Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Underground & Commercial. Etnografia dei diversi volti dell'HipHop a Roma.

Capire i giovani di oggi vuol dire innanzi tutto capirne le mutazioni, le trasformazioni, i conflitti; studiarne le differenze e le similitudini rispetto alle generazioni precedenti; considerarne la musica, le mode, le tendenze; capire soprattutto i meccanismi che si sono instaurati prima, dopo, e durante determinati “punti di rottura” che si possono ritrovare all’interno della storia della società moderna. Le considerazioni e i punti di vista riguardo questo argomento sono molteplici e spesso discordanti perché quello delle culture giovanili è un argomento che sin dal principio della sua esistenza ha catturato l’attenzione di sociologici e psicologi di diversa formazione culturale, di giornalisti e esperti di opposte ideologie e in generale di tutto l’establishment culturale moderno.

Lo scopo di questa analisi è quello di una rivisitazione storica di quelle che sono state le maggiori e più studiate culture giovanili legate alla musica e alla politica, variabili indipendenti ma spesso intrecciate l’un l’altra nell’equazione del rapporto giovani/società, soffermandoci nell’approfondimento di queste espressioni nell’ambito italiano e analizzando in particolar modo quella legata all’espansione globale della cultura HipHop.

Dopo la parte teorica quindi ho effettuato una ricerca sul campo a Roma, mettendo a confronto due realtà apparentemente contrastanti del Rap romano: l’ambito Underground e quello Commercial. Grazie alle testimonianze di alcuni dei maggiori esponenti della Scena capitolina (Piotta, CorVeleno, Amir e altri) se ne è così ricostruita la storia, e si è visto il rapporto della Vecchia Scuola con l’ambiente attuale. Il risultato che ne emerge è quello di un HipHop ancora in grado, nonostante le differenze con il passato e la sua trasformazione da cultura di nicchia a cultura di massa, di catturare l’attenzione di molti giovani e soprattutto di esserne l’espressione. L’Underground e il Commercial si sono perciò scoperti come due emisferi fluttuanti l’un l’altro, frutto dell’instabilità dei codici comunicativi della metropoli moderna.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Capire i giovani di oggi vuol dire innanzi tutto capirne le mutazioni, le trasformazioni, i conflitti; studiarne le differenze e le similitudini rispetto alle generazioni precedenti; considerarne la musica, le mode, le tendenze; capire soprattutto i meccanismi che si sono instaurati prima, dopo, e durante determinati “punti di rottura” che si possono ritrovare all’interno della storia della società moderna. Le considerazioni e i punti di vista riguardo questo argomento sono molteplici e spesso discordanti perché quello delle culture giovanili è un argomento che sin dal principio della sua esistenza ha catturato l’attenzione di sociologici e psicologi di diversa formazione culturale, di giornalisti e esperti di opposte ideologie e in generale di tutto l’establishment culturale moderno. Lo scopo di questa analisi è quello di una rivisitazione storica di quelle che sono state le maggiori e più studiate culture giovanili legate alla musica e alla politica, variabili indipendenti ma spesso intrecciate l’un l’altra nell’equazione del rapporto giovani/società, soffermandoci nell’approfondimento di queste espressioni nell’ambito 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Alessandro Trabassi Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1554 click dal 14/06/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.