Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio teorico e sperimentale della frenatura di un veicolo articolato con cisterna

apparato sperimentale per la rilevazione delle forze scambiate tra cisterna e rimorchio durante il moto

Mostra/Nascondi contenuto.
Studio Teorico e Sperimentale Della Frenatura Di Un Veicolo Articolato Con Cisterna Introduzione 3 Introduzione Questo lavoro di tesi si inserisce nell’attività di ricerca del gruppo di meccanica applicata alle macchine, in particolare del prof. Giacomo Mantriota che da anni si occupa di problematiche inerenti la dinamica e la sicurezza dei veicoli industriali. Lo scopo ultimo di questa attività è quello di migliorare la manovrabilità e soprattutto la sicurezza ed il comfort dei veicoli industriali. [2], [4], [6], [7], Attraversando un’area industriale in cui è presente una raffineria, come quella tarantina, ci si accorge della presenza massiccia di camion adibiti al trasporto liquidi. Appare evidente come le conseguenze di un incidente in cui sia coinvolto uno di questi mezzi siano disastrose, tanto per l’uomo quanto per l’ambiente. Anche se le dotazioni di sicurezza, come l’ABS e l’ESP, hanno contribuito in maniera notevole alla riduzione di incidenti, non si può comunque essere mai soddisfatti dei risultati raggiunti essendoci in ballo delle vite umane e la salvaguardia dell’ambiente fino a quando il rischio non viene reso prossimo allo zero. A tal scopo è stato realizzato in passato un apparato sperimentale che verificasse l’attendibilità dei risultati ottenuti tramite simulazioni al calcolatore. Scopo di questa tesi è quello di migliorare il veicolo sperimentale già esistente, aumentando il numero di sensori e, di conseguenza, il numero di rilevazioni. Con questo apparato verranno eseguite diverse manovre critiche quali: • Frenata brusca; • Cambio di corsia; • Curva a 90°. Le stesse manovre verranno simulate al calcolatore e, a posteriori, si confronteranno i risultati teorici con quelli rilevati sperimentalmente. In questa tesi viene approfondito lo studio della prima manovra, utilizzando un programma di simulazione appositamente elaborato. Obiettivo finale è testare l’attitudine del modello matematico ad essere utilizzato come modello predittivo atto a facilitare le operazioni di progettazione funzionale del veicolo nella sua interezza ed eventualmente a ottimizzare l’applicazione su di esso di

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Ermanno Passarelli Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 633 click dal 14/06/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.