Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il reato di abuso d'ufficio. Un caso di studio: il rilascio di un'autorizzazione edilizia temporanea.

La tesi analizza la controversa figura del delitto di abuso di ufficio, più volte soggetta a revisioni normative e ad elaborazioni giurisprudenziali. Partendo dall'analisi della fattispecie nei suoi elementi costitutivi, si perviene all'analisi di un caso concreto di studio, con approfondimento delle motivazioni riportate dal giudice di merito nella sentenza di condanna emessa nel 2004 nei confronti di un amministratore locale, reo di aver rilasciato un'autorizzazione edilizia illegittima.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 IL REATO DI ABUSO D’UFFICIO UN CASO DI STUDIO: IL RILASCIO DI UN’AUTORIZZAZIONE EDILIZIA TEMPORANEA INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL REATO DI ABUSO D’UFFICIO NEL CODICE PENALE I delitti contro la pubblica amministrazione sono compresi nel libro II – titolo II – del Codice Penale; il titolo II si suddivide in tre capi: il Capo I (delitti dei pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione) ed il Capo II (delitti dei privati contro la P.A.) sono costituiti da norme incriminatici; il Capo III da norme definitorie. Un simile inquadramento sistematico dimostra l’importanza che il legislatore penale ha inteso riconoscere a questa categoria di delitti, trattati immediatamente dopo i delitti contro la personalità dello Stato. Il Capo I, che comprende solamente reati propri (cioè che possono essere commessi solo da persone che hanno determinate qualifiche), è stato riformato nel 1990 (e quindi nel 1997 per il delitto di cui all’art. 323 c.p.). La riforma di questo gruppo di delitti ha accolto la mutata concezione dello Stato, che da autoritaria si è via via evoluta secondo i principi costituzionali ed il moderno senso comune. E’ però rimasta una comune disciplina per l’intera organizzazione burocratica dello Stato, per cui è stata mancata l’occasione di accogliere le esigenze diseguali e differenziate dei poteri statuali. Il concetto di pubblica amministrazione, sotto il profilo penalistico, è diverso da quello elaborato nel diritto pubblico. Per il diritto pubblico infatti la P.A. corrisponde all’organizzazione pubblica preposta ad “amministrare”, cioè a svolgere la funzione tipica del potere esecutivo (cfr. Concezione tripartita del

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandro Scarpellini Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2876 click dal 29/08/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.