Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fenomenologia del linguaggio sportivo: codice interno o neolingua diffusa?

Cos'è il linguaggio sportivo? sicuramente una forma culturale mediante la quale i media divulgano e comunicano ad un pubblico, più o meno consistente e interessato, messaggi e contenuti di svariato genere.
Ma il linguaggio proprio dello sport si basa su ben altre regole che la singola informazione/descrizione: il suo fulcro è la chiarezza, la semplicità, l'enfasi, la drammatizzazione. La spettacolarizzazione dei fatti può portare così a soffocare la verità intrinseca della notizia al fine di coinvolgere le varie "masse di sportivi".
Quindi è lo sport ad essere di massa o il linguaggio sportivo?

Mostra/Nascondi contenuto.
1INTRODUZIONE Cos’è il “linguaggio sportivo”? Sicuramente è una forma cul- turale mediante la quale i me- dia divulgano e comunicano ad un pubblico, più o meno con- sistente e interessato, messaggi e contenuti di svariato genere. Stampa, radio, televisione sono allora o strumenti potentissimi, o fi nestre aperte sul mondo, che permettono di vivere, in diretta e non, vittorie, sconfi tte, pianti di gioia, rabbia e disperazione di atleti protagonisti di diversi av- venimenti sportivi. Il linguag- gio proprio dello sport è costi- tuito da parole chiare e semplici, immediate e coinvolgenti, con- dite con una giusta dose d’en- fasi e drammatizzazione che ser- vono a trasmettere indimentica- bili emozioni, drammi e paure, a innalzare personaggi a leggenda, a creare gli umori della gente. La funzione informativa fa sì che il giornalista sia un media- tore fra il mondo complesso dello sport e il pubblico, “una macchina per pensare” che tiene sempre presente la realtà dei fatti, ma soprattutto il suo punto di vista su questi e gli interessi e le aspettative dell’audience. Così nel messaggio sportivo capita che la spettacolarizzazione soffo- chi la verità intrinseca della noti- zia: ciò può essere considerato più o meno giusto, ma si deve ricono- scere che permette allo sport di vivere al di fuori ed oltre i tempi di svolgimento delle competizioni stesse, di essere un coagulante delle “masse di sportivi” di ogni categoria sociale che comunicano fra loro con un unico linguaggio. É allora lo sport ad essere di massa o il linguaggio sportivo?

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dell'Economia

Autore: Nadia Giannetti Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6711 click dal 21/06/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.