Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Estetica delle rovine

“Tutti gli uomini hanno una segreta attrazione per le rovine”. Lo scrive Chateaubriand agli inizi dell’Ottocento, nel Genio del Cristianesimo. Il fascino esercitato dai resti imponenti e solenni, dalle tracce, dalle vestigia e dai detriti, è alla base dell’estetica del sublime; questa alimenta lo sgomento misto ad ammirazione di fronte alla bellezza delle rovine. Dalla seconda metà del XVIII secolo si va affermando il gusto per le architetture gotiche che, rispetto alle misure neoclassiche, appaiono sproporzionate e irregolari. Il gusto per l’informe porta a una nuova fascinazione delle rovine; già nel Rinascimento era emerso questo interesse riferito all’antichità greca, poiché attraverso le sue rovine si poteva indovinare la forma compiuta e pura delle opere antiche e originali. Il Neoclassicismo aveva cercato di reinventare queste forme, da Canova a Winckelmann. Ora invece, agli inizi dell’Ottocento, la rovina è apprezzata per la sua incompletezza, per i segni che il tempo, inesorabilmente, vi ha lasciato, per la vegetazione incolta che la ricopre, per i suoi muschi e le sue crepe. Come possiamo leggere nell’Adonais di Percy Bysshe Shelley:

“Su vai a Roma che è insieme il paradiso, la tomba, la città e il deserto; e passa dove le rovine s’ergono come montagne frantumate, e le gramigne fiorenti e le piccole selve profumate vestono l’ossa nude della desolazione, finché lo spirito del luogo guiderà i tuoi passi a un declivio il cui accesso è verdeggiante, dove come il sorriso di un bambino fra l’erba sopra i morti si distende una luce di fiori sorridenti…”.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE “Tutti gli uomini hanno una segreta attrazione per le rovine”. Lo scrive Chateaubriand agli inizi dell’Ottocento, nel Genio del Cristianesimo. Il fascino esercitato dai resti imponenti e solenni, dalle tracce, dalle vestigia e dai detriti, è alla base dell’estetica del sublime; questa alimenta lo sgomento misto ad ammirazione di fronte alla bellezza delle rovine. Dalla seconda metà del XVIII secolo si va affermando il gusto per le architetture gotiche che, rispetto alle misure neoclassiche, appaiono sproporzionate e irregolari. Il gusto per l’informe porta a una nuova fascinazione delle rovine; già nel Rinascimento era emerso questo interesse riferito all’antichità greca, poiché attraverso le sue rovine si poteva indovinare la forma compiuta e pura delle opere antiche e originali. Il Neoclassicismo aveva cercato di reinventare queste forme, da Canova a Winckelmann. Ora invece, agli inizi dell’Ottocento, la rovina è apprezzata per la sua incompletezza, per i segni che il tempo, inesorabilmente, vi ha lasciato, per la vegetazione incolta che la ricopre, per i suoi muschi e le sue crepe. Come possiamo leggere nell’Adonais di Percy Bysshe Shelley: “Su vai a Roma che è insieme il paradiso, la tomba, la città e il deserto; e passa dove le rovine s’ergono come montagne frantumate, e le gramigne fiorenti e le piccole selve profumate vestono l’ossa nude della desolazione, finché lo spirito del luogo guiderà i tuoi passi a un declivio il cui accesso è verdeggiante, dove come il sorriso di un bambino fra l’erba sopra i morti si distende una luce di fiori sorridenti…”. All’ammirazione e al fascino per la bellezza e la semplicità del classico si sovrappongono spesso un sentimento di profonda melanconia di fronte allo spettacolo desolante dei resti del passato e l’amarezza per la caducità delle opere dell’uomo. L’emozione che le rovine producono è certo provocata da questo senso di caducità che esse ispirano, ed è certo favorita dall’accostamento con il paesaggio che le ospita. Ma l’emozione è anche prodotta da una nostalgica risalita a un’integrità primigenia; e per questa risalita vengono messi a frutto i procedimenti della filologia. Lo splendore e la magnificenza dei luoghi che abbiamo descritto, in questo lavoro, sono tali che il visitatore è sopraffatto da reverenza e rapimento nel momento in cui volge lo sguardo verso le loro antiche rovine.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Nausica Caniglia Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11963 click dal 11/07/2006.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.