulle difficoltà crescenti incontrate dal diritto del lavoro italiano costruito intorno alla figura del contratto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato, sui fattori di trasformazione del lavoro, sulle caratteristiche del mercato del lavoro italiano, sul concetto di diritto al lavoro e sull’evoluzione del diritto del lavoro. Da circa quindici anni il tema del mutamento del lavoro generato dalle nuove tecnologie e dalla mondializzazione dei mercati forma oggetto di studio, di osservazioni e di teorizzazioni. Non soltanto l’Italia ha a che fare con tale cambiamento, ma il mercato del lavoro italiano presenta da sempre alcune anomalie che lo differenziano dai principali Paesi industrializzati e rendono la situazione più complessa. I dati che ci forniscono gli esperti sono chiari e creano allarme, sono dati che ci collocano in una posizione di svantaggio nella competizione internazionale e che ci invitano a riformare affinché il processo di convergenza europea non venga ostacolato ulteriormente. In un contesto tale che tipo di risposta dà il diritto del lavoro? Un diritto del lavoro che storicamente si è sempre occupato di chi un lavoro l’aveva già e che oggi ha parzialmente accolto la richiesta del diritto al lavoro di interessarsi alle prospettive di chi non ha occupazione, perché “un diritto del lavoro che escluda dal suo orizzonte il diritto al lavoro perde gran

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

decreto legislativo 10 settembre 2003, n.276
diritto al lavoro
diritto del lavoro
disoccupazione
economia del lavoro
flessibilità
lavoro
legge 14 febbraio 2003, n.30
legge biagi
libro bianco sul mercato del lavoro
marco biagi
nuovi contratti di lavoro
occupazione
patto milano
politiche del lavoro
riforma mercato del lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi