Skip to content

Basilea 2: innovazioni ed opportunità per le piccole e medie imprese

Informazioni tesi

  Autore: Laura Marchetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Marco Confalonieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

Il Nuovo Accordo di Basilea, basato sull'adozione di metodologie oggettive come il rating, è destinato a modificare in modo significativo l'approccio delle banche alla gestione del rischio creditizio. Le imprese da finanziare saranno valutate sui risultati, sulle politiche aziendali perseguite e sui progetti da realizzare.
Le piccole e medie imprese sembrano essere le più colpite dall'Accordo.
Lo scopo del mio lavoro è quello di dimostrare che Basilea 2 non costituisce esclusivamente una minaccia per le imprese ma che, al contrario, può essere un’opportunità da cogliere quanto prima per migliorare, crescere e instaurare un nuovo rapporto con le banche.

Il lavoro è suddiviso in 8 capitoli.
Nei primi due vengono descritti in primis il passaggio da Basilea 1 a Basilea 2, i passi compiuti dal Comitato durante l’iter di approvazione e le reazioni del mondo politico e finanziario del nostro Paese, poi i “tre pilastri” di Basilea 2 e le conseguenti novità sia per il settore bancario (come i coefficienti di ponderazione e il rischio operativo) che, di riflesso, per le imprese; infine il rating, la sua determinazione, le nuove categorie di prenditori stabilite da Basilea 2 ( Corporate, SME Corporate e Retail).
Il terzo capitolo descrive le caratteristiche del soggetto in esame, ovvero le piccole e medie imprese nella realtà italiana, per poi terminare con l’analisi di un caso particolare (quello riferito alle pmi artigiane) e con alcune indagini dagli esiti interessanti come quella condotta da Unioncamere.
Dal quarto capitolo si cominciano ad analizzare gli effetti per le imprese, quali il razionamento del credito, la prociclicità, la concorrenza tra le imprese e il rischio di uscita dal mercato di quelle marginali, le maggiori difficoltà per le start-up ad ottenere finanziamenti, ma anche la corretta allocazione del capitale di credito, il delinearsi di un nuovo rapporto tra banca e impresa, la richiesta di maggiore trasparenza di bilancio da parte degli istituti di credito, l’abbandono del multiaffidamento bancario.
Il quinto capitolo tratta dell’importanza delle garanzie date dai Confidi, che presto potranno essere non più soltanto utili ma, in certi casi, addirittura determinanti per l’ottenimento dei finanziamenti.
Alle pmi viene richiesto di modificare la propria cultura finanziaria, ecco perché la finanza avrà un nuovo e fondamentale ruolo al pari delle altre funzioni e nuove figure professionali diventeranno indispensabili; si discute poi della necessità di ricorrere a strumenti di finanza non tradizionale, nell’ottica di una graduale riconversione dei debiti da breve a medio lungo termine (capitolo 6).
Il successivo poi, commenta il ruolo dell’informazione con l’introduzione del Nuovo Accordo, l’importanza della trasparenza di bilancio affinché i suoi valori possano costituire una base attendibile per la determinazione del rating quindi il disinquinamento di bilancio e i riflessi della riforma del diritto societario, ma anche fiscale e fallimentare; infine si descrive la comunicazione economico-finanziaria come un’ottima opportunità per l’impresa di migliorare la propria valutazione, e riporta approfonditamente le informazioni che le imprese devono fornire per la determinazione del rating, con particolare rilievo a quelle qualitative.
A questo punto troviamo l’ottavo capitolo dedicato al questionario, realizzato con lo scopo principale di monitorare il livello di conoscenza sul tema “Basilea 2” da parte di un campione di piccole e medie imprese lombarde. Le considerazioni personali sono basate su un confronto tra le risposte ottenute e le informazioni raccolte per la stesura dei precedenti capitoli.
Il lavoro termina con le conclusioni e con un’appendice in cui ho voluto riportare alcuni approfondimenti: un elenco delle informazioni che vengono richieste dalla banca per la determinazione dello score quantitativo e qualitativo e delle grandezze da cui è possibile determinare certi valori e, infine, il questionario che è stato inviato alle pmi del campione per effettuare l’indagine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Scopo Il Nuovo Accordo di Basilea, basato sull'adozione di metodologie oggettive come il rating, è destinato a modificare in modo significativo l'approccio delle banche alla gestione del rischio creditizio. Le imprese da finanziare saranno valutate sui risultati, sulle politiche aziendali perseguite e sui progetti da realizzare. Le piccole e medie imprese sembrano essere le più colpite dall'Accordo. Lo scopo del mio lavoro è quello di dimostrare che Basilea 2 non costituisce esclusivamente una minaccia per le imprese ma che, al contrario, può essere un’opportunità da cogliere quanto prima per migliorare, crescere e instaurare un nuovo rapporto con le banche. 8

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordo
banca dei regolamenti internazionali
basilea
basilea 2
bis
bri
comitato
credit manager
credito
impresa
innovazioni
media impresa
nuove opportunità
piccola impresa
pmi
rating
ricapitalizzazione
risk manager
sconto
scoring

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi