Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di un integratore alimentare a base di estratti vegetali ad attività capillarotropa


L’attività di tirocinio è stata svolta presso i laboratori di Ricerca e Sviluppo e Controllo Qualità dell’azienda OFI SPA e nei laboratori della sezione Nutrizione del Distam (Università degli Studi di Milano).
Gli obiettivi del lavoro sono:
1) Progettare un integratore ad azione protettiva dal danno ossidativo sul sistema vascolare, che in particolare mantenga la fisiologia dell’endotelio capillare.
2) Valutarne la stabilità, i parametri chimico-fisici e l’andamento dei principi attivi in condizioni diverse.
Per realizzare l’integratore sono state scelte 3 piante contenenti sostanze antiossidanti in base all’uso tradizionale e alimentare, la potenziale tossicità e il luogo d’origine: mirtillo nero, Vaccinium myrtillus; semi di Vitis vinifera; falsi frutti di Rosa canina.
MATERIALI E METODI
Il protocollo sperimentale si sviluppa in 3 punti principali:
1) Scelta della forma di somministrazione: “bevibile con tappo dosatore-tranciatore” in flaconcino in PET ambrato da 10 ml, che permette di avere una parte liquida in cui solubilizzare attivi stabili in soluzione o che danno problemi trattati come polveri; e di mantenere in ambiente protetto (il tappo) le sostanze sensibili all’ossidazione quando in soluzione.
2) messa a punto della formulazione: il tappo contiene estratto secco di Rosa canina titolato al 50% in vitamina C; lo sciroppo contenuto nel flaconcino estratto secco di mirtillo nero e grapeseed titolati rispettivamente 15% in antocianine e 95% in OPC.
3) valutazione della stabilità dell’integratore preparato andando ad effettuare le seguenti analisi in diverse condizioni di temperatura e luce: determinazione di parametri chimico-fisici: pH, concentrazione % degli zuccheri, densità dello sciroppo; determinazione delle caratteristiche sensoriali di sciroppo e polvere: aspetto, gusto, colore, dispersione delle polveri nel flacone; analisi microbiologiche; dosaggio delle sostanze caratterizzanti.
Per quanto riguarda il primo punto, sono state messe a punto 2 formulazioni (A e B).
La valutazione della stabilità viene effettuata conservando il campione in 4 condizioni diverse: a temperatura ambiente, che corrisponde alla situazione usuale di stoccaggio del prodotto; in frigorifero, +5°C, che corrisponde ad una conservazione ottimale; in stufa a +40°C e in incubatore shock (cicli di 10 giorni a +40°C alternati a 4 giorni a +5°C).
Sul campione così suddiviso si effettuano i controlli di stabilità a fine preparazione, dopo 2 settimane e dopo 4 settimane.
RISULTATI
I parametri chimico-fisici, pH, Brix e densità rimangono costanti.
Le analisi microbiologiche hanno dato sempre esito negativo.
La valutazione delle caratteristiche sensoriali porta ai seguenti risultati. Il campione conservato in frigorifero e a temperatura ambiente rimane invariato. Si evidenziano variazioni di colore e di gusto nello sciroppo mantenuto in stufa e incubatore shock per 14 e 28 giorni.
Il contenuto di vitamina C è stato determinato mediante il metodo HPLC usato in azienda per le vitamine idrosolubili. Non è possibile stabilire se esistono delle differenze significative tra i valori ottenuti. I polifenoli totali sono stati determinati mediante metodo colorimetrico con reattivo di Folin-Ciocolteau su 5 flaconcini per ogni condizione di conservazione per i 3 tempi considerati.
L’elaborazione statistica dei dati permette di affermare che secondo il test di Anova a due vie, considerando tempo e conservazione come fattori di stratificazione, non si evidenzia alcuna variazione di effetto.
L’analisi HPLC delle antocianine ha mostrato che nel campione conservato in frigorifero i composti presenti in maggior quantità rimangono costanti. Negli altri trattamenti diminuiscono considerevolmente fino a scomparire nel campione conservato in stufa per 28 giorni.
CONCLUSIONI
La stabilità della formulazione del tappo è soddisfacente, in particolare risulta positiva la scelta di porre l’estratto secco di Rosa canina in un ambiente protetto da luce, aria e umidità, fattori che deteriorano l’acido ascorbico. Complessivamente, dalle determinazioni dei parametri standard, lo sciroppo del campione B è rimasto stabile, eccetto le variazioni di colore e gusto, che ne consigliano lo stoccaggio a basse temperature. Il dosaggio delle antocianine ne mostra il deterioramento progressivo nel tempo, maggiore a elevate temperature.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE 1 1. INTRODUZIONE Nel presente elaborato si espone l’attività di tirocinio svolta, nel periodo Giugno- Ottobre 2003, presso il laboratorio di Ricerca e Sviluppo dell’azienda OFI S.P.A. (con sede in via Verga, 14, Bergamo) sotto la guida del Dott. Andrea Fratter e nei laboratori della sezione Nutrizione del DISTAM (Università degli Studi di Milano), con il Dott. Paolo Simonetti. Le prime tre settimane sono state caratterizzate dall’apprendimento dei metodi di realizzazione d’integratori alimentari e dallo studio dello sviluppo di vari progetti in atto riguardanti le fasi di formulazione e controllo della stabilità. Il lavoro di tirocinio esposto in questo elaborato ha riguardato la progettazione, la preparazione e le prove di stabilità di un integratore alimentare a base di estratti vegetali. Per questo progetto, contrariamente al trend di mercato, si vogliono scegliere piante d’origine italiana e un esiguo numero di estratti. Le motivazioni sono semplici. Non è assolutamente necessario utilizzare preparati di piante esotiche, quando si ha la possibilità di trovare sostanze molto interessanti in vegetali comunemente utilizzati, la cui attività sia suffragata anche dalla tradizione popolare. Inoltre, data la grande quantità di sostanze presenti in un unico estratto, sembra opportuno miscelare solo sostanze che abbiano azione simile, sinergica, provata da studi. Oltretutto, data la complessità chimica e la molteplicità di attività dei principi attivi scelti, è doveroso cercare di monitorare la loro stabilità nel tempo. Questo tipo di analisi risulta difficoltoso su un singolo estratto e inoltre non si conoscono le possibili interazioni fra le sostanze contenute in preparati di diverse piante. Verrà di seguito esposto un paragrafo riguardante la storia, la produzione e l’organizzazione dell’azienda.

Laurea liv.I

Facoltà: Farmacia

Autore: Gaia Bonacina Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5161 click dal 14/06/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.