Skip to content

Progettazione, realizzazione e monitoraggio di un sistema di gestione della conoscenza in ambito organizzativo / aziendale.

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Giorgianni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giovanni Adorni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

Il tema della gestione della conoscenza è negli ultimi anni al centro dell’attenzione non solo di svariate discipline accademiche, ma anche di diversi ambiti aziendali: questo perché il contesto socio-economico contemporaneo, sulla scia degli inesorabili processi di globalizzazione in atto, fa sì che la società nel suo complesso debba affrontare le problematiche legate all’insicurezza e all’instabilità che caratterizzano il mondo globalizzato. L’esplicita attenzione alla gestione della conoscenza è conseguenza di tale generale dilagare di incertezza in molti ambiti della quotidianità.
La tesi qui presentata ha l’obiettivo di affrontare questo tema “caldo” attraverso un percorso che dalla teoria generale sappia condurre alla messa in pratica di un concreto caso di studio aziendale.
Il punto di vista preferenziale dal quale si intende procedere nell’analisi è individuato nell’ambito organizzativo-aziendale: le teorie della gestione della conoscenza saranno affrontate in funzione della loro valenza a livello organizzativo e, quindi, meglio identificate dalla locuzione anglosassone di “Knowledge Management”.
L’aspetto pratico del mio lavoro riguarderà, invece, gli aspetti più prettamente informatico-tecnologici che costituiscono uno dei capisaldi del Knowledge Management.
Il concentrarsi maggiormente, da un punto di vista operativo, sugli aspetti tecnologici non può prescindere da un’attenta disamina della disciplina del Knowledge Management, per poter capire e definire gli obiettivi, i vincoli e le prerogative che un intervento tecnologico in questo ambito debba rispettare.
Per questo motivo il presente lavoro si divide in due parti: la prima, principalmente teorica, affronta nel dettaglio le basi, le criticità e le applicazioni della disciplina manageriale del Knowledge Management; la seconda, sostanzialmente pratica, in cui viene affrontato un caso di studio con l’obiettivo di sviluppare un sistema informatico in grado di migliorare i processi di comunicazione interni ad un’area funzionale di un’azienda, secondo un approccio orientato alla gestione della conoscenza.
La parte teorica si apre con una contestualizzazione socio-economica all’interno del passaggio dal fordismo al post-fordismo e la conseguente nascita del concetto organizzativo di “learning organization”, per poi addentrarsi nel dettaglio di due contributi particolarmente importanti per lo “sdoganamento” nel mondo manageriale degli studi accademici sulla gestione della conoscenza: “La quinta disciplina. L’arte e la pratica dell’apprendimento organizzativo” di Senge (1990) e “The knowledge creating company” di Nonaka-Takeuchi (1995).
Il contributo di Senge risulta fondamentale per chiarire da un punto di vista più sistemico il reale obiettivo che dovrebbe porsi la gestione della conoscenza aziendale, ossia garantire il consolidamento di una struttura aziendale flessibile e “intelligente”, in grado di rispondere con prontezza al mutare dei contesti in cui via via verrà a trovarsi.
Nonaka e Takeuchi, invece, esplicitano le dinamiche specifiche con cui la conoscenza si muove, si riproduce, nasce, muore e si concretizza in prodotti all’interno della realtà aziendale; il loro contributo risulta prezioso nel far percepire l’importanza della dimensione soggettiva della conoscenza e dell’immenso valore che tale dimensione può avere.
Il tema delle comunità di pratica, vero e proprio elemento trainante dei processi di gestione della conoscenza, completa il quadro teorico delle fondamenta del Knowledge Management. Il grande contributo di questo filone di studio consiste nel sottolineare l’importanza delle reti di relazioni nei processi di diffusione e creazione della conoscenza.
Il secondo capitolo si concentra sulla disciplina manageriale del Knowledge Management e sulle sue componenti portanti: cultura, organizzazione e tecnologia.
Si viene a configurare in maniera più chiara come l’azione aziendale di gestire la conoscenza si traduca in interventi multidisciplinari, in cui le spinte all’innovazione in ciascuno dei singoli campi siano necessariamente correlate con spinte, altrettanto forti, negli altri campi: lo sviluppo di sistemi di Knowledge Management “informaticamente perfetti”, ad esempio, non garantisce affatto, da solo, una efficace gestione della conoscenza aziendale. Infatti a questo vanno affiancati interventi culturali in grado di cambiare l’approccio al modo di lavorare delle persone e interventi organizzativi che sappiano strutturare le varie parti in causa in maniera funzionale agli obiettivi aziendali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il tema della gestione della conoscenza è negli ultimi anni al centro dell’attenzione non solo di svariate discipline accademiche, ma anche di diversi ambiti aziendali: questo perché il contesto socio-economico contemporaneo, sulla scia degli inesorabili processi di globalizzazione in atto, fa sì che la società nel suo complesso debba affrontare le problematiche legate all’insicurezza e all’instabilità che caratterizzano il mondo globalizzato. L’esplicita attenzione alla gestione della conoscenza è conseguenza di tale generale dilagare di incertezza in molti ambiti della quotidianità. La tesi qui presentata ha l’obiettivo di affrontare questo tema “caldo” attraverso un percorso che dalla teoria generale sappia condurre alla messa in pratica di un concreto caso di studio aziendale. Il punto di vista preferenziale dal quale si intende procedere nell’analisi è individuato nell’ambito organizzativo-aziendale: le teorie della gestione della conoscenza saranno affrontate in funzione della loro valenza a livello organizzativo e, quindi, meglio identificate dalla locuzione anglosassone di “Knowledge Management”. L’aspetto pratico del mio lavoro riguarderà, invece, gli aspetti più prettamente informatico-tecnologici che costituiscono uno dei capisaldi del Knowledge Management. Il concentrarsi maggiormente, da un punto di vista operativo, sugli aspetti tecnologici non può prescindere da un’attenta disamina della disciplina del Knowledge Management, per poter capire e definire gli obiettivi, i vincoli e le prerogative che un intervento tecnologico in questo ambito debba rispettare. Per questo motivo il presente lavoro si divide in due parti: la prima, principalmente teorica, affronta nel dettaglio le basi, le criticità e le applicazioni della disciplina manageriale del Knowledge Management; la seconda, sostanzialmente pratica, in cui viene affrontato un caso di studio con l’obiettivo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione interna
condivisione
conoscenza organizzativa
content management systems
gestione della conoscenza
gruppi di lavoro
innovazione aziendale
intranet
knowledge management
knowledge management systems
learning organization
nonaka
open source
organizzazione che apprende
plone
portale aziendale
python
senge
sistemi di gestione della conoscenza
zope

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi